Manfredonia
"Sento il bisogno da libero pensatore innamorato della propria città di intervenire sulla questione Energas"

Deposito gpl, Michelangelo Basta “Manfredonia non è in vendita”

"Chiedo a tutti, politici ed amministratori di prendere una posizione netta"

Di:

Manfredonia. ”Premesso che ho deciso di ritirarmi dalla vita politica attiva e che non sarò mai più candidato in nessuna competizione elettorale, sento il bisogno da libero pensatore innamorato della propria città di intervenire sulla questione Energas. Sento il dovere di intervenire perché sono indignato dal fatto che il nostro territorio già tanto martoriato sia svenduto da qualche affarista e speculatore che agendo nell’ombra fa si che Manfredonia ed i suoi abitanti appaiano come i nativi del Nuovo Mondo di inizio 500, con la differenza che agli indios i conquistadores spagnoli inizialmente portavano specchi e stoffe per poi infilzarli con la spada, a noi oggi bastano pochi panettoni ed una eventuale sponsorizzazione della locale squadra di calcio!

La macchina dell’illusione è stata messa in moto. Noto da qualche tempo, anche ad opera di certa stampa che fino l’anno scorso enfatizzava la rinascita turistica di Manfredonia, sia come attrazioni che come presenze, oggi parlare sull’argomento in termini pessimisti. Si vuole inculcare, con la più becera attività di compravendita del pensiero, nella mente dei manfredoniani l’idea che la nostra città non avendo vocazione turistica abbia negli impianti industriali ed in particolar modo nella istallazione delle condutture Energas l’unica possibilità di sviluppo e rinascita economica. Basterebbero quattro lidi balneari a dare occupazione, anche se per soli quattro-cinque mesi, ad un numero di giovani pari a quelli da impiegare per il gasdotto. E i nostri politici? I nostri Consiglieri Regionali? Chiedo a tutti, politici ed amministratori di prendere una posizione netta senza lasciare spazio ad ilazioni e retropensieri contro l’ennesimo scempio che si vuole perpetrare ai danni della nostra terra. Non è possibile che si torni a commettere gli stessi errori del passato! Non è possibile né concepibile che qualche losco individuo si riempi la pancia a discapito di un’intera comunità! Manfredonia non è in vendita!

Nel ringraziarvi per l’attenzione”.

(A cura dell’Avv. Michelangelo Basta, Manfredonia 22.06.2016)

Redazione Stato Quotidiano.it – Riproduzione riservata



Vota questo articolo:
20

Commenti


  • Mah

    Michelangelo mi piacerebbe sapere dov’è il lavoro ai lidi balneari ne avrei bisogno. Ma io dico prima di dire no ad Energas non è meglio informarsi? Perché rifiutare posti di lavoro che servirebbero? La Manfredonia che ha bisogno dice sì ad Energas perché è quella che ha fame è quella dei giovani che non vogliono perdere la casa dopo anni di sacrifici perché voi dite sempre no. La mafredonia che ha dignità e non vuole rivolgersi ai servizi sociali dice sì al lavoro dice sì ad Energas pur di non stare ancora sotto schiaffo dei politici


  • Il nero è la vera ricchezza di Manfredonia

    Il lavoro c’è a volte è anche sotto pagato e in nero…guardate spiaggia Castello quanti ombrelloni ci sono e quante cabine e quanti lettini..il fatturato e Siponto la stessa cosa ma fatemi il piacere! Ha ragione L’avvocato!!! Nero ittico e nero turistico!


  • Nino Di Giovanni

    Chi vuole lavorare il lavoro lo trova. Mio cugino si è girato tutti i lidi e lo hanno assunto per i tutto il periodo estivo proprio ad un lido nuovo. Mio fratello è andato a fare l’animatore con Holiday in facendu una semplice mail.
    Mah se uno non vuole lavorare trova scuse e gas


  • Nino Di Giovanni

    Michelangelo (ometto volutamente il cognome perchè non voglio che faccia basta), dopo queste affermazioni non ti puoi ritirare a vita privata.


  • Capacchione

    Qui non si tratta di vendere la città , qui si tratta di disinformazione. Come mai i politici fecero e dissero di tutto per insediare un’industria che sapevano benissimo che imquinava e parlo dell’Enichem. Adesso nessun politico vuole far insediare l’Energas anche se non inquina . L’unica e più ridicola scusa è quella di un impensabile attentato che faccia esplodere il deposito . Chiedetevi il perché del no dei politici .


  • Biancospino

    Michelangelo Basta chi ???


  • ciccio boom

    STO MORENDO DALLE RISATE I POLITICI NON VOGLIONO??AHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHH


  • Per "Mah" e "Il nero è la vera ricchezza di Manfredonia"

    Ha ragione Michelangelo Basta!
    Già solo 4-5 lidi balneari danno più posti di lavoro che tutta l’Energas insieme! E con un impatto ambientale pari a zero.
    E non dite cavolate sui lidi della spiaggia castello o di siponto perchè ci sono lidi che tengono ingaggiate per la stagione estiva anche 10 persone (ingaggiate regolarmente altro che lavoro in nero!). Informatevi prima di scrivere perchè i lidi sono soggetti a controlli frequenti: non uno, ma anche tre o quattro a stagione, da parte di tutti: Carabinieri, Capitaneria di Porto, Guardia di Finanza e Ispettorato dei lavori. Chi dice e scrive cose diverse sono solo quei 4 traditori del nostro paese che non amano Manfredonia e sperano di essere (solo loro 4!) raccomandati per essere assunti all’Energas.

    A questi 4 ignoranti che scrivono su questi forum, dico di farsi la valigia ed andarsene in Germania che qui facciamo volentieri a meno di loro e dei politici traditori loro amici e di alcuni costruttori senza scrupoli che sono capaci di fare gli imprenditori solo con i soldi degli altri e del Comune.

    A Michelangelo Basta dico di essere contento per le cose che ha scritto e ha detto. Bravo Michelangelo!
    Questa tua posizione è sicuramente un forte segnale per tutti!!!
    Sull’atteggiamento di Antonio Sdanga stendo un velo pietoso.
    Dio vede e provvede!


  • Accontentiamoci di quello che già abbiamo o finiremo per non avere più neppure quello...

    Già da sole tutte le attività collocate dal castello/spiaggia libera fino alla piscina (lidi, chioschi, gelateria, bar, pizzerie e ristoranti), danno oltre il triplo dei posti di lavoro che darebbe Energas.
    Pensate voi se la presenza di Energas con navi che attraccano in continuazione, lavano le loro cisterne e sversano in mare, maleodoranti esalazioni frequenti nell’aria, con sfiatamento del gpl durante i travasi e puzza di gas che arriva fino alla costa, dovesse pregiudicare irrimediabilmente la fruibilità della costa e le attività commerciali che già vi insistono, si assisterebbe alla perdita di circa 150 posti di lavoro in un sol colpo a fronte di scarsi 40 posti di lavoro (forse) che Energas darebbe ed anche con gravissimo e pericolosissimo impatto ambientale!
    Ma vi rendete conto che a volere l’Energas sono solo quei quattro sfigati che hanno da ricavarci qualcosa perchè o gli è stato promesso il posto di lavoro all’interno del deposito o si occuperanno dei trasporti su rotaia o della sicurezza all’interno dell’impianto (vedi quel Marco che spara cazzate a non finire su Facebook!) o vogliono sficcare soldi all’Energas con le sponsorizzazioni delle squadre o quei giornalisti pennivendoli che si stanno facendo comprare.
    A parte ‘sti 10 cretini traditori, NESSUNO A MANFREDONIA VUOLE L’ENERGAS. L’AVETE CAPITO?!


  • Marco G. il raccontaballe di Facebook

    Ma questo Marco perchè non si trasferisce in Germania con tutta la sua famiglia e si toglie dalle scatole. Resto allibito per cosa è disposta a fare una persona per un piatto di lenticchie… Ma vai a occuparti di sicurezza all’ILVA… Va’ va’…
    Mo per far guadagnare a lui, ci dovessimo mettere la bomba ambientale in casa nostra. Ma guardate che tipo… Ed è pure amico di Salvatore… Bella robb! Poi uno non deve pensare male e che stanno già tutti d’accordo. Speriamo che almeno Angelo Riccardi sia sincero.

    Comunque, io condivido ciò che ha detto l’avv. Basta.
    Basta Michelangelo SINDACO! Altro che Zingariello…


  • agguerrito

    4 o 5 lidi? Da far aprire a chi? Ai soliti “amici”? Oltre ai vecchi gestori che si sono “tramandati” le concessioni, chi ha avuto accesso a nuove concessioni?
    E poi….avv. Basta, si è mai rivolto all’ufficio Annona/demanio?
    I preposti non sanno nemmeno dove abitano….


  • Miki

    X capacchione:dopo il madornale errore dell’Enichem ,si sà le conseguenze mortali sull’organismo umano. Dopo 40 anni , con la dispersione dell’arsenico nell’aria, miete ancora morti.Ed è uno dei siti più inquinati d’Europa,detiene il primato. L’ENERGAS non porterà lavoro in futuro, perchè sarà un megadeposito GPL. Se non inquina: è una bestemmia. Perchè le navi gasiere, che trasporteranno il GPL in uno stato liquido si serviranno dell’acqua di mare , con aggiunta di cloro, per portare il GPL da una temperatura di -42°a 0°C. Distruggendo l’eco sistema marino. Inoltre è un gas inodore a differenza del gas metano,se ci dovesse essere una perdita sarà troppo tardi ,finiremo arrostiti come la carne sul barbecue. Approvo l’articolo di Michelangelo Basta.:è una persona con la coscienza pulita e dice la verità. NO ERERGAS.


  • Tp

    Ormai vivo in romagna da 25 anni e seguo quanto accade nella mia città grazie a questo giornale online con il quale sto seguendo da tempo le vicissitudini dello “sviluppo” anche industriale di Manfredonia.
    Purtroppo noto che i manfredoniani hanno la memoria corta.
    La mia domanda è questa, che differenza c’è tra il caso gpl e il caso zuccherificio di qualche anno fa?
    Infatti circa 8/9 anni fa se non erro, doveva nascere a Manfredonia una raffineria di zucchero di canna, ma è stato detto un NO secco da parte della giunta comunale dell’epoca. Ricordo che c’era il parere favorevole di tutti da roma alla regione alle varie associazioni, tranne però del comune e per questo motivo non fu realizzato.
    Il motivo del No dato dal comune, almeno cosi è stato scritto, è che questa raffineria doveva produrre energia realizzando una piccola centrale a biomasse (olio vegetale) e un’altra a metano, pertanto il progetto è stato ritenuto “pericolosissimo” in quanto doveva sorgere a 2 km c.a dalla città.
    Ora mi domando e dico, perchè all’epoca, considerando che c’erano in gioco c.c.300 posti di lavoro, non fu sentito il parere dei cittadini?


  • onestà

    meno male che vi siete ritirati, perchè cambiare partito ogni volta fa perdere la faccia. Il M5S vi avrebbe cacciati tutti lo stesso prima o poi.


  • Zuzzurellone Sipontino

    Cosa non si fà per cinque minuti di notorietà. Lei ha perso alle passate amministrative.


  • agguerrito

    Assunti presso i lidi balneari? Forse si…..ma tutti part-time a 4 ore al gg….
    Però poi…..si inizia alle 7 del mattino e si finisce alle 19 della sera, con al max 1 ora di pausa x andare a pranzare.
    I controlli sn “all’acqua di rose”….altrimenti vi avrebbero fatti chiudere tutti.


  • Bravo Michelangelo

    Manfredonia ha una predisposizione naturale al turismo come regalo della sorte. Ma non avendo alcuna vocazione ad esercitarlo professionalmente (perche’ soffocata da superiori interessi) si comporta come quelli aborigeni che, venuti in possesso di un aereo che era atterrato nella savana per mancanza di carburante, lo hanno usato e vogliono continuare ad usarlo come pollaio e luogo ricettacolo di porcherie. Colgo l’invito e collega Michelangelo a prendere coscenza della potenzialita’ del territorio di Manfredonia. Insomma, non facciamo come quegli indigeni con l’aereo. Non dilapidiamo in maniera irreversibile l’incredibile risorsa (che tutti, nonostante tutto, ci invidiano) per ignavia, mancanza di visione, o, peggio ancora, per assecondare, come dice Michelangelo, i desiderata “di qualche affarista e speculatore che agisce nell’ombra”.


  • Pastunate

    Da quale uovo di Pasqua è uscito questo????


  • zak

    Bell’uomo Basta però… ma per piacere….


  • Pasquino

    Il signor Basta forse non si è ancora resoconto che Manfredonia è stata già (s) venduta e non da oggi. Il resto sono soltanto pie illusioni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati