Manfredonia
A cura di Pascalonia

Manfredonia. Epigrammi domenicani


Di:

EPIGRAMMI DOMENICANI – III

Lla cchjù bbrutta cose, se june ce fisse,
ca llu prejore a chépe ne lla chjeche,
lli cose cj’ànna fé cume dice jisse,
de ll’openjone de ll’ate ce ne freche.
^^^
Ma pecché, quanne ll’ànne puste a dote
ne ll’ò ditte ca ll’aveva prutègge?
Ne nvulèsse turnè mo proprje ndrete?
Chi cumanne ne ndene a ména lègge?
^^^
E allore facèsse lli duvere,
abbuzzasse, cettisse e stèsse sote,
a cumanné ce vole pure u core,
grattasse lli… rine a chica lli prete….

Pascalonia

La cosa più brutta, quando uno si fissa (incaponisce),/ chè il priore la testa non la china,/ le cose si devono fare come dice lui,/ del parere degli altri se ne frega.// Ma perché, quando gli hanno imposto la dote (incarico),/ non gli hanno detto che la doveva proteggere?/ Che non voglia proprio adesso tornare indietro?/ Chi comanda non ha (forse) la mano leggera (sa come intrufolarsi)?// Ed allora, faccia i doveri (suoi),/ ammutolisse, zittisse, stia calmo/ per comandare ci vuole pure cuore (un ideale),/ strofinasse i…reni a chi li prode…

Manfredonia. Epigrammi domenicani ultima modifica: 2017-06-22T10:33:01+00:00 da Redazione



Vota questo articolo:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi