CulturaManfredonia
Poeta dialettale alquanto prolifico

Manfredonje: terre de Re Manfrode [‘Manfredonia: terra di Re Manfredi’] di M. Nenna

Presente, tra l’altro, nell’abbastanza nota antologia di poeti garganici 'Poesia dialettale della Capitanata - Tavoliere-Subappenino -Gargano / a cura di Sergio D’Amaro, Mariantonietta Di Sabato, Cosma Siani’; Edizioni Confine, 1997


Di:

Manfredonia – Riceviamo e pubblichiamo con molto piacere il seguente componimento intitolato Manfredonje: terre de Re Manfrode [‘Manfredonia: terra di Re Manfredi’]. Poesia, nel dialetto di Manfredonia, scritta da Michele Nenna (Manfredonia, 1938). Poeta dialettale alquanto prolifico presente, tra l’altro, nell’abbastanza nota antologia di poeti garganici ‘Poesia dialettale della Capitanata – Tavoliere-Subappenino -Gargano / a cura di Sergio D’Amaro, Mariantonietta Di Sabato, Cosma Siani’; Edizioni Confine, 1997:

MAMBREDONJE: TERRE DE MANFRODE
Da stu pajose je m’allundene
e me ne véche pu core ‘mméne.
Me ne véche cu penzire de turne subbete
e sapì ca fatuje t’aggiure atturne.

Quanda despitte ca t’hanne fatte
lassannete ‘ndrote: uardanne a’late.
Accume si stéte cumbenéte!?
Nen meretive sta spècie de sceneggéte…

U desederje de turnè je sembe forte!
Venènne da lundéne… trasenne queda porte
ca speranze de vedì i culure ‘mmene a ‘mmene
e fe turné sta cettà a ‘Reggine du Garghéne’.

A u rre ‘nge vulevene sti scunfitte.
Da i riuniune de palazze: a chi prime ce lu pigghie!
A u poste lore bastarrinne poche calefatene
p’aggiustè stu trabbachele scumacchiéte!

Mambredonje: terre améte de Manfrode
pe colpe de chi si rumese ‘ndrote?
Eppure, jive a chiù bella perle de la culléne:
quedda chiù lucènde de… lu Garghéne
.

MANFREDONIA: TERRA DI MANFREDI
Da questo paese (città) io mi allontano / e me ne vado col cuore in mano. / Me ne vado col pensiero di tornare subito / con la speranza di vederti circondato (attorniato) da abbondanza di lavoro (di occupazione). // Quanti dispetti ti hanno fatto (hai subito) / lasciandoti indietro (abbandonandoti): a guardare (passivamente) gli altri (gli altri paesi del Gargano). / Come ti hanno ridotto!? / Non meritavi (di subire) questa specie di sceneggiata (di scempi)… // Il desiderio di tornare è sempre forte! / Venendo (tornando) da lontano… attraversando quella porta (la porta della città) / con la speranza di vedere i colori (della città) che si danno la mano (in armonia) / fino a far tornare questa città “Regina del Gargano”. // Al re (Manfredi) non occorrevano queste sconfitte. / Dalle riunioni di palazzo (a partire dalle riunioni di palazzo): a chi prima se lo prende (il palazzo ossia il potere)! / Al loro posto basterebbero pochi calafati / ad aggiustare (riparare) questo trabaccolo malridotto! // Manfredonia: terra di Manfredi / per colpa di chi sei rimasta indietro (per colpa di chi non ti sei evoluta)? / Eppure, eri la perla pìù bella della collana: / quella più lucente del… Gargano.

Redazione Stato

Manfredonje: terre de Re Manfrode [‘Manfredonia: terra di Re Manfredi’] di M. Nenna ultima modifica: 2015-07-22T19:22:47+00:00 da Redazione



Vota questo articolo:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Share This