Manfredonia
Non ci permettono di far parte della vita sociale anche nei luoghi pubblici

Rabbia disabile: “barriere architettoniche a Manfredonia, se ne fregano”

In biblioteca c'è un sali scale inutilizzabile da mesi. Il cinema è inagibile e sprovvisto di ascensore e uscite di sicurezza


Di:

Manfredonia – “CIAO Statoquotidiano, sono un ragazzo disabile e vorrei pubblicare una segnalazione sulle barriere architettoniche che ci sono a Manfredonia. Sono inumerevoli e creano disagio per il passaggio di persone in carrozella. Non ci permettono di far parte della vita sociale e di accedere nei luoghi pubblici. In biblioteca c’è un sali scale inutilizzabile da mesi (come rende noto il Comune il servo scala della biblioteca è ‘lento e obsoleto’ ma ‘funzionante e costantemente monitorato’,ndr). Il cinema è inagibile e sprovvisto di ascensore e uscite di sicurezza. Questo non è un bene per la nostra città e le persone che dovrebbero prevenire queste cose e invece non prendono provvedimenti” (lettera firmata, Dino, Manfredonia 22 luglio 2015).

I recenti provvedimenti della Giunta comunale di Manfredonia. Con delibera del 13 maggio 2015, la Giunta comunale di Manfredonia ha approvato le linee di indirizzo, in ordine alla predisposizione del Piano per l’eliminazione delle barriere architettoniche (P.E.B.A.) del Comune di Manfredonia che dovrà essere dotato delle seguenti principali caratteristiche:
– essere un documento che derivi da un percorso partecipato con le Associazioni di rappresentanza delle persone con disabilità;
− essere un Piano strategico per favorire l’accessibilità degli spazi ed edifici pubblici, favorendo l’integrazione sociale, la sicurezza, la qualità di vita e la mobilità di tutti i cittadini;
− essere un Piano che permetta di conoscere il grado di accessibilità e fruibilità della città e del proprio patrimonio immobiliare, consultabile on-line sul sito del Comune di Manfredonia; − essere conforme ai principi dell’Universal Design, ovvero alle linee di indirizzo indicate.

E’ stato da qui dato mandato al dirigente del Settimo settore, previa ricognizione degli oneri di urbanizzazione introitati nell’anno corrente, di impegnare almeno il 10% per l’attuazione di opere volte all’eliminazione delle barriere architettoniche negli spazi pubblici.

Si attendono sviluppi.

ALLEGATO
DGC2015_119

Redazione Stato@riproduzioneriservata

Rabbia disabile: “barriere architettoniche a Manfredonia, se ne fregano” ultima modifica: 2015-07-22T15:09:34+00:00 da Redazione



Vota questo articolo:
10

Commenti


  • ciro

    vicino il bar pace non c’e’ una discesa per disabili sono anni che l’ho diciamo il marciapiede e’ molto alto fate qualcosa.


  • Mapi

    I pochissimi marciapiedi adattati ai disabili non sono utilizzabili per 2 ragioni.
    La prima è perché esiste un dislivello che non permette di salire con la carrozzina; la seconda è perché la massa popolare continua imperterrita a parcheggiarci davanti. Inoltre i parcheggi adibiti ai disabili sono costantemente occupati da chi disabile non è.Rispetto per i prossimo e per chi è meno fortunato di voi. Io vedo solo tantissima strafottenza….


  • elettore

    (la ringraziamo per la segnalazione, presto interverremo accogliendo la sua richiesta, grazie, Statoquotidiano.it – segreteria@statoquotidiano.it)


  • Michele

    Perforza. se Angelo Riccardi pensa alle statue dei cavalli è normale che trascura le cose serie e importanti.


  • indignata

    Infatti concordo con Michele al posto di pensare al lavoro a fare cose utili per i bisognosi qua pensiamo alle cavolate


  • Luana

    Per Michele ed Indignata , veramente alle cose serie si pensano in questo paese , siete voi i primi a non avere rispetto per le cose , per le persone e per tutti . Parlate di lavoro , vi fate grandi solo con la bocca poi ai fatti concreti vi tirate indietro . Vergognatevi


  • volato

    ma ragazzi, ma veramente state a dire; ma delle barriere architettoniche la “gente” se ne accorge solo quando sono di ostacolo a “loro” . Non prendiamocela con il sindaco, o magari anche con il governo; il problema siamo “noi”, l’inciviltà in questa città (come in molte altre ad onor del vero) regna sovrana; basta vedere lo stato delle nostre piazze/strade all’indomani di qualsiasi giornata – sono degli immondezzai – lasciare un mozzicone di sigaretta per terra da chi dipende? da “noi”. Poi magari è lo stesso che ha lasciato il mozzicone per terra che si lamenta dello stato di degrado della città. La cosa più grave di tutte, purtroppo è che quest’atteggiamento è molto diffuso anche tra i ragazzini piccoli, quelli di scuola media; poverannoi!!!!


  • Giuseppe

    per Luana o nome a caso (Mattia) Dai non te la prendere lo so che la verità fa male ma se uno poi lavora nessuno dice più niente.


  • michele parlante

    Caro amico Foggia e iene di barrier peggio di Manfredonio ti vorrei portare con me un giorno per renderti conto.Poi senza parlare della mala educazione dei cittadini e una battaglia al giorno…

  • Bel paesino ma l’ignoranza e la strafottenza dei cittadini ne fa capolino!!!
    Ho un papà disabile in carrozzina e per una breve vacanza a Manfredonia ho potuto constatare tanta maleducazione. Macchine parcheggiate sulle strisce pedonali, con vigili a 50mt, totalmente indifferenti; marciapiedi altissimi o dove ci sono delle discese, si trovano dei pali della luce; Gente fuori dai bar che ti vedono passare con la carrozzina e non si spostano di un millimetro; Per fortuna che in altri paesi della Puglia tutto ciò non esiste!!!! Vi consiglio di andare altrove per delle vacanze con persone educate ed altruiste!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Share This