Regione-TerritorioStato prima
Armani: preoccupante incremento di incidenti causati dalla distrazione associata all’alta velocità

Esodo estivo, bollino nero il 6 agosto

Appello agli automobilisti alla prudenza ed alla massima attenzione mentre si è alla guida

Di:

Roma, 22 luglio 2016 – Sicurezza stradale, informazione al cliente, pronto intervento in caso d’emergenza, rimozione dei cantieri per agevolare il flusso del traffico. Sono queste le principali azioni messe in campo da Anas per assicurare nelle prossime settimane un viaggio sicuro e confortevole ai propri clienti. Il piano dell’esodo estivo 2016, redatto in collaborazione con il ministero delle Infrastrutture e con Viabilità Italia, è stato presentato oggi al Viminale dal Presidente dell’Anas Gianni Vittorio Armani insieme a Viabilità Italia, all’Aiscat, alla Protezione Civile, alla Polizia Stradale, alla Polizia di Stato, all’Arma dei Carabinieri e al Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco.

“Anas in questi mesi – ha sottolineato Armani – ha avviato un grande progetto di manutenzione della rete stradale e autostradale sull`intero territorio nazionale, che prevede investimenti infrastrutturali per oltre 20,2 miliardi di euro per più di 3.600 chilometri di strade, di cui 8,2 miliardi destinati alla manutenzione straordinaria. Il nostro obiettivo, anche per l’esodo estivo 2016, è quello di offrire maggiore sicurezza e comfort attraverso la manutenzione stradale, ma anche con l’informazione al cliente tramite canali dedicati ed il pronto intervento attraverso il monitoraggio 24 ore su 24 della rete Anas”.

Tenuto conto che il 93% degli incidenti deriva dal comportamento del guidatore (dato Ocse), il Presidente Armani nell’occasione ha lanciato un forte appello invitando gli automobilisti alla prudenza ed alla massima attenzione mentre si è alla guida ricordando che: “A seguito del preoccupante incremento di incidenti causati dalla distrazione e associati all’alta velocità, lo scorso maggio, insieme alla Polizia abbiamo realizzato una campagna di sicurezza stradale ‘Quando guidi #GUIDAeBASTA’ proprio per sensibilizzare gli automobilisti sui pericoli che si corrono quando ci si distrae al volante” (www.guidaebasta.it). Inoltre per sensibilizzare i più giovani è stato ricordato anche il concorso “Giovani Videomakers per la Sicurezza stradale”. Anas e Associazione Mondiale della Strada (AIPCR) hanno invitato i ragazzi (dai 14 ai 20 anni) a realizzare video sul tema della sicurezza stradale. Il 30 luglio scade il termine per l’invio dei video, mentre il 29 settembre avrà luogo la premiazione dei vincitori nel corso del Meeting Internazionale sulla sicurezza stradale.

In materia di sicurezza stradale nei primi mesi del 2016, Anas ha avviato oltre 100 interventi di manutenzione straordinaria per mettere in sicurezza i principali itinerari strategici. Per innalzare gli standard di qualità della rete, sono stati incrementati e sviluppati oltre al piano #Bastabuche – 300 milioni in 3 anni per migliorare pavimentazione e segnaletica su 25 mila chilometri di strade e autostrade – anche altri progetti di alta tecnologia: #SmartRoad che prevede, tra l’altro, implementazione di impianti di videosorveglianza, pannelli a messaggio variabile, rilevamento del traffico, sistema Vergilius e stazioni meteo, rete di fibra ottica, rete wi-fi; #stradatecnologica con 100 milioni di euro di investimenti per il mantenimento in efficienza degli impianti e la realizzazione di interventi straordinari per implementare gli impianti già esistenti; nuove barriere stradali di sicurezza tipo ‘Anas’, un progetto di ricerca ed innovazione promossa da Anas di cui fanno parte le cosiddette barriere `salvamotociclisti’ che l’Azienda, nell’ambito di uno specifico programma avviato, prevede entro il 2016 di montarne su circa 200 km di rete con un investimento complessivo di oltre 20 milioni di euro.

Per quanto riguarda il Piano per l’Esodo 2016 Anas garantirà per le prossime settimane, attraverso un monitoraggio 24 ore su 24 del traffico sulla rete stradale nazionale, l’impiego di circa 1.100 automezzi, 1.830 telecamere, 320 pannelli a messaggio variabile e 2.500 addetti su tutto il territorio, la sorveglianza, il pronto intervento, il coordinamento tecnico, l`infomobilità e la comunicazione ai clienti. Il monitoraggio e l`assistenza per il pronto intervento verranno gestiti dalla Sala Operativa Nazionale e dalle 20 Sale Operative Compartimentali. Il Piano individua all’interno del calendario estivo i momenti più critici del traffico, prevedendo in particolare in direzione sud flussi molto intensi (giorni da bollino rosso) negli ultimi due weekend di luglio e nei quattro di agosto e il bollino nero per la mattina di sabato 6 agosto.

Gli automobilisti potranno ricercare tutte le informazioni sulla viabilità consultando il sito stradeanas.it alla sezione Viabilità/Esodo estivo 2016 (http://www.stradeanas.it/content/index/arg/esodo_2016) e i nuovi canali social corporate (Facebook.com/stradeanas e due account Twitter @stradeanas e @VAIstradeanas) dedicati all’esodo. Le informazioni sul traffico saranno inoltre disponibili sul servizio VAI (Viabilità Anas Integrata) e sulla APP “VAI Anas Plus”, scaricabile gratuitamente in “App store” e in “Play store”, sul canale istituzionale CCISS Viaggiare Informati del ministero delle Infrastrutture al quale Anas partecipa attivamente con risorse dedicate e dati sul traffico e chiamando il numero unico 800.841.148 del Servizio Clienti. Inoltre, Anas ha stabilito una partnership con la stazione radio di Rai Isoradio per collegamenti nei fine settimana.

In “App store” e in “Play store” è possibile anche scaricare l’App GuidaeBasta che permette di comunicare ai propri contatti che si è al volante e quando si tornerà disponibili. Perché “Quando guidi #GUIDAeBASTA”.



Vota questo articolo:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati