Cronaca

Zullo: “ Gli ex CCR non siano ancora invisibili a lungo”

Di:

Il consigliere I.Zullo (St)

Il consigliere I.Zullo (St)

Bari – INTERVENTO di Ignazio Zullo, presdente del gruppo Pdl in Consiglio regionale. “I lavoratori ex CCR non possono continuare a presidiare i portici del Consiglio Regionale, invisibili ai nostri occhi, ai nostri cuori e alle nostre coscienze. Bene fa il Presidente Introna ad annunciare iniziative ora per impedire trivellazioni in Adriatico, ora per avviare una campagne referendarie contro la chiusura dei tribunali, ora a difesa dell’Università di Bari. Ma è tempo perché assuma iniziative a favore degli ex CCR!. Non ho ancora visto nulla che vada nella direzione di rispettare la dignità umana e professionale di questi lavoratori che chiedono solo una giusta ricollocazione nel mondo del lavoro attraverso istituiti giuridici pure contemplati dal nostro ordinamento e non ancora attuati dal Governo Vendola. Mi aspetto che il Presidente Introna levi la sua autorevole voce a difesa delle loro condizioni di vita e di salute con il coraggio di colpire anche la sensibilità del suo compagno di partito Vendola.
Lasciare che gli ex CCR continuino l’occupazione tra l’indifferenza totale, privandoli di ogni dignità, non dà lustro all’istituzione contro cui protestano e neanche a chi la rappresenta.

Ad oggi, nel mentre molti di loro non hanno ancora ricevuto l’ultimo obolo concesso per il periodo gennaio/febbraio 2013, tutti sono in attesa che la Regione fornisca risposte sul loro futuro e dia risposte sui risultati dello screening ultimato nei primi di luglio, foriero di promesse e speranze, ma che rischia di rivelarsi una farsa, nonostante le beneauguranti dichiarazioni del Presidente Introna circa l’utilità di conseguire un quadro generale quanto più reale possibile, onde ipotizzare una ricollocazione in servizio dei lavoratori in mobilità, anche con il coinvolgimento dei sindaci dell’area metropolitana, ed attivare eventuali procedure di prepensionamento.

Non vorrei che il Presidente Introna – nobile e storica personalità legata alle Istituzioni alimentatosi con le proteine di quella cultura socialista da sempre culla dei lavoratori e della loro dignità – frequentando Vendola, abbia imparato ad agire con i suoi stessi metodi, cioè attraverso gli slogan mai seguiti dai fatti.

Si dice che a stare con lo zoppo si impara a zoppicare. Mi piacerebbe che nello specifico fosse Vendola ad essere contagiato dal pragmatismo e dalla concretezza di Introna. Viceversa, l’autorevole e lunga storia politica accumulata dal presidente del Consiglio si perderebbe nelle chiacchiere con le quali Vendola quotidianamente si crogiola”.

Redazione Stato



Vota questo articolo:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi