GarganoManfredonia
Fonte INGV

Scossa di terremoto al largo del Gargano

Il terremoto è stato localizzato da: Sala Sismica INGV-Roma

Di:

Foggia. Un terremoto di magnitudo ML 2.1 è avvenuto nella provincia/zona Costa Garganica (Foggia) il 22-08-2016 – 04:48:59 (UTC +02:00) ora italiana con coordinate geografiche (lat, lon) 42.02, 15.24 ad una profondità di 11 km. Il terremoto è stato localizzato da: Sala Sismica INGV-Roma.
Redazione Stato Quotidiano.it



Vota questo articolo:
22

Commenti


  • poli

    Buon giorno Terremoto…. tanti saluti da Manfredonia e dall’Energas……


  • Manfredonia dorme sugli albori della civilta'

    E QUESTI VOGLIONO ANCORA TRIVELLARE E FARE -CON L’ENERGAS.MA VA . VA.C’AVUT ABBUTTET I……..


  • Lucio

    Chissà che cosa ne pensano i parenti dei politici sipontini con incarichi istituzionali e quelli del Presidente del Manfredonia calcio e i pezzenti che si sono presi i panettoni.


  • LA POLITICA SIPONTINA VUOLE IL DEPOSITO GPL E CI PRENDE X I FONDELLI


  • Michele il rosso

    Capisco il legame con Manfredonia, meno l’ottusità.
    Ogni cosa la collegate all’Energas, ma non riuscite ad avere una vita vostra?
    jet a fatje


  • Renato

    Ma tu sei uno dei dieci fortunati estratti per lavorare con energas,???

  • Chi ha firmato o deve firmare le autorizzazioni per collocare la piu’ grande quantita’ di GPL mai osata in territorio nazionale e in zona sismica a rischio? Perche’ non lo chiediamo a Mattarella?


  • Michele il Rosso

    Caro Renato, purtroppo non sono uno dei 78 fortunati che avranno l’eventuale opportunità di lavorare con una società disposta ad investire soldi veri e di tasca propria in un Paese desolato.
    Sono uno che per lavoro ha girato tanto e questo mi ha permesso di vedere oltre la punta del mio naso.
    Ho sempre lavorato e non mi sono mai accontentato. Purtroppo il detto “mangio pane e cipolle” ma resto a Manfredonia” non mi appartiene.
    Amo le auto di lusso, gli abiti di marca e preferisco pagarli e non fare le poppate o i debiti pagando a rate!

  • Manfredonia da uccidere….da stuprare.


  • Antonino

    X Michele il rosso.

    Vedo che sei al corrente anche dei posti di lavoro che si occuperanno, in caso di installazione.
    Non si può accettare un rischio di saltare in aria un’intero Paese per una settantina di posti di lavoro.
    Visto che hai girato molto, ricordati del disastro ferroviario di Viareggio cosa e’ successo, dove la gente e’ ancora oggi terrorizzata.
    Anche li’ vi erano tutti i certificati di sicurezza.
    Quest’impianti diaboli…. vanno installati lontani dai centri abitati.
    Qui bisogna installare tutti i tipi di produzione industriale, tranne il MAXI bombolone, se lo installassero a Napoli, anche lì c’e’ necessità di lavoro.
    Tu continua a girare, e poi commenti.


  • Michele il Rosso

    Antonino,
    Io al posto tuo prima di scrivere a vanvera andrei a visitare i porti di Brindisi, Taranto, Napoli, Livorno solo per citarne alcuni…e poi ne parliamo.
    I posti di lavoro erano già stati riportati in un vecchio articolo, bastava scriverlo su Google.
    Per il disastro di Viareggio il problema era legata ai mezzi utilizzati al trasporto e non al materiale trasportato. Pensi che sulle strade italiane e sulla circonvallazione di Manfredonia non girano materie pericolose (dovresti essere contrario anche alle cisterne che scaricano i carburanti da Mafrolla, sul porto Etc Etc).
    Oppure pensi che l’altoforno della Manfredonia Vetro ti abbia fatto respirare chanel 5?
    La banalità appartiene alla gente ignorante…informati ed evolviti….ci riescono i Pokemon figurati gli esseri umani!!!


  • Valerio

    Michele, l’ultima volta che sono stato a Taranto sono rimasto stupito dalla puzza di idrocarburi che c’era. Vatti a fare un giro a Gela, dove ci sono stabilimenti simili.
    Inoltre, il gas come arriverà? Da quanto ho capito, ci saranno delle navi cisterna attraccate al molo industriale. Una? O una fila di navi in attesa di scaricare, come puoi vedere se vai ad Atene? (fa impressione vedere una fila di navi ferme in attesa!).
    Quindi: puzza, rischio, skyline rovinata. E tutto questo in un posto dove si è appena speso per fare un porto turistico.
    Capisco che per te la puzza non sarà un problema, visto che ti farai la doccia con uno Chanel n.5, ma per noi che ragioniamo ci sembra normale obiettare. O diventiamo una città industriale o una località turistica.


  • Ex elettore Pd

    l’imbonitore fiorentino…e anche i compari sipontini sono della stessa stoffa, imbonitori e anche complici del comico toscano e che però proteggono le potentissime lobbies di banchiere e petrolieri, e Manfredonia se non si sveglia sarà la più grande vittima sacrificale di Renzi e del PD che mirano a piazzare a Manfredonia una quantità MOSTRUOSA di Gpl, pur sapendo che non è il territorio adatto per farlo e quindi orchestano, dirigono, da dietro le quinte le manovre subdole per mettere a tacere la popolazione…in primis il calcio e anche le feste e festini.


  • Michele il rosso

    Valerio,
    perdonami, ma il confronto con Gela non è appropriato. è come se tu stessi comparando le mele con le cipolle.
    A Gela il polo è quello petrolchimico, quindi paragonabile con l’ex Enichem di Manfredonia oppure con lo stabilimento di Milazzo. Si tratta in entrambe i casi di “azienda industriale” che lavora e trasforma la materia prima. La caratteristica sono le ciminiere e il numero dei posti di lavoro (maggiori di 80).
    Energas fino ad oggi, almeno nei documenti ufficiali depositati sul sito del ministero (dove possono essere scaricati gratuitamente) parla di deposito: quindi di processo di stoccaggio e distribuzione.
    La puzza che annusi è quella della raffineria. Il GPL di per se è inodore.
    Purtroppo non difendo nessuno ma sembra che non riusciamo ad andare oltre certi schemi mentali e ci beviamo tutto quello che la gente ci propina.
    Purtroppo ho una sola consapevolezza, se l’Eni dovesse fare la stessa cosa sul territorio di Monte, nessuno direbbe nulla e il deposito sarebbe a meno di un Km da Manfredonia.


  • Renato

    Il vero problema caro Michele è che i nostri amministratori hanno poche idee e ben confuse..Turismo o polo industriale….puntiamo sul porto turistico o sul più grande sito di Gpl europeo..78 posti in tutta la provincia non risolveranno il problema disoccupazione a Manfredonia. Sono passati tanti anni quando la questione era Enichem..tanti si sono ammalati e continuano a farlo a Manfredonia più che a Monte… Oggi hanno deciso di uccidere quel che resta col GPL….almeno,come affermi, è inodore. Ah..la mia punta del naso ha vissuto x 15 anni lontano da qui…quindi il tuo sermone non mi tange


  • Giovanni

    ANDATE VIA DA MANFREDONIA, MOLLATE L’OSSO, MANFREDONIA HA GIA’ DATO! FATELA IN CAMPANIA O DOVE CAZZO VOLETE MA ANDATE VIA!


  • ccill

    Ghia lu sang da ghann! Sta skfezz na vulum a manpredonia mo pur u gas sti napleten e sti quatt leccakl du camb sportv e i solt mbrughiapurk vonn stu cazz a qua ietvinn ca n n vulum avt capt o no????


  • Michele il rosso

    Renato, la mia osservazione/affermazione era generica e non diretta a qualcuno.
    Quello che vedo dopo tanti anni è una città che non vuole crescere e oggi sembra Crotone, che ho visitato da turista e rimasi impressionato…..il porto turistico era utilizzato per lo struscio delle persone.
    E’ inutile negarlo, a Manfredonia i soldi ci sono. Quello che non capisco è come mai il paese non cresce e soprattutto perchè nessuno spende i soldi per creare qualcosa che non siano bar, pizzerie e altri fesserie di attività.
    Nessuno investe in attività turistiche (sarei curioso di capire quante persone durante il periodo estivo trovano lavoro, in nero o con regolare contratto stagionale), mi piacerebbe capire il giro d’affari che il porto turistico sta generando e lo stesso dicasi per la festa patronale e per gli altri eventi (ops quest’anno a Manfredonia non ricordo di aver visto un programma).
    Quello che mi piacerebbe capire è il turismo intorno a cosa ruota.
    Con molto piacere ho visto il lungomare di Siponto popolato fino a mattina presto e tutto questo grazie ad un lido. A questo punto mi chiedo se non è il caso di far si che lo staff del lido gestisca l’Agenzia del Turismo e organizzi gli eventi.
    Fino ad oggi ho letto i soliti commenti stupidi e inutili: “non li vogliamo”, “se ne devono andare”…….e mai qualcuno che dice mettiamo i soldi e organizziamo, facciamo…….A chi stiamo aspettando al comune? alla regione? al governo? all’unione europea?


  • IL GRANDISSIMO INCUBO DI MANFREDONIA CON LO SPAVENTOSO DEPOSITO DI GPL

    Bravo Michele il Rosso, hai capito la vera fonte di ricchezza di Manfredonia che è il turismo e non uno schifosissimo e pericoloso deposito di Gpl una quantità raccapricciante talmente terribile che si tenta attraverso metodi tipici di Lauro memoria di accattivarsi le simpatie o l’accondiscenza del popolo sovrano! Hai capito tutto! Bravo!


  • Panettoni al gas

    Non saremo mai come voi ci volete.


  • Maria Guerra

    Michele il Rosso, era meglio il periodo quando ti facevi chiamare “Franco” perchè avevi più amore per la vita e meno attaccamento al lavoro. Ti intendi molto di industria perchè era parte del tuo mondo lavorativo. Ti capisco ma devi anche sapere che in quest’ultimo anno hanno aperto nuove attività a Manfredonia dove hanno trovato lavoro oltre 200 persone. E’ poco ma siamo solo all’inizio. Sai quanta gente lavora in una friggitoria? Da 4 a 22 persone e ve ne sono 4. Sai quei lidi nuovi quanta gente hanno occupato? da 6 a 18 persone (se Siponto attrae fino al mattino significa che c’è gente che fà buon servizio di accoglienza). Sai quante persone ha asssunto quella pasticceria/gelateria vicono al castello che sta aprendo in questi giorni? 15 persone con regolare contratto.
    Hai girato il mondo per lavoro ed hai girato le idustrie del mondo. Goditi la pensione e pensa ai nostri figli (i tuoi sono tutti fuori)


  • Michele il rosso

    Cara Maria Guerra,
    non credo nella chiromanzia come nella fortuna e se hai una sfera magica ti chiederei di darmi i numeri del supernalotto in modo da poter diventare millionario.
    Il mio invito è sempre quello di collegare il cervello alla bocca prima di poterla aprire.
    Le attività commerciali richiedono il supporto economico, ovvero gente disposta a spendere e non penso che i Manfredoniani vadano tutti i giorni in pizzeria, friggitoria o nella nuova pasticceria che sta aprendo e che non sappiamo come andrà (ti ricordo che toglierà lavoro ad altre attività esistenti). Questo comporterà che la clientela si spalmerà preferendo un negozio rispetto ad un altro.
    Capisco che chi è legato al posto fisso non riesce a comprenderlo, ma sono le attività produttive a generare ricchezza.
    Il mio invito per te è quello di leggere e capire quali sono le caratteristiche che contraddistinguono l’economia rispetto alle favole che finiscono sempre con un principe che sposa qualche futura principessa (rimane pur sempre una…confermando che la fortuna è circoscritta a poche persone).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati