Cronaca

Authority a Foggia, Di Sabato: “Il Governo contro l’Ue”

Di:

A. Di Sabato contro il Governo Bari – “LA Puglia per Vendola esprime la sua forte contrarietà alla notizia che il Governo Berlusconi ha sottratto a Foggia l’Autorità europea per la Sicurezza alimentare, che resta al Ministero della Salute.
Fu facile profeta l’assessore regionale Dario Stefàno quando fu ricevuto l’8 giugno scorso dal sottosegretario alla presidenza del Consiglio, Gianni Letta, insieme a diversi rappresentanti istituzionali pugliesi tra i quali vari parlamentari del Pdl”, ha detto in una nota il Capogruppo in Consiglio regionale de La Puglia per Vendola, Angelo Disabato.

“Nell’occasione, dopo le rassicurazioni di Letta sull’attribuzione a Foggia dell’Autorità, Stefàno avvertì di non gioire troppo presto in assenza di atti che lo comprovassero. Giustamente oggi l’assessore parla di presa in giro del Governo nei confronti della Puglia e dei pugliesi. Questo atteggiamento è tanto più grave perché agisce in violazione dell’indicazione dell’Unione Europea in materia di sicurezza alimentare. Il Governo Prodi, nel 2008, aveva recepito questa indicazione, alla quale si sono conformati tutti i grandi Paesi dell’Ue, prevedendo l’istituzione a Foggia dell’Agenzia nazionale per la sicurezza alimentare e demandandone i decreti attuativi ai Ministeri della Salute e delle Politiche agricole”.


“Il Governo Berlusconi, confermando la sua aperta ostilità al Mezzogiorno e in particolare alla Puglia, nel regolamento che riorganizza il Ministero della Salute individua nella Direzione generale degli organi collegiali per la tutela della salute l’autorità nazionale di riferimento dell’Autorità europea per la sicurezza alimentare. Sottrae così a Foggia e alla Puglia un importante ente e strumenti essenziali per la garanzia dei prodotti agroalimentari in un momento in cui diventa fondamentale, nel mercato globale, assicurare la loro qualità”

“La Puglia per Vendola, insieme all’assessore Stefàno e alla consigliera regionale Anna Nuzziello, espressione della provincia di Foggia – dice Di Sabato – impegneranno l’esecutivo regionale affinché la questione, che consideriamo sospesa perché il Governo nazionale non ha ottemperato all’indicazione dell’Ue, venga sollevata nelle opportune sedi romane”.

STEFANO: “ANCORA ELUSIONI DA PARTE DEL GOVERNO” – “Ancora una penalizzazione per la Puglia, ancora un percorso “discutibile” da parte del governo nazionale, ancora una elusione delle indicazioni comunitarie, ma anche di una Legge dello Stato”. Così l’assessore regionale alle Risorse agroalimentari Dario Stefàno sulla notizia della bozza di modifica al regolamento del Ministero della Salute, che chiuderebbe di fatto ogni speranza per l’attivazione a Foggia dell’Agenzia Nazionale per la Sicurezza Alimentare. “Quella stessa speranza – commenta Stefàno – a cui abbiamo guardato dopo l’incontro di giugno con la delegazione istituzionale di Foggia ed il sottosegretario Gianni Letta, il quale aveva assunto l’impegno di seguire l’iter parlamentare del decreto in discussione in quei giorni, per scongiurare la definitiva indicazione dell’Authority tra gli enti inutili confermando l’indicazione di Foggia quale sede dell’Authority e di chiedere al governo l’approvazione dei provvedimenti attuativi per la sua definitiva attivazione”.

“Oggi, questa ennesima notizia – prosegue – che conferma il sospetto che a Roma si voglia aggirare qualunque ostacolo pur di raggiungere l’obiettivo preconcetto di impedire in ogni modo a Foggia ed alla Puglia di ospitare, così come previsto da una legge dello Stato del 2008, un organismo indispensabile in tema di sicurezza alimentare. Organismo che, peraltro, per chiara indicazione dell’UE deve avere carattere di terzietà e indipendenza. La bozza del nuovo regolamento del dicastero, invece, affidando tale compito ad organi interni, sembra andare esattamente nella direzione opposta. A conferma, questo, che su un tema così tremendamente attuale, quale la sicurezza alimentare, l’Italia al contrario degli altri Paesi europei, continui a non volersi adeguare”.

“SILENZIO DA PARTE DELLA DELEGAZIONE PARLAMENTARE PUGLIESE” – “Alla rabbia per questo ennesimo tentativo di scippo – incalza Stefàno- che si vuole consumare ai danni della Capitanata e della nostra regione, si aggiunge il rammarico per non avere letto nè udito una sola parola al riguardo da parte della delegazione parlamentare pugliese che è nella maggioranza che governa il nostro Paese”. “La Regione Puglia ha fatto tutto quanto è nelle sue prerogative, che erano e restano di natura politica, ma con l’ordine del giorno approvato dal Consiglio regionale il 28 luglio scorso, si è anche spinta ad impegnare la Giunta regionale a verificare in sede di bilancio di previsione 2011, e comunque dopo la effettiva attivazione dell’Agenzia a Foggia, il riconoscimento di un sostegno finanziario quale contributo all’avvio della definitiva operatività”. “Infine – conclude Stefàno – proporrò ai colleghi assessori delle altre Regioni di condividere un ordine del giorno da portare alla discussione della Conferenza Stato-Regioni, attraverso il quale sollecitare ancora una volta il governo nazionale a dare attuazione alla legge del 2008, perché è impensabile che il nostro Paese sia ancora sprovvisto di un organismo indispensabile nella regolazione dei processi e delle anomalie che alterano il sistema agroalimentare. Mi rimane, tuttavia, la convinzione di quanto sia attuale l’antico adagio popolare che recita che “non c’è peggior sordo di chi non vuol sentire”.

IERI LA VOLTA DI BORDO: “FOGGIA BOICOTTATA DA ROMA” – Bordo: “Authority, Foggia boicottata da Roma

Redazione Stato



Vota questo articolo:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi