Manfredonia

Monte, anomalie nel bando Istat. Il Comune chiede scusa. Vittoria gruppo donne Tilak

Di:

Centro di Monte Sant'Angelo, (fonte image: pdmontesantangelo.blog.it)

Aerea Monte Sant'Angelo, (fonte image: pdmontesantangelo.blog.it)

Monte Sant’Angelo – IMPORTANTE vittoria per il gruppo donne Tilak di Monte Sant’Angelo. Dopo la segnalazione di anomalie nel bando per la selezione di 15 rilevatori Istat, il Comune chiarisce la sua posizione e il responsabile chiede (per la prima volta) pubblicamente scusa. Il manifesto dedicato ai “furbetti del comune”, è arrivato a destinazione.

Per la prima volta un dipendente comunale, si assume le sue responsabilità e in una nota chiede pubblicamente scusa per l’inconveniente: “Comunico che, pur rilevando carenza formale nel fac-simile della domanda, allegato “B”, per l’avviso di che trattasi, disguido per il quale chiedo formale scusa alla Cittadinanza, non sussistono motivi “particolari“ di esclusione dalla selezione se non la carenza di uno, o più, requisiti minimi riportati all’art.1 dell’Avviso stesso. In riferimento, poi, all’allegato “B”-schema di domanda, l’Ufficio provvederà alle eventuali necessarie integrazioni in contraddittorio con gli interessati”.

logo TILAK (ST)

Scuse che rendono il gruppo donne Tilak particolarmente orgoglioso non solo per il risultato ottenuto, ma soprattutto per il servizio reso alla cittadinanza, poiché “siamo convinte che tutti i cittadini abbiano eguale diritto a partecipare alle poche occasioni lavorative offerte dalla nostra comunità, soprattutto in un periodo difficile dove i giovani (e non solo) hanno così tanta fame di lavoro.”

“Ora spetta ai cittadini vigilare sulle buone pratiche promesse dai funzionari del comune. – fanno sapere dal gruppo donne Tilak di Monte Sant’Angelo, che continuano – I funzionari hanno promesso che saranno richieste eventualmente delle integrazioni. Siate vigili.” – e aggiungono – “Crediamo inoltre che il comune abbia il dovere, professionale e morale, di fornire bandi chiari, trasparenti che non diano adito a dubbi sulla compilazione o sulle certificazioni da produrre e siamo certe che in futuro si farà maggiore attenzione.” Attenzione che non mancherà certo da parte del gruppo donne Tilak, poiché il terzo occhio (Tilak è il simbolo indiano del terzo occhio) ora esiste e funziona.

Redazione Stato



Vota questo articolo:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi