Regione-Territorio

Rifiuti campani, bisticciano Losappio e Lospinuso: “a Taranto nel silenzio del Pdl”. “Silenzio”

Di:

Michele Losappio con Vendola (St)

Michele Losappio con Vendola (St)

Bari – “QUANTO è strano il silenzio dei Consiglieri regionali ionici del Pdl sulla vicenda rifiuti campani La vicenda– ha detto in una nota il Presidente del Gruppo consiliare Sel, Michele Losappio – Ieri, quando i trasporti erano garantiti dall’accordo Puglia-Campania e sottoposti a controlli puntuali e rigorosi, Sala, Chiarelli e Lospinuso inveivano contro Vendola”. “Oggi, che un fiume di rifiuti senza limite arriva a Statte in assenza di accordo e senza i preventivati controlli al punto da far temere l’intenzione della Campania di ‘chiudere’ il ciclo scaricando gli RSU in Puglia, oggi che la vicenda è all’attenzione perfino della Procura Antimafia di Lecce quei Consiglieri non si agitano, non protestano, non fanno conferenze stampa né guidano rivolte. Questa si che è coerenza!”.


Lospinuso (PDL): “Sui rifiuti campani, Losappio guardi in casa sua”.
Il Consigliere Regionale PDL Pietro Lospinuso risponde: “L’Amico e Collega Losappio, non avendo evidentemente molte ragioni per esternare su questioni che riguardano il suo Partito ed il suo Governo regionale, si consola spesso onorandoci di graditissime lezioni su quel che dovremmo fare noi. Con riferimento alla questione-rifiuti campani, è appena il caso di ricordargli che Vendola si è molto pavoneggiato, nei suoi quotidiani shows televisivi, per aver dato, a differenza di altre Regioni, il suo assenso all’accoglimento di tali rifiuti, salvo poi – a pasticcio combinato- andare a perdere, come sempre, una causa presso la Giustizia Amministrativa rivelatasi un autentico boomerang; che il Governo-Berlusconi aveva varato un decreto che subordinava tale accoglimento all’intesa con le Regioni interessate, proteggendo di fatto soprattutto la Puglia: tale decreto è naufragato per resistenze bipartisan, guidate da una compattissima sinistra; che i rifiuti campani sono in realtà napoletani, e continueranno inesorabilmente ad inondarci per il rifiuto cinico ed irresponsabile del compagno De Magistris di dotare la sua Città di impianti di smaltimento, blindando con una corazza ideologica una iattura che finora era stata soltanto conseguenza del malgoverno bassoliniano e jervoliano”.


“Losappio farebbe pertanto bene a prendersela: A) con Vendola; B) con chi ha boicottato il decreto-Berlusconi; C) con De Magistris ed i suoi predecessori, che non hanno saputo ed oggi non vogliono smaltire i loro rifiuti in casa loro. Losappio impari una volta tanto a guardare davanti a sé. Anche perché altrimenti rischia di farsi male.”


Redazione Stato



Vota questo articolo:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi