Manfredonia
A cura di Benedetto Monaco

Manfredonia, “Poeti e versi a confronto, Borgia e Lombardi si raccontano”

Di:

Manfredonia. Italiani popolo di Santi, poeti e navigatori, e così chi naviga sul web può imbattersi in articoli che riguardano un tema cui probabilmente chi ha l’animo sensibile può sentire proprio, parliamo della “Poesia”. Per questo in un paese di mare come Manfredonia abbiamo voluto dare voce a due poeti Francesco Borgia e Domenico Lombardi, che così hanno risposto ad alcune domande sulla poesia lasciandoci in conclusione dei versi inediti ed una loro breve autobiografia …

1 Domanda l’animo poetico è innato oppure acquisito?
Borgia – Senza dubbio è innato.
Lombardi – E’ innato e si sviluppa acquisendo una capacità di ascolto della propria anima.

2 Cosa o chi ispira le vostre poesie?
Borgia – La bellezza, il sogno.
Lombardi – Il contesto ed i particolari che mi suggestionano.

3 Qual è la poesia a cui tenete di più?
Borgia – Quelle che, per strani motivi, spesso mi ritornano in mente come motivetti di vecchie canzoni, allora mi accorgo che fanno parte del mio bagaglio di esperienze e di vita, della mia storia che tenta di raccontare la mia e altre storie.
Lombardi – Non c’è poesia cui tengo particolarmente, ognuna ha la sua ragione d’esistere.

4 Quale stile poetico adottate?
Borgia – Cerco di curare l’immagine ritratta o che viene richiamata, che deve essere tratteggiata nitidamente e in maniera incisiva, ma sfumata al tempo stesso, sospesa e dolce, non invadente. Penso, inoltre, che la poesia abbia una propria fisicità, un proprio essere carnale, per questo per me fondamentale è la musicalità del verso o il suono della parola. Il ritmo e la melodia di un verso poetico possono essere dati anche dall’accostamento di sillabe. Non è trascurabile, inoltre, il fatto che all’interno dei versi che scrivo i silenzi, le pause, le cesure sono importanti quanto le parole. Ciò che viene detto ha lo stesso rango e pari importanza dello sfondo, implicito e non detto, su cui la parola viene ad appoggiarsi.
Lombardi – Verso libero poiché la metrica è un ostacolo in quando essendo un vincolo non permette la completa espressione dell’animo del poeta.

5 Secondo voi solo un poeta può comprendere al meglio il significato delle poesie altrui?
Borgia – La poesia non va intesa come una forma di ripiegamento narcisistico da parte dell’autore, ma come una parola sempre donata all’altro. E’ vero, però, che se da una parte la poesia è di tutti, dall’altra essa è soltanto di chi sa riceverla e amarla.
Lombardi – Anche chi ha un animo che si predispone alla sensibilità del poeta.

6 I vostri versi sono ottimistici?
Borgia – Lo stesso titolo della mia raccolta di poesie “Ridente lucciola” vuole richiamare un senso di solarità e positività.
Lombardi – Dipende, a volte, un messaggio positivo, altre volte c’è un messaggio di ricerca della positività.
A concludere la breve intervista due poesie inedite degli autori:
“Lasci
la Luna
sospesa
ad un sogno”
di Francesco Borgia

“Solito Bar, solita gente, navigo nel bicchiere dei pensieri, da lontano un sorriso mi chiama, l’afferro, l’abbraccio, ma dopo un pò come cenere svanisce nell’aria …”di Domenico Lombardi
Per concludere i due autori di versi si raccontano con una breve biografia:

Francesco Borgia (Classe 1976), si è laureato in Filosofia all’Università degli Studi di Roma “La Sapienza”. È dottore di ricerca in “Scienze bioetico-giuridiche” presso l’Università degli Studi di Lecce. Ha collaborato con diverse riviste, tra le quali Rivista Internazionale di Filosofia del Diritto, L’arco di Giano, Il Cannocchiale, e i suoi contributi in ambito filosofico sono inclusi in numerosi volumi collettanei.

Per le edizioni Mimesis ha pubblicato i libri L’uomo senza immagine; La filosofia della natura di Hans Jonas (Milano, 2006) e Appartenenza e alterità; Il concetto di storicità nella filosofia di Martin Heidegger (Milano, 2008). Alcune sue poesie sono raccolte in antologie poetiche. Nel 2014 ha pubblicato presso Andrea Pacilli Editore la raccolta di poesie Ridente Lucciola.

Domenico Lombardi (Classe 1985) ,vive a Manfredonia. Scrive poesie sin dall’età di dodici anni. Ha all’attivo una raccolta di poesie dal titolo “Poesie e pensieri”, e una partecipazione nell’antologia poetica “Riflessi” con la casa editrice “Pagine”. Nel 2016 ha pubblicato con la casa editrice “Lulu” una raccolta di versi e aforismi dal titolo “L’amore…per sentito dire”. Ha anche una grande passione per la musica che lo porta a comporre ed incidere brani musicali. E’ infatti autore di molti brani cantati da artisti di etichette indipendenti.

Pubblicazione e foto a cura di Benedetto Monaco



Vota questo articolo:
1

Commenti

  • conosco personalmente Nico Lombardi oltre ad essere un artista è un ragazzo eccezionale. Generoso, gentile insomma un ragazzo di valore, un uomo di altri tempi, una perla rara a cui sia io che mia figlia vogliamo un mondo di bene

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati