Cronaca
"La gravità di tale contegno, politicamente inaccettabile ed amministrativamente scellerato, fa il paio con l’assoluta e fondamentale importanza, per la vita dell’Ente"

“C’era una volta la Provincia di Foggia”

"In questo aberrante contesto, le dimissioni del Presidente Miglio potrebbero e dovrebbero rappresentare un sussulto di dignità"

Di:

Foggia. Il Capogruppo consiliare dei Conservatori e Riformisti alla Provincia di Foggia, Marco Camporeale, ritiene opportuno e doveroso informare ed aggiornare le comunità di riferimento, circa le ultime performance politico-amministrative della compagine di maggioranza che siede a Palazzo Dogana, capeggiata dal Sindaco di San Severo Francesco Miglio.

Ebbene, chi si accinga alla lettura di questo comunicato, potrà star tranquillo di dovervi dedicare solo una manciata di secondi, giusto il tempo necessario per registrare il nulla assoluto, condito da una serie di omissioni tanto gravi, quanto dannose, tra le quali va senz’altro stigmatizzata la mancanza, l’ennesima di una lunga serie, del numero legale alla seduta del Consiglio Provinciale dello scorso 20 Settembre 2016 (in seconda convocazione), che pure ha visto spettatori interessati, fuori dall’aula, tutti i consiglieri di maggioranza ( presenti in seconda convocazione i Consiglieri Ursitti, Tarantino, il sottoscritto e il Presidente Miglio).

La gravità di tale contegno, politicamente inaccettabile ed amministrativamente scellerato, fa il paio con l’assoluta e fondamentale importanza, per la vita dell’Ente, degli argomenti all’ordine del giorno, così altamente mortificati, dal DUP (Documento Unico di Programmazione) triennio 2016-2018, al documento sovrano del consesso provinciale, il Bilancio di previsione, chiamato per l’esame e l’adozione in previsione 2016-2018, con relativi allegati.

Come ogni torta mal riuscita, l’indigesta ciliegina è rappresenta dal parere negativo sulla proposta di approvazione del Bilancio di previsione 2016 ed i relativi allegati, espresso dall’Organo di Revisione, il quale, addirittura ed a quanto pare, rileva la ricorrenza di elementi e poste che: 1) non rispettano il principio della veridicità e congruità della spesa, 2) non prevedono un accantonamento al fondo contenzioso sufficiente, 3) che risultano alterati gli equilibri di parte corrente, con tutte le ovvie conseguenze che ne potrebbero derivare.

Tra queste ultime, di sicuro ed evidente impatto sono quelle politiche, che consegnano alla Provincia di Foggia l’epilogo di una sciagurata esperienza di malgoverno che l’Amministrazione Miglio, non senza arroganti e puerili frangenti, si è pregiato di regalare ad una comunità che già vive un momento storico non certamente annoverabile tra i migliori.

Ora più che mai, urgono contegni univoci nel senso e nella direzione della responsabilità politica ed amministrativa, i quali imporrebbero al Presidente Miglio, visto l’ormai imminente rinnovo del Consiglio provinciale , di rassegnare le proprie dimissioni.

In questo aberrante contesto, le dimissioni del Presidente Miglio potrebbero e dovrebbero rappresentare un sussulto di dignità, indotto dalla onesta consapevolezza di aver consumato il peggior fallimento politico che la nostra Provincia abbia mai conosciuto.

F.to Marco CAMPOREALE – CAPOGRUPPO COR – PROVINCIA DI FOGGIA



Vota questo articolo:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati