Manfredonia
A cura di Benedetto Monaco

Manfredonia “Emergenza alcool una malattia cronica recidivante”

Di:

Manfredonia. La settimana scorsa, in prossimità di Piazza DUomo, un uomo – che per la privacy chiameremo semplicemente “Sempronio” – era appoggiato dormiente su una vettura. Ad accorgersi del fatto un cittadino di Manfredonia, il quale ha temuto per l’incolumità della persona essendo il pericolante appoggiato ad un’auto “in stato comatoso”. Pur cercando di interagire con “Sempronio” lo stesso non rispondeva, continuando a restare in una posizione instabile.

Di seguito la chiamata al 118 che, a detta dell’operatore, doveva arrivare da Mattinata. Nell’attesa dell’intervento, la persona interessata ai fatti si è accasciata a terra senza subire infortuni rilevanti, anche grazie all’intervento di un passante, che si è prodigato per la sua sicurezza. Giunto il 118, l’equipe dei soccorritori ha riconosciuto la persona da soccorrere come non nuova a questa situazione. “Sempronio” era infatti vittima dell’alcool e, a tal fine, ha ricevuto le cure del caso all’ospedale di Manfredonia, dove appena si è ripreso è andato via imboccando la via d’uscita.

A questo punto ci si domanda: avrà preso anche la via d’uscita da una situazione, che a quanto pare si reitera nel tempo? Sempronio e altre persone che versano nella sua stessa situazione sono seguite da qualcuno? Es.: dai dottori ai servizi sociali, con quali risultati?.

A detta del dott. Matteo Giordano, direttore dei servizi per le dipendenze della Asl di Foggia, “l’alcolismo, come tutte le dipendenze patologiche, è una malattia cronica recidivante per cui la ricaduta è la normalità nel decorso della guarigione, che purtroppo non avviene in tutti i casi”.

Qualora il caso dovesse ripetersi potrebbe determinare altre situazioni d’allarme nella comunità; Infatti dopo l’intervento del passante e di chi ha chiamato il pronto intervento si era creato un assembramento di persone che si erano interessate dell’accaduto. Questo fa onore al nostro paese, dove la gente è rimasta con tutta quell’umanità e generosità, che probabilmente “Sempronio” non ha potuto neppure percepire, in quanto l’alcool gli aveva addormentato la coscienza. Per poterla svegliare definitivamente auspichiamo a chi di competenza d’intervenire mettendo in atto le migliori pratiche possibili affinché alle dipendenze di bacco, non ne ricada facilmente come per la dipendenza da tabacco. Tante sono infatti le dipendenze dall’alcool al fumo, passando pure per la febbre del gioco per questo prossimamente cercheremo di dedicare un pezzo in cui definire le modalità per poterne uscire.

In questo modo il lettore ben informato potrà contribuire a liberare, i più deboli, da dipendenze che possono divenire delle vere e proprie schiavitù.

(A cura di Benedetto Monaco – benedetto.monaco@gmail.com)



Vota questo articolo:
4

Commenti


  • l'anticristo regna sovrano a Manfredonia

    Al di là di questo episodio, a Manfredonia c’è un grandissimo consumo di birra e alcol e altro anche da parte di minorenni che sono anche vittime del tabagismo mentre tra gli adulti dilaga la cancrena del gioco di azzardo che spazio dall’acquisto sconsiderato di “Gratta e vinci” alle slot machine (autentica odissea per molte famiglie) scommesse (sale sempre affollate) il sabato e la domenica sono più affollate della Mecca durante le ricorrenze solenni.


  • Gabriel Pontello

    Car sex, scambi di coppia, trasgressioni, corna, plotoni di amanti, debiti, vizi strani.


  • svolta

    Binomi imperanti in questa città: alcool e droghe; fumo e birra; gioco d’azzardo e meritricio; politica e malaffare; anarchia e vendita illegale; turismo insperato e GPL imperante…. Insomma quasi uno scenario apocalittico come Sodoma e Gomorra che si concluderà, se dovesse succedere, con il distruttivo scoppio e fuoco che investirà il tutto.


  • manfredonia

    Era cosi bella manfredonia prima ora una delusione che darei per tornare indietro 🙁

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati