Steven Noccioletti, capitano Carabinieri San Severo: “Niente paura, denunciate”

San Severo, San Nicandro, Apricena: “Insieme contro le truffe agli anziani”

"Non bisogna avere paura, ma è necessario tenere alta l’attenzione a ciò che succede attorno a noi"

Di:

Apricena. “A San Severo, siamo riusciti a impedire che la truffa a un’anziana donna andasse in porto grazie alla segnalazione di un vicino di casa che aveva notato il comportamento anomalo di uno sconosciuto. Non bisogna avere paura, ma è necessario tenere alta l’attenzione a ciò che succede attorno a noi”. Nelle due giornate “antitruffa” di San Nicandro e Apricena, è stato Steven Noccioletti, capitano del Comando Compagnia Carabinieri di San Severo, a dispensare i consigli più utili per non incorrere nei raggiri che, con sempre maggiore frequenza, colpiscono la popolazione deli over 65. Segnalare le situazioni sospette, diffidare di uno sconosciuto che avanza un’anomala richiesta di denaro, e poi sporgere denuncia quando ci si accorge di essere stati raggirati: sono questi gli accorgimenti da prendere per contrastare attivamente un fenomeno in continua espansione che, nel 2015, ha colpito più di 300mila famiglie italiane.

“Le vittime preferite dei truffatori sono gli anziani, perché spesso le donne e gli uomini più in là con l’età vivono da soli”, ha spiegato Vito Susca, segretario regionale Spi-Cgil Puglia. “In un anno e mezzo di campagna informativa contro le truffe, in tutta la Puglia abbiamo distribuito 50mila copie di ‘Non ci casco’, una pratica guida per evitare di cadere nelle trappole di delinquenti senza scrupoli”, ha aggiunto Susca.

“La Cgil, anche attraverso le sue sedi e il Sindacato Pensionati, promuove iniziative che rendano protagonisti gli anziani per ricostruire il tessuto delle comunità e rompere il meccanismo della solitudine che rende più vulnerabili i nostri nonni e più insicure le nostre città”, ha aggiunto Maurizio Carmeno, segretario generale Cgil Foggia. “Anche le Forze dell’Ordine hanno subito tagli che non hanno certo aiutato i tutori della sicurezza”, ha dichiarato Franco Persiano, segretario provinciale Spi Cgil Foggia, ringraziando Steven Noccioletti. “Per questo motivo, ogni cittadino è chiamato a non abbassare la guardia, a collaborare con le Forze dell’Ordine, e a denunciare le truffe e i tentativi di raggiro”. Il tour contro le truffe agli anziani è un’iniziativa promossa da Sindacato Pensionati della Cgil in collaborazione con Auser, Federconsumatori, Silp Cgil e l’Associazione Finanzieri Cittadini e Solidarietà. “Abbiamo cominciato il nostro giro più di un anno fa, a San Severo, poi abbiamo continuato a Foggia e Manfredonia, prima delle tappe di questi giorni a San Nicandro e Apricena”, ha ricordato Persiano. “Nei prossimi mesi proseguiremo organizzando iniziative negli altri comuni della Capitanata”. Secondo gli ultimi dati resi pubblici dal Ministero dell’Interno, dal 2012 al 2014 gli over 65 vittime di raggiri sono passati da 300mila a 340mila. La tendenza è in ulteriore aumento nel 2016, anche in Capitanata.

IL MANUALE. Nella prima parte, ‘Non ci casco’, la pubblicazione distribuita dallo Spi Cgil, è incentrata sulle truffe ai danni delle persone fisiche. Il manuale spiega come difendersi da borseggi, sedicenti maghi, inganni porta a porta. Un intero capitolo è incentrato sugli esempi delle truffe più ricorrenti. I truffatori, per carpire la fiducia delle loro vittime designate, si fingono postini, infermieri, preti. Spesso i delinquenti che intendono mettere a segno i loro “colpi” si travestono da agente delle forze dell’ordine, tecnico dell’Enel, pompiere. La seconda parte di “Non ci casco!” è dedicata alle truffe che utilizzano le nuove tecnologie: gli strumenti più utilizzati sono bancomat, carte di credito, conti correnti postali. Nel novero delle truffe di nuova generazione, poi, ci sono il gioco d’azzardo, il telemarketing, le vendite telefoniche e i prestiti. Una vera e propria rete di trappole da cui, talvolta, è difficile uscire indenni.

IN CAPITANATA 200MILA PERSONE A RISCHIO. Sono circa 200mila, in provincia di Foggia, le potenziali vittime di elaborati raggiri che prendono di mira le persone più in là con l’età. Le truffe ai danni degli anziani sono in costante aumento, come dimostrano i casi recentissimi di Foggia e dei centri più grandi della Capitanata. Le truffe spesso lasciano in una condizione di profondo disagio psicologico ed economico non solo gli anziani, ma anche le loro famiglie, poiché proprio dai pensionati arriva il sostegno più rilevante ai giovani nuclei familiari nei quali moglie e marito hanno a che fare con la crisi economica, la disoccupazione e la precarietà del lavoro.



Vota questo articolo:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati