FoggiaGarganoManfredonia
Tavola rotonda svoltasi a San Giovanni Rotondo all’interno del Museo delle Arti e Mestieri

Turismo e mobilità in Capitanata, la necessità di “fare sistema”

Leonardo Coco, consigliere comunale di S. Marco in Lamis: “Il convento di S. Matteo di S. Marco in Lamis possiede 70 mila volumi antichi che rappresentano un patrimonio inestimabile per la comunità ma che nessuno riesce a valorizzare"


Di:

San Giovanni Rotondo. “Bisogna cambiare innanzitutto la mentalità: è necessario capire che ‘fare sistema’ in un ambito come quello del turismo è fondamentale”. Questo il punto focale attorno al quale si è svolto ieri, 21 ottobre, il convegno ‘Turismo e mobilità in Capitanata-analisi e strategie per il territorio-’, svoltosi all’interno del Museo delle Arti e Mestieri di San Giovanni Rotondo.

Moderatore del convegno il prof. Sacha De Giovanni (docente di Geografia economica e turistica) che ha introdotto varie personalità del territorio legate in qualche modo al mondo del turismo pugliese e in particolare della Capitanata; Leonardo Coco, consigliere comunale di S. Marco in Lamis: “Il convento di S. Matteo di S. Marco in Lamis possiede 70 mila volumi antichi che rappresentano un patrimonio inestimabile per la comunità ma che nessuno riesce a valorizzare, addirittura un volume è stato esposto in Vaticano; è importante formare giovani in grado di prendersi cura dei beni del territorio rendendoli coscienti del potenziale che questi rappresentano.”

Daniela Aiuto, membro della Commissione Trasporti e Turismo al Parlamento Europeo: “Bisogna chiedersi perché il brand regionale non si vende all’estero? Il problema sta nella cattiva gestione delle Regioni: ad esempio, avere un aeroporto non basta per attirare il turista, bisogna collegare in maniera idonea l’aeroporto ai vari siti da visitare ed è per questo che il campo dei trasporti non deve essere trascurato.”

Casilli “La Puglia non puo’ ridursi a 60 giorni di turismo balneare”

Ancora Cristian Casilli, membro Commissione Turismo e Industria Alberghiera della Regione Puglia, insiste sulla necessità di ‘fare sistema’, di coordinare le attività: “La Puglia con i suoi 900 km di costa non può ridursi ai 60 giorni di turismo balneare ma può dar vita a numerose altre attrattive anche in altri periodi dell’anno valorizzando l’entroterra e le sue bellezze paesaggistiche e non… imparare prima di tutto a raccontare la propria Regione studiandone in profondità la sua storia e le sue tradizioni.”

Tra i presenti durante la tavola rotonda: Massilimiano Ritucci e Gianni Fiore, consiglieri comunali di Manfredonia, del Movimento 5 Stelle, e Valentina Sapone, presidente dell’associazione “La Pelandra”, che ha di recente presentato il nuovo servizio di minibus turistico “La Pelandra”, che consentirà di “andare alla scoperta delle bellezze e dei segreti di una terra magica: la Puglia”.

UNA FASE DEL CONGRESSO A SAN GIOVANNI ROTONDO

UNA FASE DEL CONGRESSO A SAN GIOVANNI ROTONDO

”Altro aspetto importante da non sottovalutare per lo sviluppo del turismo è sicuramente il trasporto pubblico e le modalità di spostamento”, ha detto nel suo intervento il consigliere comunale del M5S di Manfredonia Gianni Fiore. ”L’accesso alle località turistiche deve essere semplice e organizzato per consentire al turista di arrivare comodamente nelle rispettive città di destinazione con i mezzi pubblici o privati senza tante peripezie. Diventa fondamentale – ha aggiunto Fiore – rivedere e progettare i collegamenti tra aeroporti – stazioni ferroviarie e località turistiche. Diversamente il turista sceglierà sempre mete più comode da raggiungere”.

Gianni Fiore “Trasporto pubblico e modalità di spostamento fondamentali”

Per Fiore è “importante anche la revisione della mobilità urbana”. “In diverse città la mobilità urbana è ancora fortemente legata al trasporto privato e questo comporta per il turista abituato agli spostamenti in bici, o con mezzi pubblici efficienti, un salto indietro nel tempo. C’è bisogno di un cambio culturale sia nel progettare ma soprattutto nel difendere e manutenere i servizi offerti nelle nostre città”.

Tra gli esempi negativi citati da Fiore in tal senso “Quello dello bikesharing a Manfredonia”. Servizio che “nonostante due diversi progetti non è mai partito. In entrambe i casi le bici sono state vandalizzate, con responsabilità relativa dei cittadini”.

Secondo il consigliere del M5S Massimiliano Ritucci “La Capitanata con le sue differenti caratteristiche potrebbe rappresentare un polo turistico di importanza rilevante. Dal mare alle colline, dai borghi alle cittadine piene di storia, passando per siti archeologici di riconosciuto valore, abbiamo tutte le componenti per sviluppare quella che, per tanti versi, è considerata l’ultima spiaggia dell’economia”.

Poi il focus su Manfredonia “Città denominata dai vecchi amministratori ”Perla del Golfo” e ”Porta del Gargano”, che ne auspicavano un prepotente lancio turistico, rimasto tale solo negli slogan”. Difatti, secondo Ritucci “le sciagurate scelte industriali (dall’ex ANIC-ENICHEM al recente fallimento del contratto d’area) l’hanno incanalata in una situazione di stallo da cui non se ne viene a capo. Gli slogan sono rimasti, enunciati sempre in modo pomposo da varie figure messe a capo di improbabili enti per la promozione del territorio”.

“Il male atavico che non permette di intraprendere serie politiche per lo sviluppo del turismo è sempre l’affidamento di ruoli chiave a personaggi legati a doppio filo alla politica. Che vengono investiti non per qualità manageriali, ma per appartenenza/convenienza politica”, ha detto Ritucci. “E così accade che un Ente, come l’Agenzia del Turismo di Manfredonia, nato per la promozione del territorio, si sia ridotto, alla stregua di un qualsiasi Comitato Feste, all’organizzazione di qualche evento che ancora sopravvive al disastro economico (Carnevale-Festa Patronale)”.

Ritucci “Agenzia del Turismo a Manfredonia ridottasi alla stregua di un qualsiasi Comitato”

Un Ente nato con quelle prerogative avrebbe dovuto fungere, a fronte di un piano di lancio turistico ben ponderato, da collettore di risorse e non ridursi, come detto, all’organizzazione di qualche evento e di tavoli di confronto dove vengono interpellati sistematicamente soggetti sbagliati”.

Secondo Ritucci “Gli ‘step’ elementari da intraprendere per una pianificazione turistica debbono avviarsi con il coinvolgimento dei principali soggetti che possano creare eventi di interesse”. Quindi: “Associazioni Culturali, sportive, enogastronomiche, folkloristiche che forniscano idee su come, e con cosa, attrarre un flusso turistico ed operatori del settore (agenzie e tour operator) che sappiano dare indicazioni sulle richieste delle varie tipologie di turisti e che sappiano indicare anche come vendere il prodotto realizzato”.

”Invece di fare filosofia nei vari incontri e convegni sul significato delle parole “turismo”, “destagionalizzazione”, ecc. bisogna essere pratici e cominciare a produrre”, dice Ritucci. ”Gli operatori commerciali (albergatori, ristoratori, balneari ecc) dovranno essere interpellati non come attrattori turistici (se poi hanno anche idee interessanti ben vengano), ma come “gestori” dei flussi in arrivo. Il turista dopo averlo portato sul territorio va coltivato al meglio. Ricordando che non siamo i soli ad avere locations affascinanti e che bisogna cercare di battere la concorrenza con la qualità dell’accoglienza”.

Prossimi appuntamenti per la tavola rotonda a Vieste, Manfredonia e Foggia.

A cura di Libera Maria Ciociola, Manfredonia 22.10.2017

Redazione StatoQuotidiano.it

Turismo e mobilità in Capitanata, la necessità di “fare sistema” ultima modifica: 2017-10-22T22:32:00+00:00 da Redazione



Vota questo articolo:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi