ManfredoniaPolitica

Primarie, Vendola: per mia campagna spenderò 70mila euro

Di:

Nichi Vendola (Ph: Michele Rinaldi@12)

Roma – “LE spese per la mia campagna elettorale? In tutto contiamo di spendere settantamila euro”. A dirlo è Nichi Vendola, Presidente di Sel e candidato leader alle primarie del centrosinistra, oggi ospite di Sabelli Fioretti e Lauro a ‘Un Giorno da Pecora’, su Radio2. Cosa ne pensa della campagna elettorale del suo avversario Matteo Renzi? ” C’è un dispendio importante nella sua campagna elettorale. Vorremmo sapere chi sono i suoi finanziatori, visto che ancora non ne abbiamo un’idea precisa”, ha detto Vendola. Che ha aggiunto: “Vediamo l’endorsement che il mondo dell’alta finanza fa nei confronti di Renzi, questo lo pone in un punto preciso della scena pubblica. Io sono dall’altra parte”.

PRIMARIE, VENDOLA: POSSO VINCERLE; AL PRIMO TURNO IO TRA IL 20% E IL 30%, SOPRA RENZI. “Penso di poter vincere al secondo turno”: così Nichi Vendola, leader di Sel e candidato alle primarie del centrosinistra, oggi al programma di Radio2 ‘Un Giorno da Pecora’. Come finirà al primo turno delle primarie? “Al primo posto ci sarà Bersani, poi io e terzo Renzi”. Quali percentuali pensa di prendere al primo turno? “Io credo di stare tra il 20% e il 30%”. Sopra Renzi? “Si”. Con quale margine? “Diciamo io il 25% e lui il 22%”.

PRIMARIE, VENDOLA: RENZI BOLLA MEDIATICA IN FASE DI SGONFIAMENTO. “Renzi è soprattutto una gigantesca bolla mediatica, abilmente costruita e fatta circolare, ma attualmente in fase di sgonfiamento”: lo ha detto Nichi Vendola, leader di Sel e candidato alle primarie del centrosinistra, oggi al programma di Radio2 ‘Un Giorno da Pecora’.


CALCIO, NICHI VENDOLA: DA RAGAZZINO INVECE CHE GIOCARE RACCOGLIEVO LA CICORIA INTORNO AL CAMPO. Nichi Vendola e il tifo calcistico: un rapporto non proprio strettissimo. Ospite di ‘Un Giorno da Pecora’, su Radio2, il leader di Sel e candidato alle primarie del centrosinistra, ha spiegato a Sabelli Fioretti e Lauro il suo punto di vista sul mondo del pallone. Vendola – gli hanno chiesto – lei per quale squadra tifa? “ Il mio è un tifo opportunistico, nelle rare serate in cui vengo afflitto da una partita calcistica, mi adeguo al tifo circostante”. Ma non ha mai giocato a calcio? “Si, da ragazzino”. E le piaceva come sport? “No, mi annoiavo dopo i primi minuti”. E cosa faceva? “Mi dedicavo alla raccolta delle cicoriette selvatiche nei pressi del campo sportivo, rifornivo mia nonna di quella verdura. E la mia squadra giocava in dieci…”, ha ammesso Vendola.

Redazione Stato



Vota questo articolo:
6

Commenti


  • malvagio.

    Invece sappiamo da dove ….. i finanziamenti di Vandola!!! Sanità docet!!! Capisc………………….


  • Predicone

    Ma per favore!! Ma questo non si vergogna di niente?!


  • SOLIDARNOSH

    E NIKI VINCERà ANCHE QUESTE PRIMARIE NONOSTANTE I POCHI SOLDI DISPONIBBILI.QUESTA è POLITICA SANA……SOGNO UTILE…..


  • LUIS

    SIAMO ARRIVATI A “BORDELLI” QUINDI MANCA SOLO MARRAZZO E SIAMO AL COMPLETO!


  • Redazione

    Primarie, Renzi inguaiato dal fuorionda. “Se perdo porto i miei amici a Roma” (Fonte: affari-italiani)

    Venerdì, 23 novembre 2012 – 09:26:00
    Altro che ricambio, altro che nuova politica. A 48 ore dalle primarie Matteo Renzi scivola in un fuorionda a Radio 105 che fa rabbrividire i suoi sostenitori. “Se perdo (le primarie, ndr) cercherò di portare in Parlamento un po’ di amici miei e di avere un po’ di spazio, ma io non mi faccio comprare, non voglio diventare come loro”. Che cosa intende il sindaco di Firenze quando dice “portare in Parlamento un po’ di amici miei”? Sembra che anche se dovesse perdere le primarie a favore di Bersani, il rottamatore non ha alcuna intenzione di tornare a fare il sindaco come ha più volte annunciato davanti alle telecamere. Anzi, forse utilizzerà la visibilità acquisita per creare una sua corrente all’interno del partito e quindi imporre i suoi uomini a Roma. Una pratica che ricorda la più vecchia politica, quella contro cui Renzi si era sempre scagliato.

    Un giochetto uguale a quello fatto dai vari D’Alema, Bindi, Veltroni. Imporre il proprio potere nel partito per poi lottizzare le poltrone pubbliche. Avremo così dei renziani alla Rai, nelle autority e nelle aziende pubbliche? Non è dato sapere, certo a poche ore dall’apertura dei seggi il fuorionda del sindaco rischia di mandare a picco le sue, già flebili, speranze di vittoria.

    IL SONDAGGIO/ Alla vigilia del voto per le primarie del centrosinistra, salgono nei sondaggi realizzati da Swg in esclusiva per Agorà, su Rai Tre, i due candidati accreditati di maggior consenso. Bersani, secondo Swg, oscilla tra il 43 e il 47 percento, avvicinandosi così a quota 50 percento, che gli garantirebbe la vittoria al primo turno. La forbice di Matteo Renzi è invece tra il 29 e il 33 perento, mentre quella di Nichi Vendola è tra il 16 e il 20 percento. Chiudono la classifica Laura Puppato (3%-5%) e Bruno Tabacci (1%-3%).


  • Matteo

    Risparmiali non ti voterà nessuno

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi