FoggiaStato news

“Salva Enti”, Landella: ultimi 28 milioni a Foggia

Di:

Foggia – IL Ministero dell’Economia ha trasferito al Comune di Foggia i 28 milioni di euro del “Fondo di rotazione” relativo al cosiddetto “Decreto Salva Enti”, chiudendo così formalmente la procedura avviata con la stesura del Piano finanziario di riequilibrio pluriennale ed il via libera ricevuto dalla Sezione regionale di controllo della Puglia della Corte dei Conti. I 28 milioni di euro, che si sommano ai 9 milioni 300mila euro già ricevuti dall’Ente di Palazzo di Città, dovranno essere restituiti, come è noto, attraverso una rateizzazione decennale senza interessi.

«Questo trasferimento conclude un lungo iter – commenta il sindaco di Foggia – che rappresenta una boccata d’ossigeno importante, soprattutto in un momento che vede il Governo centrale operare un nuovo taglio ai trasferimenti destinati ai Comuni italiani». «Va tuttavia precisato che le risorse economiche erogate a favore del Comune di Foggia non sono un contributo da poter spendere negli interventi finalizzati alla crescita e allo sviluppo, ma sono destinati al risanamento di una condizione finanziaria drammatica, dunque al pagamento dei debiti – chiarisce il primo cittadino –. Solo l’adesione al “Decreto Salva Enti”, quindi chiedendo allo Stato un prestito che dovremo restituire, ha infatti scongiurato la dichiarazione dello stato di dissesto. Una condizione determinata dalle dissennate scelte amministrative operate dal centrosinistra e dal fallimento dell’azione di risanamento annunciata nel recente passato, che ha prodotto invece solo una svendita del patrimonio comunale, come ad esempio nel caso del mercato di piazza Padre Pio, con gli interventi collegati alle procedure di alienazione».

«Dal momento del mio insediamento ho scelto di evitare le polemiche sulle responsabilità politiche alla base di questo contesto, che peraltro sono ben note alla nostra comunità – aggiunge il sindaco di Foggia –. Ho operato, al contrario, nell’ambito di quella continuità amministrativa che è dinamica che appartiene ad ogni cambio di governo comunale. Noto che però sull’argomento c’è chi vorrebbe costruire una personale operazione di comunicazione politica, fingendo di ignorare o dimenticare il quadro complessivo in cui ci siamo trovati ad amministrare».

«Trasformare l’eredità che ho raccolto in una florida situazione amministrativa non corrisponde alla realtà dei fatti. Nella continuità amministrativa di cui ci siamo fatti carico non ci sono purtroppo luci – sottolinea il primo cittadino –. Accanto alla procedura di adesione ad “Decreto Salva Enti”, cioè al prestito necessario per pagare i debiti che i cittadini di Foggia dovranno restituire e che ci ha obbligati a tenere al livello massimo tutte le tasse, abbiamo ereditato innumerevoli emergenze, che stiamo cercando con fatica di affrontare e risolvere: da quella della sede per gli uffici e gli archivi giudiziari al rapporto tra il Comune di Foggia ed Aipa SpA; dalla situazione del campo dei container di via San Severo agli sfratti esecutivi per morosità dell’Amministrazione comunale, a cominciare da vico della Pietà, che stanno creando fortissime tensioni sociali; dall’assenza di una strategia operativa per far fronte all’emergenza abitativa allo stato disastroso della rete viaria comunale; dal completo abbandono della villa comunale alla deficitaria cura del verde pubblico; dalla chiusura del “Teatro Umberto Giordano” al ritardo nella partenza della raccolta differenziata “di prossimità” – evidenzia il sindaco di Foggia –. Questi sono solo alcuni dei temi con i quali ci stiamo confrontando con impegno e dedizione, provvedendo a rimediare agli errori commessi da chi ci ha preceduto».

«È abbastanza impegnativo andare fieri di questa eredità, così come sembra decisamente ardito utilizzarla per ritagliarsi un ruolo nel dibattito politico – conclude il primo cittadino –. Per parte nostra continueremo nell’attività amministrativa che abbiamo messo in campo, avendo come solo ed unico punto riferimento l’interesse collettivo ed il bene della nostra comunità, lasciando volentieri ad altri polemiche che appaiono con ogni evidenza strumentali e pretestuose».

Redazione Stato

“Salva Enti”, Landella: ultimi 28 milioni a Foggia ultima modifica: 2014-11-22T17:04:58+00:00 da Redazione



Vota questo articolo:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi