Economia
"L’emergenza abitativa continua a crescere in modo pericoloso in Italia"

Emergenza casa, migliaia di anziani, disabili a rischio sfratto

A partire dall’1 gennaio 2015 migliaia di anziani, disabili, e malati anche gravi rischiano di perdere la propria abitazione e ritrovarsi sotto un ponte

Di:

Roma – A partire dall’1 gennaio 2015 migliaia di anziani, disabili, e malati anche gravi rischiano di perdere la propria abitazione e ritrovarsi sotto un ponte. La denuncia arriva oggi dal Codacons, che ricorda come il prossimo 31 dicembre scadrà la proroga di un anno all’esecuzione degli sfratti decisa lo scorso anno dal Governo.

“Dal prossimo 1 gennaio diverranno esecutivi gli sfratti a danno di migliaia e migliaia di utenti – afferma il Presidente Carlo Rienzi – Si tratta di famiglie, anziani, invalidi e persone malate che, a causa della crisi economica e della situazione di indigenza in cui versano, non riescono più a pagare gli affitti perché non hanno i soldi per farlo”.

“L’emergenza abitativa continua a crescere in modo pericoloso in Italia – prosegue Rienzi – Nel 2013 gli sfratti sono stati 31.399, con un incremento del 7,7% rispetto all’anno precedente. Negli ultimi 5 anni il totale degli sfratti ha raggiunto quota 332.169, di cui 288.934 per morosità. E per il 2014 si prosegue al ritmo di circa 150 sfratti al giorno”.

Il Codacons rivolge quindi oggi un appello al Premier Matteo Renzi affinché si attivi -attraverso un decreto di proroga all’esecuzione degli sfratti – per evitare che migliaia di anziani, disabili, malati e famiglie con reddito inferiore ai 27mila euro finiscano sotto un ponte.

Redazione Stato

Emergenza casa, migliaia di anziani, disabili a rischio sfratto ultima modifica: 2014-12-22T23:59:06+00:00 da Redazione



Vota questo articolo:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi