Capitanata

Esuberi Province – Friolo: “Per la Regione nuova emergenza”

Di:

Bari – “AL di là delle ambiguità e delle stridenti contraddizioni della riforma Del Rio-Renzi, discussa e discutibile, la quale abolisce le Province soltanto sulla carta, un aspetto appariva chiaro sin dalle premesse ed enunciazioni: che il personale degli enti in via di estinzione (vera o presunta) non potendo essere cancellato o dimenticato, era destinato a essere riassorbito da altri enti locali, Comuni e Regioni.

Ma, nella legge di Bilancio appena varata in Consiglio, nemmeno un rigo è stato destinato a questo spinoso capitolo. E negli ultimi mesi tutto l’interesse della giunta e della maggioranza di centrosinistra, come ormai chiunque in Puglia sa, è stato concentrato sulla battaglia per la stabilizzazione dei precari, senza paura di forzature e di possibili ricorsi, o di una copertura finanziaria traballante (se non del tutto inesistente). Una battaglia evidentemente condivisa dal tandem Vendola-Emiliano, che porterà certo benefici immediati in campagna elettorale, ma che al tempo stesso alimenterà l’ennesima emergenza quando occorrerà fare i conti con gli ulteriori ingressi del personale eccedente le sei Province pugliesi, che non potrà essere messo in lista d’attesa, a prescindere da appartenenze e vicinanze/lontananze politiche e partitiche.

E mentre Vendola, ormai prossimo ai saluti, potrà sempre prendersela con un governo e un premier che cordialmente detesta (pur non disdegnando in Puglia l’alleanza con il Partito democratico, di cui quel premier è il leader nazionale), Emiliano su chi dovrà invece scaricare responsabilità e colpe del caos prossimo venturo? Su Vendola e sul partito di cui è segretario regionale e leader in carica?”.

Lo dice in una nota il consigliere regionale di Forza Italia Maurizio
Friolo.

Redazione Stato

Esuberi Province – Friolo: “Per la Regione nuova emergenza” ultima modifica: 2014-12-22T23:33:07+00:00 da Redazione



Vota questo articolo:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi