ManfredoniaScuola e Giovani
Sono giorni importanti per il diritto allo studio universitario

“Studenti possono gioire: secondo bando e sportello informativo”

Già in precedenza si era tentato di porre rimedio al fenomeno richiamato mediante l’innalzamento delle soglie economiche minime necessarie per partecipare al bando “Benefici e Servizi”


Di:

Foggia. Sono giorni importanti per il diritto allo studio universitario. Negli ultimi giorni, l’ADISU-Puglia, di concerto con l’Assessorato al Diritto allo Studio, ha compiuto un passo decisivo per la risoluzione dell’annosa questione che attiene all’esclusione di numerosi studenti dalle graduatorie per l’assegnazione delle borse di studio, in virtù di un ISEE (Indicatore della Situazione Economica Equivalente) troppo elevato. A tal riguardo, va opportunamente ricordato che, a seguito dell’emanazione del D.Lgs. 159/2013 – il quale, com’è noto, introduce nuovi e più “stringenti” meccanismi di calcolo dell’indicatore sopra richiamato, ridimensionando notevolmente il novero degli studenti destinatari dei benefici per il diritto allo studio – si è registrato un fortissimo calo delle domande di borsa di studio a livello nazionale rispetto all’anno precedente (in Puglia, si stima che tale riduzione si attesti nell’ordine del 30%). Già in precedenza si era tentato di porre rimedio al fenomeno richiamato mediante l’innalzamento delle soglie economiche minime necessarie per partecipare al bando “Benefici e Servizi”. Tale “aggiustamento”, tuttavia, si è rivelato, sin da subito inefficace.

Gli studenti e le Associazioni studentesche – tra cui Area Nuova – erano insorte di fronte a tale situazione, chiedendo, da un lato, l’erogazione di nuovi fondi e, dall’altro, la predisposizione di un nuovo Bando emanato con il precipuo intento di recuperare gli esclusi dalle graduatorie degli anni precedenti. L’eco di queste richieste è stato fortissimo, al punto da sortire, negli ultimi giorni, gli effetti sperati. Come accennato in precedenza, si fa presente, infatti, che il neo Presidente dell’Adisu-Puglia, in accordo con l’Assessore al diritto allo studio Sebastiano Leo – e previa consultazione della componente studentesca presente all’interno del CdA ADISU – ha sottoscritto il Decreto di emanazione del tanto atteso “Secondo Bando” che prenderà il nome di “Misura compensativa straordinaria” e che avrà come requisiti economici di ammissibilità la soglia di 22.000 Euro di ISEE e di 45.000 Euro di ISPE (Indicatore di Situazione Patrimoniale Equivalente). «Si tratta di una grande conquista. Avremo l’occasione di recuperare tutti coloro che hanno visto sfumare la possibilità di ricevere la borsa di studio» sottolinea Area Nuova tramite il suo rappresentante in CdA ADISU, Andrea Marino. «Assistiamo, per la prima volta, ad una forte attenzione delle Istituzioni al diritto allo studio universitario, che ci porterà, quest’anno, a coprire il 100% delle borse di studio su scala regionale nonché a risultare destinatari di ulteriori fondi da assegnare agli esclusi dal nuovo ISEE. In quest’ottica, un sentito ringraziamento va rivolto alla Regione, all’Assessorato per il Diritto allo Studio e all’ADISU per lo sforzo profuso in vista dell’ottenimento di tale importantissimo risultato. Ora l’impegno da parte di Area Nuova e dell’Università dovrà essere quello di veicolare il più possibile la notizia. Saremo presenti, per l’intera durata del bando, con uno sportello informativo in tutti i Dipartimenti, con l’obiettivo di fornire – a chi lo vorrà – un sostegno concreto alla compilazione della domanda. Gli studenti foggiani e pugliesi possono finalmente respirare una ventata di ottimismo».

(NOTA STAMPA)

“Studenti possono gioire: secondo bando e sportello informativo” ultima modifica: 2015-12-22T15:35:30+00:00 da Redazione



Vota questo articolo:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi