Regione-Territorio

Bari, falsi braccianti, maxi truffa a Inps, 145 denunce

Di:

Falsi braccianti agricoli, 145 denunce a Bari (immagine d'archivio)

Bari – MILITARI del comando provinciale Guardia di Finanza di Bari (gruppo bari) hanno individuato una azienda agricola, avente sede in Bari ed esercente la coltivazione di uva nei comuni di Bitritto (ba) e Ginosa (ta), nei cui confronti sono stati avviati accertamenti.


Nel corso dell’ispezione, che ha preso in considerazione soprattutto gli aspetti contributivi e previdenziali riguardanti il personale dipendente, e’ stato constatato che tale azienda operava in maniera fittizia certificando rapporti di lavoro, in realta’ mai intrattenuti, al fine di consentire la riscossione indebita di indennità di disoccupazione, malattia, congedi parentali o di maternità, a soggetti terzi. Complessivamente e’ stata accertata una truffa ai danni dell’erario pari a 640 mila euro, percepiti da 145 soggetti – falsi braccianti, denunziati all’autorita’ giudiziaria, unitamente al responsabile dell’azienda.


Redazione Stato



Vota questo articolo:
1

Commenti


  • avv. Gegè Gargiulo

    Da: avv. Eugenio Gargiulo (eucariota@tiscali.it)

    Non deve essere considerata come penalmente rilevante la semplice vendita di semi di piante stupefacenti!

    Importante intervento della Corte di Cassazione Penale a Sezioni Unite, la quale è stata chiamata a decidere se la pubblicazione e la messa in vendita di semi di piante idonee a produrre sostanze stupefacenti configuri il reato di istigazione all’uso delle stesse di cui all’art. 82, comma 1, T.U. stupefacenti. Prima di affrontare la questione, la Corte ha ricordato l’esistenza di vedute opposte nella giurisprudenza.

    Un primo orientamento ritiene che si possa configurare reato sulla base dell’articolo 82, comma 1, T.U. stupefacenti nell’attività di pubblicizzazione e vendita di semi di piante idonee a produrre sostanze stupefacenti, mentre un altro orientamento considera la vendita dei suddetti semi come semplice attività preparatoria che non ha effetti in relazione alle vietate attività prese in considerazione.

    Nel dirimere il contrasto giurisprudenziale le Sezioni Unite della Corte (sentenza n. 47604/2012) hanno chiarito che “l’offerta in vendita di semi di piante dalle quali è ricavabile una sostanza drogante, correlata da precise indicazioni botaniche sulla coltivazione delle stesse, non integra il reato di cui all’articolo 82 T.U. stupefacenti, salva la possibilità di sussistenza dei presupposti per configurare il delitto previsto dall’articolo 414 codice penale con riferimento alla condotta di istigazione alla coltivazione di sostanze stupefacenti”, posto che il delitto di cui all’articolo 82 non è strutturato come “species” rispetto al “genus” dell’articolo 414 codice penale”.

    I parametri per stabilire se si tratti oppure no di reato sono la volontà degli imputati di istigare altri ad usare stupefacenti, un elemento soggettivo da analizzare dai giudici di merito insieme al contenuto dell’inserzione pubblicitaria.

    In conclusione, precisa la Corte, “la mera offerta in vendita di semi di pianta dalla quale siano ricavabili sostanze stupefacenti non è penalmente rilevante, configurandosi come atto preparatorio non punibile perché non idoneo in modo inequivoco alla consumazione di un determinato reato, non potendosi dedurne l’effettiva destinazione dei semi”.
    Foggia, 23 gennaio 2013 Avv. Eugenio Gargiulo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi