Manfredonia

Bonifica ex Enichem, Riccardi a Syndial: fornire dati sui lavori

Di:

Il sindaco di Manfredonia Angelo Riccardi (STATO@)

Manfredonia – “PREOCCUPAZIONE” sullo stato di attuazione ed efficacia delle attività svolte all’interno del sito ex Enichem di Macchia, relative alla bonifica delle discariche nonché della falda sottostante è stata espressa dal sindaco di Manfredonia Angelo Riccardi in una lettera indirizzata al Ministero dell’Ambiente e tutela del territorio, alla Syndial appaltatrice delle opere di bonifica, all’Ispra, all’Arpa di Bari e di Foggia, alla Provincia di Foggia, alla Regione Puglia e al Comune di Monte Sant’Angelo competente per giurisdizione sul sito ex Enichem ricadente nel territorio comunale e che dunque dovrebbe esercitare un azione di controllo diretto e di merito su quanto avviene in quel sito.

Al Comune di Manfredonia viene fatta solo una “sterile notifica” dei report trimestrali sul monitoraggio condotto in dette aree “ma non si evidenzia – rileva il sindaco Riccardi – quale sia lo stato di raggiungimento degli obiettivi fissati dai progetti definitivi approvati, né quali siano i tempi entro cui le attività potranno ritenersi concluse, ancor meno – evidenzia – sulla efficacia ed efficienza delle attività ed interventi in atto, finalizzate a preservare la costa ed il mare”.

La preoccupazione del sindaco è volta agli aspetti della sicurezza e alla salute pubblica di una popolazione a diretto contatto con quel sito dichiarato di interesse nazionale a ragione del suo profondo inquinamento. “Considerate le enormi quantità di inquinanti – argomenta Riccardi – fino ad oggi estratte e dichiarate nei report citati, paragonate a quelle stimate nei rispettivi progetti, ci si chiede se le precauzioni prese al fine di preservare l’incolumità pubblica siano state e sono sufficienti”.

Il sindaco Riccardi “in considerazione dell’importante ruolo che compete ad una pubblica amministrazione in merito alla salvaguardia della salute dei cittadini” invita la Syndial ad inviare un circostanziato documento che contenga informazioni chiare ed interpretabili sullo stato delle bonifica del sito, sia dei rifiuti presenti in tale area che di quelli della falda. Evidenziando chiaramente – aggiunge – l’efficienza e l’efficacia sia dei procedimenti in atto in termini di bonifica che di prevenzione e dei tempi necessari per il raggiungimento degli obiettivi posti a progetto”. Una dura presa di posizione dunque estesa nei confronti degli enti di controllo e vigilanza ai quali il sindaco chiede “il loro parere nonchè le proprie considerazioni, proposte ed eventuali interventi finalizzati alla migliore riuscita dell’attività di bonifica del sito”.

Attività che si protraggono da circa un ventennio ormai e attraversate da intoppi vari che hanno richiamato l’attenzione della Magistratura intervenuta pesantemente. Un interessamento che ha sortito scarsi effetti se è vero come è vero che appena qualche mese fa è stata “scoperta” una grande discarica opportunamente occultata, come riportato nella nota del Comune.


Redazione Stato



Vota questo articolo:
9

Commenti


  • Libeccio

    La veritá é che per il Comune di Monte S.A. Il sito ex Enichem é uno degli ultimi problemi considerato che é una parte di territorio molto lontana dal centro abitato……. ma non dal nostro purtroppo!


  • matteo

    Sindaco i report periodici che syndial vi invia li leggete oppure li archiviate senza aprirli?avete una struttura che può interpretare quei dati?avete un gruppo di lavoro che va sul posto a controllare che la bonifica venga effettivamente realizzata?fate delle riunioni periodiche con syndial?se si dove sono le risultanze di queste riunioni.


  • alberto terfini

    una lettera di sollecitazione dopo 40 anni che state al governo della città, VERGOGNA!! (questo vale anche per le varie opposizioni ufficiali) cittadini, il territorio è inquinato!! l’aria che si respira è inquinata! TERRITORIO INQUINATO!! SVEGLIATEVI!!


  • Pupo

    ma esiste un assessore all’ambiente che è tenuto a vigilare sui lavori di bonifica e sugli atti della Sindial?


  • Alternativa

    Scusate ma sono io che ho capito male o la maggior parte delle domande giuste che si fanno qua sopra hanno una sola risposta: il sito non è del nostro comune?


  • Alternativa

    Ripeto la mia domanda ai signori matteo, alberto terfini e Pupo. I vostri dubbi sull’inquinamento sono anche i miei ma voi sapete se è materia del nostro comune? A me risulta che è quello di Monte e a noi ci mandano solo poche notizie per conoscenza. Sapete altro di utile?


  • matteo

    Il comune riceve i report di syndial come li riceve quello di monte.basterebbe leggerli e poi andare sul posto a verificare se hanno effettivamente fatto quanto selezionato.quindi bisognava costituire una commissione di esperti perché i soldi ci stavano


  • Ho buttato la scheda nel cesso e ho tirato lo scarico

    Siamo sedutisu di una bomba atomica basta leggere i numeri dei morti x tumore!!


  • Alternativa

    Grazie matteo per la tua risposta. Io penso che noi di Manfredonia non è che possiamo fare chissà che cosa perché là è territorio di Monte, però possiamo continuare a far parlare di questa vicenda. Il silenzio fa male a noi e ai nostri figli.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi