Manfredonia

San Camillo de Lellis: San Giovanni ospiterà spoglie mortali

Di:

Il simulacro di San Camillo de Lellis a Bucchianico (Ph: Piergiorgio Greco@)

Manfredonia – LA Comunità camilliana di Macchia di Monte Sant’Angelo e l’Associazione San Camillo di San Giovanni Rotondo, custodi dell’Area votiva, presente nel luogo della conversione di San Camillo, in occasione dell’arrivo della Reliquia del corpo di San Camillo de Lellis, chiedono in una nota la massima partecipazione della cittadinanza di Manfredonia.

Il programma. Come anticipato, la cittò di San Giovanni Rotondo ospiterà le spoglie mortali di San Camillo. E’ infatti partita la macchina organizzativa per l’arrivo in città, il prossimo 2 febbraio, del corpo di San Camillo de Lellis, un grande avvenimento che segna il ritorno del Santo nei luoghi della sua conversione. Sei giorni di celebrazioni che coinvolgeranno le città di San Giovanni Rotondo e Manfredonia, con la partecipazione della comunità di Bucchianico oltre che dei tanti fedeli e religiosi camilliani presenti sul territorio e nel mondo.

L’evento è stato organizzato in preparazione delle celebrazioni, nel 2014, del IV Centenario della Nascita in cielo di San Camillo. Proprio lo scorso anno i Comuni di San Giovanni Rotondo e Bucchianico, hanno inteso rivitalizzare il loro Patto di Gemellaggio, avvenuto nel lontano 2 febbraio 1975, giorno in cui si celebrò il 400mo anniversario della conversione di San Camillo.

Lo scorso anno, dopo quattro secoli, il corpo di San Camillo è tornato a Bucchianico, paese che gli ha dato i natali. A distanza di pochi mesi San Camillo arriva a San Giovanni Rotondo, la città che il 2 febbraio 1575 lo ha visto rinascere nella fede come Santo. Dal momento della sua conversione, infatti, Camillo ha dedicato tutta la sua vita alla cura dei malati e degli infermi.

Tanti i punti in comune tra le città di Bucchianico e San Giovanni Rotondo, e tra San Camillo De Lellis e San Pio da Pietrelcina: entrambi sono nati lo stesso giorno, il 25 maggio (1550 il primo, 1887 il secondo). San Pio fu un frate Cappuccino e lo stesso fu San Camillo subito dopo la conversione. Ambedue dedicarono la loro vita all’assistenza dei malati: il primo creando l’Ordine dei Camilliani, presenti in oltre quaranta Stati sparsi nei cinque continenti; il secondo dedicando la sua vita alla realizzazione della Casa “Sollievo della Sofferenza”. San Camillo, prima della Conversione, nella notte tra il 1° e il 2 febbraio 1575, dormì nella stessa cella, la numero 5, che fu poi occupata per ventiquattro anni proprio da Padre Pio nell’antico convento di San Giovanni Rotondo, dal 28 luglio 1916 (data del suo arrivo a S. Giovanni Rotondo) fino al 1940, quando il frate di Pietrelcina fu trasferito alla cella numero 1.

Ecco il programma delle celebrazioni che si svolgeranno dal 31 gennaio al 5 febbraio 2013.

GIOVEDI 31 GENNAIO 2013
Ore 11.30 ARRIVO RELIQUIE DEL CORPO DI S. CAMILLO A MANFREDONIA
– Rito Accoglienza Autorità Religiose, Civili e Militari
– Dal luogo di arrivo dell’INSIGNE RELIQUIA del Santo (se le condizione climatiche lo permetteranno) si va processionalmente a piedi verso la Cattedrale di Manfredonia, facendo sosta presso la Chiesa di S. Domenico (luogo dove S. Camillo ha chiesto l’elemosina)
– La Reliquia del Santo esposta alla venerazione dei fedeli.
Ore 18.00 Celebrazione S. Messa in Cattedrale
Ore 19.00 Veglia di Preghiera

VENERDI 1° FEBBRAIO 2013
Dal mattino al pomeriggio:
Pellegrinaggio delle Parrocchie, Associazioni e scuole.
Ore 18.00 Celebrazione S. Messa in Cattedrale Ore 19.00 Convegno per gli operatori del mondo della salute presso Sala “V. Vailati”
Relatore P. Rosario Messina Provinciale dei Camilliani (Provincia
Siculo- Napoletana)

SABATO 2 FEBBRAIO 2013
GIORNATA DELLA CONVERSIONE DI S. CAMILLO E DELLA VITA CONSACRATA
Ore 09.30 Solenne Concelebrazione Arcivescovo Mons. Michele Castoro
Ore 11.30 Pellegrinaggio dei fedeli alla “VALLE DELL’INFERNO” per Comm. Conversione di S. Camillo presieduta dal Rev.mo P. Generale Dell’Ordine Ministri degli Infermi P. Renato Salvatore.
Ore 15.30 Trasferimento dell’INSIGNE RELIQUIA del Corpo di S. Camillo in corteo Auto alla città di S.G. Rotondo nella” Parrocchia S.Leonardo”.
Ore 16.30 Arrivo Reliquia in Piazza Padre Pio. Saluto Autorità.
Ore 17.30 Benedizione candele presso Chiesa S. Giacomo. A seguire
processione verso la Chiesa Madre e Concelebrazione della S. Messa presieduta da S. E. Mons. Arcivescovo Michele Castoro
Ore 19.00 Convegno Salone Parrocchiale Chiesa Madre: “S. Camillo e la vita consacrata”. Relatore P. Rosario Messina Provinciale dei Camilliani.
Ore 20.00 Veglia di Preghiera animata dai Giovani

DOMENICA 3 FEBBRAIO 2013
Ore 10.00 La Reliquia viene trasferita in Processione dalla Chiesa S. Leonardo alla “Parrocchia S. Giuseppe Artigiano”.

Ore 11.00 S. Messa e annuncio ufficiale della ” Missione Camilliana
Parrocchiale” per gli ammalati.
Ore 16.00 S. Messa con l’amministrazione del Sacramento dell’Unzione degli infermi agli ammalati.
Ore 18.00 S. Messa vespertina
Ore 20.00 Concerto per S. Camillo
Dalle ore 22.00 alle ore 24.00 Veglia di preghiera


LUNEDI 4 FEBBRAIO 2013
Ore 08.00: La Reliquia del Corpo di S. Camillo viene trasferita
presso la Cappella dell’Ospedale “Casa Sollievo della Sofferenza” alla venerazione dei malati e operatori sanitari.
Ore 17.00: Trasferimento della Reliquia presso il Santuario “Madonna delle Grazie” alla venerazione dei fedeli animata dai “Gruppi di Preghiera P. Pio” .
Ore 19.00: Convegno per gli operatori del mondo della salute presso la “Casa Sollievo della Sofferenza”. Relatore: P. Rosario Messina Provinciale dei Camilliani


MARTEDI 5 FEBBRAIO 2013
Ore 11.00 S. Messa e trasferimento della Reliquia all’Eliporto e Rito di congedo.


N.B. : Durante il periodo di permanenza del Corpo di S. Camillo nell’Arcidiocesi di Manfredonia – Vieste – S. G. Rotondo ci saranno visite guidate ai luoghi vissuti da San Camillo.


Redazione Stato@riproduzioneriservata



Programma



Vota questo articolo:
3

Commenti


  • Nicola

    E’vergognoso come la chiesa che dovrebbe condurre alla salvezza i fedeli continui nelle riesumazioni e celebrazioni dei corpi con attaccamento morboso al materialismo da cui Gesù prendeva tanto le distanze…


  • u Bannaiule

    Non è così Nicola,purtroppo non volete accettare il Fatto che il Signore si manifesta nella schiera dei suoi Angeli e dei suoi Santi e della Beata Vergine Maria(che voi non riconoscete ovviamente)Per compiere i Tanti suoi Miracoli, e grazie.E con questo chiudo.
    La chiesa Cattolica al contrario delle dicerie e voci che siete abituati a mettere in giro Venera la figura dei Santi e della Mamma Celeste! di certo non gli Adora! e poi mi consenta,Il Signore condanna gli ingiusti per cose ben più gravi, mi creda….Buona Giornata!!!


  • Nicola

    Un osservazione…voi chi? Io nn rappresento nessuna religione se non quella insegnata da Gesù…che non e’ quella che insegna la chiesa che ovviamente pensa agli interessi economici..

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi