Manfredonia
"Vi siete mai resi conto che far chiudere le aziende per mancanza di servizi costituisce un oltraggio al senso civico"

Manfredonia, V.De Salvia: “Caro sindaco, dopo 15 anni aziende D49 ancora senz’acqua”

"Per ogni fontana, piazza, statua, viale, giardino che nasce c'è un'azienda che muore, ma le pare una crescita questa?"

Di:

Lettera aperta

”Gentile Sindaco, fra pochi giorni è esattamente un anno da quando ho protocollato la istanza di allacciamento alla dorsale dell’acqua proveniente dalla Somacis. Inutile contare le mie visite alla sua sede istituzionale, le attese, per sentirmi dire sempre che lei sta lavorando affinchè POSTA DEL FALCO ottenga il consenso all’allacciamento. Può sembrare incredibile a Torino, a Milano, alla dirigenza ENI, alla DIRIGENZA ACQUEDOTTO PUGLIESE, che le aziende della arci- famosa AREA INDUSTRIALE D 49 siano sprovviste di acqua ancora oggi dopo 15 anni. Ancora più incredibile che qualche azienda si è allacciata e poi ha abbandonato la struttura ai vandali, ai ladri, agli sciacalli. La fogna poi è il massimo della incredulità. Vedere e fotografare le autobotti dello spurgo che girano fra le industrie è immagine che puoi vedere in Africa, forse. Ma avete mai pensato, lei ed i responsabili di tanto abbandono doloso, che la capacità di produrre di una azienda, che il suo valore sociale contribuisce a creare la vostra reputazione in un vantaggio competitivo di lungo periodo? Vi siete mai resi conto che far chiudere le aziende per mancanza di servizi costituisce un oltraggio al senso civico, un furto al futuro ed all’occupazione che le aziende creano?

Di fronte ad una nuova stagione senza servizi mi si para innanzi una farsa incredibile che recita …turismo ed accoglienza….ancora una volta,mentre chi ci riesce scarica dove può reflui e rifiuti, le vie di transito sono disgustosamente inondate di rifiuti, il vallone Ortolino di Mezzanotte ha posto per tutto, il mare non dice mai di no. Ma questo è il mondo produttivo a cui lei affiderà i suoi figli,e quelli degli altri? E’ risaputo, lo hanno dichiarato gli industriali che hanno lasciato aziende ed operai alla storia di Manfredonia, che la nostra città è sempre stata ostile alle industrie,come non dar loro ragione quando vedi che quelle attività che resistono nell’area industriale si dibattono fra il bisogno di continuare a produrre per non perdere il capitale umano e quello di …dove sbarcare i resti della lavorazione.

Per ogni fontana, piazza, statua, viale, giardino che nasce c’è un’azienda che muore, ma le pare una crescita questa?.

Cordialmente”.

(A cura di Vittoria de Salvia – vittoriadesalvia@libero.it)

Comune Manfredonia, ok contratto per distribuzione acqua uso industriale

Manfredonia, V.De Salvia: “Caro sindaco, dopo 15 anni aziende D49 ancora senz’acqua” ultima modifica: 2016-02-23T18:20:50+00:00 da Redazione



Vota questo articolo:
20

Commenti


  • svolta

    L’acqua, la fogna non si mangiano e tanto meno le urbanizzazione dei comparti edili della zona “nuova” di Manfredonia.
    Cosa dire hanno la faccia come il KUZZETTO.


  • Pollice Sipontino

    Hai ragione svolta, è la politica ( si fa per dire ) locale. Per vedere la differenza, per la zona inustriale, basta andare a Cerignola.


  • Tasso sindaco

    svolta infatti tu sei uno che ha votato riccardi! Dillo agli amici tuoi che alzano la mano in consiglio come marionette, invece di fare le prediche qui


  • napi

    Penso che la somacis dopo la fregatura presa e non solo….non sia tanto contenta….e non aggiungo altro


  • svolta

    Tasso sindaco….. neanche se mi…. pagava…. l’avrei votato,
    Ti posso garantire, purtroppo non ha sortito gli effetti sperati, che gli ho fatto pubblicità negativa in riscontro ai suoi primi cinque anni a cui anche non ho contribuito col voto del 2010…. per me gli ex comunisti rigenerati in qualcos’altro non sono ne qualcos’altro e tanto meno ex comunisti…. sono tutt’altro ma solo se stessi…. affaristi e basta.


  • Tasso sindaco

    Svolta infatti parli degli affaristi come l’amica tua in consiglio!


  • Tasso sindaco

    o magari stai qui i a criticare gli ex comunisti solo perché (….)


  • pegaso

    probabilmente alla somacis è arrivata l’acqua?


  • Luigi

    Brava signora De Salvia!! Si faccia sentire ancora e denunci la situazione di degrado in cui versa l’area industriale. A Manfredonia sono piovuti 1000 miliardi di lire per il contratto d’area (d’aria) e che cosa è stato creato? Miseria, povertà, degrado economico e sociale. E la responsabilità?? Di chi sono le responsabilità di questo vergognoso sperpero di denaro e di opportunità? Della politica, dei politici, politicanti che da sempre a Manfredonia hanno malgovernato…almeno dagli anni sessanta ad oggi, (con figli e nipotini ignoranti) e mediocri professionisti che parassitano risorse pubbliche e quelle poche risorse private degli imprenditori e dei commercianti…E’ necessario cambiare e far tornare a casa coloro che hanno creato questo degrado e che continuano a fare danni alla città. SUBITO, e dobbiamo farlo noi cittadini, visto che in consiglio comunale è assente qualsiasi forma di seria opposizione.


  • Michele

    Mia cara De Salvia, ma per quale motivo lo dici al sindaco… ….mi dici per quale motivo dovrebbe importargli qualcosa? È ancora stanco per tutto quello che ha dovuto fare per farsi rieleggere. E che cavolo. Lasciatelo un po in pace. Siete proprio dei senza cuore.


  • Lucia

    Hai ragione Michele, bravo. Ormai le sue promesse le ha fatte, è stato rieletto, stop. Il suo compito è finito. Lasciatelo un po in pace. È vero pure che I commercianti si lamentano che aveva promesso un mega parcheggio che avrebbe consentito a tutti di accedere con facilità alla passeggiata per il corso e di conseguenza agli acquisti nei negozi. E quindi? Il problema dove sta? Lui la promessa l’ha fatta!!! Il suo compito è finito. Oltretutto miei cari pensateci un attimo. Lui di industrie non ne ha. Non è un commerciante. Non è un disoccupato. Non ha problemi di parcheggio. Non ha nessun problema fino alla scadenza del mandato. Perchè dovrebbe preoccuparsi di Manfredonia e dei suoi cittadini? E poi siamo seri. Neppure se fosse Padre Pio in persona potrebbe mantenere un decimo delle promesse che ha fatto.


  • pino83

    Cara signora qui vanno avanti gli amici di kekko !!Come mai un ormai noto lido sul litorale di siponto l’allaccio l’ha avuto anche se era sotto sequestro???


  • amavomanfredonia

    Cara Signora De Salvia, mi sa’ che 15 anni sono pochi, io non so’ di chi è la colpa di tutto cio’ colpa della POLITICA? AFFARISTI? VINCOLI DELLA GALLINA PRATAIOLA ? REGIONE ? PROVINCIA ? pero’ so’ una cosa che è impossibile creare una zona industriale senza acqua e fogna…. solo al SUD puo’ succedere una cosa del genere, ovunque si creano prima le infrastutture e poi si costruisce, da noi si fa’ prima il TETTO e poi le FONDAMENTA…. non credo che esistano altre realta’ come quella manfredoniana…. speriamo sempre in un futuro radioso per la nostra cara bella citta’


  • svolta

    Per Tasso sindaco…. prima mi avvicini al sindaco, ora mi dici che ho un’amica in consiglio….. ma per caso hai le traverggole…. cambi immagini di personaggi in un batter d’occhi !!!!!
    Mi sa proprio che hai preso un grosso abbaglio.


  • Bah

    A me sinceramente questi piagni non mi affascinano. Nelle segrete della cabina elettorale i cittadini si sono espressi nelle ultime amministrative a favore di questa politica.
    Inoltre tocca rilevare l’incapacità degli imprenditori locali a far emergere un’idea di business capace di stare sul mercato, e questo al netto delle promesse elettorali. Quindi in definitiva che volete?


  • mattoj a mulangen

    Da informazioni in mio possesso e leggendo altri articoli la SOMACIS , come qualcuno ha scritto nei commenti, non ha avuto l’acqua ma bensi’ si è autofinanziata per farsi portare l’acqua O CACCET I SOLD!!!!


  • arcangelo

    Cara signora De Salvia, il collegamento per l’acqua potabile alla sua azienda lo deve fare con i suoi soldi….! ! non può pensare di sfruttare una rete industriale per usi suoi privati o del suo b&b, pizzeria, ristorante, discoteca, dimenticavo quasi l’hotel ” Faccia come ha fatto SOMACIS che si è creata a proprie spese l’allaccio alla rete INDUSTRIALE. La rete per gli usi civici è ben altra cosa…ma forse a Lei conviene creare disinformazione!!! Saluti


  • francesco

    Signora mi meraviglia la sua improvvisa conversione all’industria ed alle angherie subite da quelle insediate nel contratto di area. Il terziario avanzato e le bonifiche che dovevano risolvere tutti i problemi suoi e di Manfredonia che ella promuoveva evidentemente non la hanno soddisfatta appieno. La Somacis ha speso circa 100.000 euro (secondo il lettore,ndr) oltre alla sponsorizzazione del volley femminile per allacciarsi al tronco Syndial. Ma la cosa è avvenuta in periodo preelettorale. Il Nicotel in zona ha chiuso per mancanza di acqua e fogna e la ASL ha fatto più del suo dovere con i dovuti controlli e determinarne la chiusura. Lei, che si lamenta della sporcizia, sta rispettando tutte l leggi a Posta del Falco? Signora, si ricordi, chi semina vento raccoglie tempesta.


  • francesco

    Per svolta ed altri frequentatori abituali: il contratto di fornitura dell’acqua alle zone D46 e PIP la Syndial le ha fatte con il comune e non con l’ASE, come promesso dal Sindaco prima delle elezioni all’inaugurazione del nuovo capannone ASE. L’ASE doveva curare tutto della zona industriale: la pulizia, la distribuzione dell’acqua e la depurazione. I costi quindi dell’acqua le sopporterà il comune e non l’ASE; comunque non cambia niente anzi è meglio visto che i costi dell’ASE li paghiamo a piede lista senza neanche avere la possibilità di controllarli. Un ultima cosa: ricordiamoci che l’acqua potabile e quella per uso irriguo è arrivata a Manfredonia grazie all’ANIC. Sto aspettando le ricadute in termini di sviluppo vero e non di nero del turismo, come quello della DE Salvia.


  • Zagaria

    Ma è vero che (seguono verifiche,ndr) lavora in Somacis?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi