ManfredoniaMonte S. Angelo
Giovedì 3 marzo 2016, alle ore 17.00, presso la sala conferenze dell’ex monastero delle Clarisse

Monte, Rione Junno e Buffer zone Unesco: incontro pubblico

Di:

Monte Sant’Angelo. Si terrà giovedì 3 marzo 2016, alle ore 17.00, presso la sala conferenze dell’ex monastero delle Clarisse l’incontro pubblico sul tema “Rione Junno e Buffer Zone UNESCO – Strategie e proposte operative per una riqualificazione partecipata”. L’incontro, rivolto a tecnici, artigiani, rappresentanti delle associazioni operanti sul territorio e cittadini interessati, ha lo scopo di definire quali regole adottare per il decoro urbano e condividere idee e proposte sul recupero del patrimonio architettonico del Centro Storico di Monte Sant’Angelo. Interverranno il dott. Andrea Cantadori, Commissario straordinario del Comune di Monte Sant’Angelo, il geom. Matteo Gabriele, Ufficio UNESCO, il prof. Leonardo Rignanese, DICAR – Dipartimento di Scienze dell’Ingegneria Civile e dell’Architettura Politecnico dell’Università degli Studi di Bari.

Monte, Rione Junno e Buffer zone Unesco: incontro pubblico ultima modifica: 2016-02-23T17:43:56+00:00 da Redazione



Vota questo articolo:
4

Commenti


  • Nonnogio

    Ottima idea, anche se un po’ tardiva. Spero che il nostro bravo Commissario, oltre che mettere in evidenza gli “abusi edilizi e paesagistici” che nel rione Junno e zone limitrofe sono, secondo il mio modesto parete, ad eccezzione di qualche caso sporadico, di lieve entita’, ci dica anche cose intende per cercare di colmare la trentennale latitanza del “Comune” (ammistratori, Dirigenti dei vari settori, Forze di Polizia ecc. ecc.). Spiace non poter intervenire, spero che questo incontro pubblico dia dei buoni risultati per la nostra amata,ma tanto bistrattata Citta’

  • Giusta iniziativa, Monte sta risorgendo e gli effetti si vedono.


  • Pasquale

    Ma vedessero di pensare alle strade che non si puo piu circolare in nessun modo ne a piedi ne con le macchine e pieno di buche anzi caverne e la gente e stanca, altro che buffer zone.

  • Le uniche strade messe male sono quelle della provincia. Chi deturpa Monte come questi abusivi e i loro fortunatamente pochissimi sostenitori allontana i turisti e offende il nostro senso estetico per cui va punito duramente.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi