FoggiaManfredonia
Il WWF Foggia invita anche i cittadini della Capitanata ad aderire alla petizione rivolta al Ministro dell'ambiente

WWF Foggia “Salviamo il lupo dalle morti atroci, petizione”

Il WWF auspica che nei prossimi giorni si apra da parte dei Ministeri competenti e delle Regioni un nuovo confronto con le associazioni ambientaliste, agricole e tutti gli altri attori interessati

Di:

Foggia. Il WWF Foggia invita anche i cittadini della Capitanata ad aderire alla petizione rivolta al Ministro dell’ambiente per salvare il lupo. La bozza ministeriale del Piano di conservazione e gestione del lupo in Italia, nella sua ultima versione, prevede, infatti, la possibilità di autorizzare l’abbattimento legale del 5% della popolazione del lupo stimata oggi in Italia. Con la petizione si chiede di non concedere tale possibilità. Se il Piano sarà approvato nella versione attuale 60 lupi potranno essere abbattuti ogni anno legalmente nel nostro paese, in un contesto in cui annualmente sono circa 300 gli esemplari che vengono brutalmente uccisi dal bracconaggio, bocconi avvelenati, trappole per ungulati o lacci di filo metallico come conferma l’ultimo macabro ritrovamento di un esemplare ucciso e appeso vicino San Giovanni Rotondo.

Se si aggiungono le morti accidentali per investimenti stradali si stima già oggi nel nostro Paese una mortalità causata direttamente dall’uomo tra il 15 – 20% della popolazione, considerando una popolazione minima stimata di 1200/1500 lupi, comprendendo sia popolazione appenninica che alpina. Prevedere di ricorrere all’abbattimento di lupi quale risposta a situazioni locali critiche, evidenzia il WWF, assicura solo un’illusoria e temporanea riduzione dei danni causati alla zootecnia, non risolvendo il problema e non placando i malumori degli allevatori, bensì aumentando in poco tempo la minaccia del bracconaggio. Recentissimi studi dimostrano, infatti, che l’abbattimento di alcuni esemplari di lupo, destrutturando i branchi ed aumentando la dispersione dei suoi componenti, può determinare nel medio e lungo termine un incremento della predazione sul bestiame domestico. La scorciatoia ipotizzata, quindi, rischia di aggravare piuttosto che risolvere il problema della predazione degli animali domestici da parte del lupo.

Il WWF auspica che nei prossimi giorni si apra da parte dei Ministeri competenti e delle Regioni un nuovo confronto con le associazioni ambientaliste, agricole e tutti gli altri attori interessati per trovare punti condivisi sulle azioni necessarie per la convivenza tra lupo e attività economiche. Per il WWF le soluzioni alternative agli abbattimenti di Stato ci sono e la convivenza con questo predatore è possibile: quello che è mancato finora è la volontà di applicare le strategie vincenti adottate con successo solo in alcune aree. Intanto il WWF proseguirà per tutto il mese di marzo con la “Campagna per la tutela del Lupo”. L’appello a tutti i cittadini è di firmare per dire NO all’abbattimento legale anche di un solo lupo. Nella petizione http://www.wwf.it/lupo/soslupo/ sono descritte anche le 6 Azioni da mettere in pratica per risolvere efficacemente la convivenza tra attività economiche e presenza dei grandi predatori sul territorio. Nella stessa pagina i firmatari troveranno il simpatico cartone animato “10 cose da sapere sul lupo”

Redazione Stato Quotidiano.it

WWF Foggia “Salviamo il lupo dalle morti atroci, petizione” ultima modifica: 2016-02-23T11:00:08+00:00 da Redazione



Vota questo articolo:
2

Commenti


  • Pettirosso

    Non capisco la parola bracconaggio..!!!
    Perchè si cacciano i lupi..?
    Forse si difendono dai lupi..?


  • Mario

    E’ come chiamare ASSASSINO quella persona che alle tre di notte viene derubato in casa, spaccata la testa, violentata la moglie, e lui riesce a salvare il resto della famiglia ammazzando il ladro..!!!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi