FoggiaSan Severo
Appello sindaco Miglio

San Severo, ancora rapine a negozi. Appello Miglio

"Comunico fin d’ora che sarò accanto ai miei cittadini in ogni eventuale iniziativa che dovesse essere organizzata per evidenziare questa situazione di grande disagio e paura"


Di:

San Severo. A seguito di una serrata attività d’indagine, i Carabinieri di San Severo hanno individuato e arrestato 2 degli autori di una rapina perpetrata nella serata del 22.02.2017 ai danni di un supermercato di San Severo. Indagini in corso per individuare i complici ed accertare se gli stessi abbiano preso parte anche alle altre 2 rapina perpetrate ieri sera ai danni di una farmacia e una tabaccheria.

EMERGENZA CRIMINALITA’ E RAPINE, APPELLO ALLO STATO: LA CITTA’ DI SAN SEVERO HA PAURA! IL SINDACO FRANCESCO MIGLIO INIZIA LO SCIOPERO DELLA FAME. A SAN SEVERO LA CRIMINALITA’ NON PUO’ SCONFIGGERE LA DEMOCRAZIA E LO STATO. A seguito delle ultime quattro rapine messe a segno nella sola giornata di ieri, il Sindaco avv. Francesco Miglio, a nome della Giunta Comunale ed interpretando il pensiero dell’intero Consiglio Comunale, avvertito lo stato di grande preoccupazione e sconforto della popolazione sanseverese, ha scritto la seguente lettera che si riporta integralmente. Si comunica che il Sindaco Miglio ha cominciato da ieri sera lo sciopero della fame che continuerà sino a quando il Governo non avrà dato concreti segnali di presenza sul territorio di San Severo, assicurando i livelli di vivibilità che ogni cittadino italiano deve avere.

Al Signor Presidente del Consiglio; Al Signor Ministro dell’Interno; Al Signor Ministro della Difesa; Al Signor Ministro delle Finanze; Al Signor Ministro della Giustizia; Al Signor Presidente Regione Puglia; Al Signor Prefetto di Foggia; Al Signor Questore di Foggia; Al Signor Procuratore della Repubblica – Tribunale di Foggia; e, p.c. Al Signor Comandante Arma dei Carabinieri Regione Puglia; Al Signor Comandante Guardia di Finanza Regione Puglia; Al Signor Dirigente Polizia di Sato Regione Puglia; Al Signor Comandante Provinciale Arma dei Carabinieri – Foggia; Al Signor Comandante Provinciale Guardia di Finanza – Foggia; Al Signor Comandante Arma dei Carabinieri – San Severo; Al Signor Dirigente Polizia di Stato – San Severo; Al Signor Comandante Guardia di Finanza San Severo; LORO SEDI.

Oggetto: A San Severo la criminalità non può sconfiggere la democrazia e lo Stato. ”Nella sola giornata di ieri, mercoledì 22 febbraio, la città di San Severo, centro della provincia di Foggia che conta circa 60.00 abitanti, è stata fatta oggetto di ben quattro rapine nel giro di pochissime ore, che seguono un numero purtroppo imprecisato ed impressionante di altri eventi malavitosi: rapine a mano armata messe a segno con ferocia e disarmante spudoratezza a negozi di generi alimentari, farmacie, tabaccherie, negozi di abbigliamento, bar, agenzie immobiliari, in tutte le zone del centro abitato ed a qualsiasi ora del giorno e della notte. Inoltre nelle ultime settimane si sono registrati anche due omicidi e diversi attentati dinamitardi, con numerose bombe collocate in diversi esercizi commerciali della città. I cittadini sono allo stremo e sta passando il messaggio che San Severo è divenuta terra di nessuno dove la criminalità imperversa e regna sovrana, in spregio alle più elementari regole di democrazia e convivenza civile. Le istituzioni dello Stato sono percepite da tutta la popolazione come inadeguate nel numero e quindi nella impossibilità di fronteggiare l’emergenza criminalità.

In qualità di primo Cittadino di questa comunità e di Presidente della Provincia di Foggia, sento forte il dovere di richiamare l’attenzione delle istituzioni democratiche rispetto ad una situazione oramai intollerabile che sta minando le basi del patto sociale che governa la nostra comunità. Dopo numerosi appelli, incontri, rassicurazioni ricevute dai massimi livelli istituzionali, i cittadini di San Severo non percepiscono miglioramento rispetto al problema di criminalità dilagante e legalità negata. Mi vedo costretto pertanto ad intraprendere iniziative forti ed eclatanti e sottoporre questo intollerabile disagio all’attenzione degli organismi preposti. Per cui comunico che dalla giornata di oggi inizio uno sciopero della fame sino a quando il Governo non avrà dato concreti segnali di presenza sul territorio di San Severo, assicurando i livelli di vivibilità che ogni cittadino italiano deve avere. Chiedo un incontro immediato per affrontare in maniera pragmatica, celere ed incisiva il fenomeno criminalità nella città di San Severo.

Comunico fin d’ora che sarò accanto ai miei cittadini in ogni eventuale iniziativa che dovesse essere organizzata per evidenziare questa situazione di grande disagio e paura. Ove ne avessi i poteri, probabilmente, prenderei atto che la mia città è cinta d’assedio e metterei in campo ogni azione a tutela della incolumità dei miei cittadini e della loro forza economica, messa pericolosamente in discussione da omicidi, rapine, bombe, intimidazioni che rappresentano una autentica dichiarazione di guerra che va contrastata con iniziative straordinarie!

In attesa di un immediato riscontro porgo distinti saluti”.

San Severo, ancora rapine a negozi. Appello Miglio ultima modifica: 2017-02-23T11:01:19+00:00 da Redazione



Vota questo articolo:
1

Commenti


  • Redazione

    A SAN SEVERO EMERGENZA CRIMINALITÀ, E LA RISPOSTA DELLO STATO È … ALTRI 80 IMMIGRATI IN ARRIVO IN CITTÀ.
    Incredibile quanto sta accadendo a San Severo, dove ogni giorno si spara, si compiono rapine, furti con scasso e crimini vari. Le forze dell’ordine sono in difficoltà nel fronteggiare una tale portata di criminalità, e la risposta dello Stato ci lascia sbigottiti. “Anzichè rinforzare – sottolinea Rossano Sasso coordinatore regionale di Noi con Salvini Puglia – di uomini e mezzi le forze dell’ordine, a San Severo sono in arrivo altri 80 immigrati, come se non ce ne fossero già abbastanza. Altri immigrati in un territorio che ne ospita già parecchi, altri aspiranti profughi che probabilmente profughi nonno saranno mai, altra manovalanza a basso costo per la criminalità locale. Ma il business dell’accoglienza si sa non si può fermare e così prosegue l’invasione favorita dal PD e m5s. ” Per Primiano Calvo coordinatore provinciale ” mentre San Severo e’ giornalmente colpita da atti criminosi, le forze dell’ordine sono costrette a presidiare il nuovo centro d’accoglienza. Le risorse economiche per i clandestini ci sono, mentre per la sicurezza dei cittadini non c’è nulla!! Grave l’omissione – prosegue Calvo – del Sindaco Miglio, che non ha comunicato al consiglio comunale e alla cittadinanza che l’immobile di proprietà comunale in via del Demanio accoglierà 80 clandestini “. E intanto le famiglie sfrattate per morosità non colpevole ed i bisognosi di San Severo possono tranquillamente aspettare tempi migliori, che però forse non arriveranno mai fino a quando al governo ci saranno i razzisti nei confronti degli Italiani.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi