Stato prima
Kamikaze e bombe Isis all'aeroporto e in metro

Bruxelles sotto attacco: 34 vittime

Il bilancio provvisorio degli attacchi, di cui l'Isis ha rivendicato la paternità, è di 34 morti e oltre 200 feriti

Di:

(ANSA) Strage a Bruxelles, la città simbolo dell’Ue, ora listata a lutto e sotto shock. Prima due kamikaze all’aeroporto, poi una bomba nella metropolitana all’ora di punta hanno seminato morte e paura colpendo il cuore dell’Europa. Il bilancio provvisorio degli attacchi, di cui l’Isis ha rivendicato la paternità, è di 34 morti e oltre 200 feriti, ma probabilmente è destinato a crescere per le condizioni gravi in cui versano alcune delle persone ricoverate in ben 25 ospedali della capitale. (ANSA)

Bruxelles: Mattarella, cordoglio per le vittime e la più decisa condanna per gli esecrabili atti di violenza. Bandiere a mezz’asta al Quirinale. Bandiere a mezz’asta al Quirinale in seguito agli attentati che hanno colpito BruxellesIn seguito agli attentati che hanno colpito Bruxelles, bandiere a mezz’asta in segno di lutto oggi e domani al Palazzo del Quirinale. Appresa la notizia degli attentati, il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, ha rilasciato la seguente dichiarazione: «Gli ultimi, gravissimi attentati di Bruxelles confermano tragicamente che l’obiettivo del terrorismo fondamentalista è la cultura di libertà e democrazia. Esprimo il mio cordoglio per le vittime e la più decisa condanna per gli esecrabili atti di violenza. Va ribadita la ferma convinzione che la risposta alla minaccia terroristica deve trovare saldamente uniti i Paesi dell’Unione Europea. Occorre affrontare questa sfida decisiva con una comune strategia, che consideri la questione in tutti i suoi aspetti: di sicurezza, militare, culturale, di cooperazione allo sviluppo. In gioco ci sono la libertà e il futuro della convivenza umana ».



Vota questo articolo:
1

Commenti


  • Pasquale

    Piu’ volte si e’ sentito dire che tali ESAURI… sono stati individuati, seguiti nei vari movimenti.
    Perché non si inizia a diffidarli s stare in Europa, e con la seconda diffida arrestarli e tenerli a cuccia al fresco?.
    Per quelli che arrivano dall’Estero stesso trattamento.
    Non bisogna dargli tanto spazio per m uoversi ed organizzarsi.
    Bisognerebbe trattarli con la stessa crudelta’ e gentilezza che stanno diffondendo in tutto il mondo.
    Una cellula al giorno, toglie il terrore di torno.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi questo articolo!