FoggiaManfredonia
Intesa Confindustria Foggia-FerGargano-Polo Tecnologico di S.Severo

Formazione in azienda degli studenti, la “Riforma della Buona Scuola”

L'iniziativa adotta un approccio "on the job" basato su almeno 120 ore di formazione in alternanza (400 complessivamente), da programmare nell'arco degli ultimi tre anni del ciclo di studi secondario

Di:

Foggia. Presentato oggi a Foggia il progetto nato dal Protocollo di Intesa sottoscritto da Confindustria Foggia, Ferrovie del Gargano srl e Polo Tecnologico “Minuziano-Alberti-Di Sangro” di San Severo, i cui studenti verranno coinvolti in una esperienza innovativa di alternanza scuola lavoro (ASL) a partire dall’anno scolastico 2015-2016. L’accordo è stato sottoscritto dal dott. Vincenzo Germano (direttore generale delle Ferrovie del Gargano), dal dott. Enrico Barbone (direttore di Confindustria Foggia) e dal prof. Vincenzo Campagna. Durante la presentazione, svoltasi presso la sede delle Ferrovie del Gargano, sono stati illustrati i vari step del percorso formativo. Dai prossimi giorni, infatti, gli studenti del Polo tecnologico di San Severo si “formeranno” presso le officine delle Ferrovie del Gargano seguiti da tutor aziendali e scolastici. «Una sinergia di notevole importanza – commenta il dott. Vincenzo Germano – in un processo che dovrà vedere azienda e scuola lavorare in simbiosi per la crescita e la formazione delle future generazioni di tecnici di cui anche il nostro Gruppo potrà usufruire. Ecco perché abbiamo volentieri accettato la proposta formulataci dal Polo tecnologico di San Severo, istituto all’avanguardia nei processi didattici: è un percorso che va sostenuto e noi non potevamo che essere disponibili». «E anche Confindustria Foggia – aggiunge il Presidente dell’associazione, Ing. Gianni Rotice – ha voluto essere protagonista di questo processo innovativo proposto dalla scuola italiana mettendo a disposizione tecnostruttura e tutor nell’affiancare Ferrovie del Gargano, azienda sempre presente nella crescita del territorio».

L’iniziativa adotta un approccio “on the job” basato su almeno 120 ore di formazione in alternanza (400 complessivamente), da programmare nell’arco degli ultimi tre anni del ciclo di studi secondario, con un sistema “a rotazione” durante l’anno (evitando così di concentrare un numero troppo alto di studenti a sessione) coerentemente con quanto previsto dalla riforma della Buona Scuola varata a luglio 2015. «Il nostro Istituto – aggiunge il prof. Vincenzo Campagna – ha trovato partner ideali in questo percorso formativo. Il “know how” di Confindustria Foggia e FerGargano – sarà un elemento gratificante per la crescita formativa dei nostri studenti anche in prospettiva di lavoro post diploma». «Il progetto – spiega Maria Pia Liguori, Presidente del Comitato Piccola Industria di Confindustria Foggia – ha come obiettivo principale quello di generare un processo di innovazione sociale proponendo – ha un modello di alternanza scuola lavoro che supporti un cambiamento dell’organizzazione della didattica, nel rispetto dell’autonomia degli istituti. Si vuole infatti mettere al centro dell’esperienza dell’alternanza l’apprendimento nei luoghi di lavoro, quale elemento irrinunciabile del percorso curricolare, riconoscendone la piena “equivalenza formativa».

Redazione Stato Quotidiano.it



Vota questo articolo:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Share This