ManfredoniaStato news
Nel corso della seduta di Consiglio del 09.03.2016

Interrogazione Magno, Riccardi: “Isola 12 è stata bonificata, con la falda e il resto non c’entra”

"Qui c’è la massima disponibilità, nessuno vuole nascondere nulla, sulla bonifica dell’Enichem non raccontiamo favole, perché le favole vengono distorte fuori e accendono incendi che non si possono più spegnere"

Di:

Manfredonia. ”L’Isola 12 è stata bonificata con la falda e con tutto il resto non c’entra nulla, cioè io dico almeno su queste cose qua noi dobbiamo capire che cosa diciamo, se no diventa complicato anche fuori perché la gente chissà che pensa che sta accadendo quando non sta accadendo assolutamente nulla”. E’ parte di una risposta del sindaco di Manfredonia, Angelo Riccardi, ad un’interrogazione presentata – nella seduta di Consiglio del 09.03.2016 – dal consigliere comunale Italo Magno, relativa allo stato della bonifica nell’area ex Enichem.

L’INTERROGAZIONE. ”Nelle settimane scorse, precisamente il 12/2 il professor Fabrizio Bianchi del C.N.R. di Pisa, su indicazione del Ministero della Salute, ha messo fuori dei dati allarmanti per la città di Manfredonia, usano loro questo termine, “allarmante per la città di Manfredonia”, perché a Manfredonia vi è un aumento esponenziale del 37% di tutta la Puglia di malformazioni congenite, non soltanto a livello generazionale, ma a livelli transgenerazionale, cioè anche i figli, i nostri figli e i nostri nipoti portano in se stessi in conseguenza dell’assunzione di arsenico, portano nel loro DNA questa riproposizione di malformazioni congenite che riguarda l’apparato vescicale, l’apparato dirigente e così via. Lei, Sindaco, mi ha risposto, ecco perché, caro Presidente, devo avere qualche minuto in più, perché non ha risposto a quello che avevo detto io perché parlavamo di scenari che si erano già rivelati a settembre. Io ho partecipato alle prime riunioni di quegli scenari, quindi conosco bene la situazione, noi stiamo parlando…

Allora qui si parla che Manfredonia è uno dei S.I.N., Siti di Interesse Nazionale, per tutti quei siti che sono stati esposti per motivi ambientali a rischi gravi, allora il problema qui è grosso, innanzitutto io vorrei che quel documento sia messo a disposizione di tutti i Consiglieri Comunali e mi meraviglio che non sia stato fatto visto che c’è stata una lettera da parte del coordinamento che è stata mandata al Sindaco e ai Consiglieri Comunali, io penso che i Consiglieri Comunale che ricevono tante altre cose, di questo non hanno avuto contezza, non hanno avuto comunicazione. Cioè Manfredonia ha questo, sono dati del C.N.R. di Pisa, hanno detto che per incidenza ambientale dovuta all’arsenico, ogni quattro bambini che abbiano delle malformazioni congenite, ogni tre bambini della Puglia uno, a Manfredonia ce ne sono quattro che nascono con malformazioni congenite ed è un problema di cui ci dobbiamo molto preoccupare, per cui io chiedo al Sindaco, al Comune, all’Amministrazione, al Consiglio Comunale che ci attiviamo in tutte le sedi possibili perché al più presto a Manfredonia si instauri una unità epidemiologica per lo studio del problema, per mettere in atto, eventualmente lo passiamo ancora fare, per mettere in atto degli interventi di salute pubblica, questo lo ponevo già con una mozione, mi è stata già bocciata a suo
tempo perché la Sanità pubblica doveva parlare solo di ospedali, non anche di questo, bisogna che Manfredonia si doti di un centro epidemiologico perché studi il problema, lo porti avanti, capisca le cause e veda che cosa noi dobbiamo fare, non parlo né di maggioranza né di opposizione né di politica né del Sindaco né di Italo Magno che si vuole fare propaganda, io dico: allarmiamoci, perché ci fanno allarmare, diamoci da fare tutto il Consiglio se vogliamo veramente bene a Manfredonia, che significa anche i nostri figli e i nostri nipoti e i nostri pronipoti e cerchiamo di
batterci per aprire un tavolo di trattativa a livello regionale e a livello nazionale per istituire a Manfredonia un centro che controlli cosa è successo e si riprenda il discorso della
bonifica, la famosa Isola 12 è ancora lì perché noi abbiamo avuto l’arsenico, ma l’arsenico continuare ancora a percolare nel nostro mare”.

LA RSIPOSTA DEL SINDACO. ”Presidente, io sono sconcertato. Allora… va beh, ha anche la clac, la curva nord, la curva sud, che fanno parte del coordinamento, poi c’è un po’ di tutto. Le ho scritto l’altra volta, risposta scritta, ho scritto sostanzialmente questo, che nella discussione sul tema del piano di riordino sanitario, senza essere imbeccato da nessuno ma avendo avuto una mail dalla professoressa Porcu, avevo sollecitato in presenza di Vito Piazzolla la necessità di istituire a Manfredonia un osservatorio di sorveglianza epidemiologica, ho detto in quella occasione, a rafforzare questa tesi ho aggiunto che già nei possibili scenari avevo riferito di questa necessità. Che cosa devo fare di più? Devo istituirlo domani? Dobbiamo correre per farlo subito oppure dobbiamo comprendere anche che cosa ha detto il professor Bianco?

Il professor Bianco si è espresso dentro un contesto molto più complesso, il professor Bianco è uno dei professori che studia, chiaramente dietro compenso, i famosi “Progetti Sentieri”, che sono legati ai S.I.N. nazionali, tra cui c’è anche Manfredonia. Quel dato del professor Bianco, ho detto io questa aula, è un dato che ci deve preoccupare, però preso così, essendo un macro dato, perché non è un dato diciamo scientificamente provato su una base di persone abitanti a Manfredonia, cioè è un dato di carattere più generico, andrebbe approfondito, tant’è che io ho chiamato la professoressa Mariangela Vigotti, che guida lo studio epidemiologico di Manfredonia, tanto per ricordare a qualcuno che lo studio epidemiologico a Manfredonia l’ho voluto io mentre tutti dormivano, io l’ho voluto e gli altri dormivano, poi dopo che l’ho voluto io, si sono svegliati tutti stranamente, sono tornati tutti quanti a gridare ”al lupo, al lupo”, prima l’ho voluto io e poi gridano ”al lupo, al lupo”, lo studio epidemiologico l’ho voluto io, io ho chiamato il C.N.R., io ho fatto venire la Vigotti, io ho fatto venire Portaluri, che veniva visto come un cane arrabbiato. Detto questo, quel dato è un dato che così ci preoccupa, va meglio analizzato, forse vanno messi altri soldi per rendere quel dato più efficace per capire cosa c’è dietro, ma abbiamo uno studio in corso, che produrrà un risultato, c’è tutta un’attività, abbiamo la disponibilità dell’ASL ad aprire qui un punto di riferimento per una unità di sorveglianza epidemiologica, di più che cosa devo dire? Cosa devo dire di più? Non lo so, lo dobbiamo fare domani mattina? C’è un impegno mio su una questione, tra l’altro ricordo bene una interrogazione del consigliere Ognissanti – ricordo male, Ognissanti? – nella passata legislatura Ognissanti pose questa questione con metodo e con numeri e risposi che cosa? Le cose che noi poi abbiamo fatto o no? E che stiamo facendo. Diamo il tempo a chi studia, a chi fa ricerca, a chi è professionista nel settore ad esprimere fino in fondo con i numeri che cosa è accaduto in questi anni e non ce ne veniamo con le solite panzate: ”Perché non l’abbiamo fatto prima?”, perché prima non si poteva fare, evidentemente a ridosso dello scoppio della colonnina di arsenico non è che potevi fare uno studio, oggi forse i tempi sono maturi per avere un dato certo rispetto a quello che è accaduto. Qui c’è la massima disponibilità, nessuno vuole nascondere nulla, sulla bonifica dell’Enichem non raccontiamo favole, perché le favole vengono distorte fuori e accendono incendi che non si possono più spegnere. La bonifica dell’Enichem va avanti, non va indietro, è evidente che stiamo parlando di una vicenda che ha tenuto diversi amministratori con il prosciutto sugli occhi perché all’epoca, come si chiede al sindaco Riccardi di andare a vedere una pena di legno, evidentemente all’epoca qualcuno si doveva preoccupare di andare a vedere che cosa succedeva là dentro, perché non è che le scoperte si sono fatte dopo dei fusti interrati e tutto quello che è accaduto. Allora lì la bonifica va avanti, anzi se c’è un problema non è un problema legato a chi sta facendo la bonifica, che in Italia i processi autorizzativi sono lentissimi, Sindial presenta i piani al Ministero e il Ministero ci mette un anno e due mesi per rispondere ai piani di bonifica di Sindial, ma la bonifica sta andando avanti. (…)

La bonifica va, certo, è una bonifica complicata, la falda è tutta inquinata, i pozzi stanno dando risultati lenti perché si tratta di un’attività anche brevettata esclusivamente a Manfredonia, si butta l’acqua a monte e si raccoglie a valle con i pozzi, l’Isola 12 che c’entra in questa storia? L’Isola 12 è stata bonificata con la falda e con tutto il resto non c’entra nulla, cioè io dico almeno su queste cose qua noi dobbiamo capire che cosa diciamo, se no diventa complicato anche fuori perché la gente chissà che pensa che sta accadendo quando non sta accadendo assolutamente nulla”, ha concluso il sindaco.

TUTTE LE INTERROGAZIONI PRESENTATE NELLA SEDUTA DI CONSIGLIO DEL 09.03.2016
n004 del 09032016

Redazione Stato Quotidiano.it – RIPRODUZIONE RISERVATA

Interrogazione Magno, Riccardi: “Isola 12 è stata bonificata, con la falda e il resto non c’entra” ultima modifica: 2016-03-23T18:00:13+00:00 da Redazione



Vota questo articolo:
29

Commenti


  • Deluso!!

    Non tutti sapevano le conseguenze del ingestione e inalazione dell’arsenico, noi allora raggazzi abbiamo mangiato pane e arsenico giocando nelle strade dove l’asenico si era depositato!!


  • Bulbo

    Una risposta confusa di parole, che non portano a niete!!!


  • antonella

    “Io, io, io, io, io, io, io, io,” il sindaco afferma ben 8 volte la frase” l‘ho voluto io” nella risposta al consigliere Magno, visto il rimarcare insistente, al di là del lessico usato durante l’ esposizione, facciamo i complimenti al sindaco, riconoscendogli la sensibilità nel aver capito ed essersi mosso prima di tutti,
    sulla gravità della vicenda enichem, un
    altro sindaco, nella stessa situazione,
    probabilmente avrebbe nascosto tutto
    facendo finta di nulla, di contro viene da
    pensare che a un sindaco è più facile
    ottenere informazioni e resoconti di
    quanto accade sul territorio nel bene e
    nel male, a un sindaco riesce più facile
    impartire incarichi per svolgere e far
    svolgere indagini conoscitive sull’
    operato di qualcuno, a un sindaco risulta
    facile , in virtu’ dell’ istituzione
    rappresentata, avere contezza di tutta la
    situazione, politicoeconomica della città,
    di conseguenza, se si vuole si agisce per il bene o per il male, questo ovviamente
    dipende dall’ indirizzo che si vuole dare
    al proprio mandato amministrativo,
    mentre a un cittadino, o a delle
    associazioni cittadine non è dato lo
    stesso potere politico istituzionale, nell’
    intraprendere azioni valide e legali,
    affinché chi di dovere faccia chiarezza su
    determinate vicende, né tantomeno si ha
    potere di legiferare soluzioni proprie, ammesso che al tempo si abbia avuto una minima conoscenza dettagliata di quanto avveniva in quel sito, e nelle isole indicate, oggetto dell’ interrogazione.
    Certo oggi tutti sappiamo, grazie alla divulgazione mediatica, di conseguenza non si può può fare al meno di chiedere chiarimenti in merito, e giustamente si deve chiedere un chiarimento esaustivo sulla vicenda visto che la questione riguarda tutti i manfredoniani, la nostra salute e quella della generazioni future,
    è un atto dovuto, di conseguenza, rispondere in modo chiaro esaustivo e senza pigli di sorta, nessuno vuole togliere meriti o pregi, si vuole solo capire la reale situazione ambientale, lo stato dell’ arte dei lavori di bonifica, gli allarmismi in questo caso, se è il caso, li lasceremo ad altri, ogniuno risponde per la propria coscienza e responsabilità in virtu’ del proprio ruolo.


  • MICHELE

    mio nipote, nato a manfredonia,circa 4 anni fa, è nato con una molformazione rara che in un ospedale della capitale gli è stata corretta con un complicato intervento chirurgico, malformazione che lo condizionerà e che si porterà fino a quando il Signore gli darà i giorni, malformazione che necessita di cure e visite periodi in ospedale della capitale ogni 2 mesi. mia figlia con il marito decisero di formare una famiglia e quindi convolare a nozze quando cerano le fabrichette nella d/46 che sono fallite e quindi: senza lavoro e di conseguenza senza reddito ma con la necessità di spese mediche e viaggi periodici a roma.
    QUINDI, FORSE, LA COLPA DI CHI? se come dice la statistica dei nata con malformazione in questa città FORSE,dell’ARSENICO.
    mia figlia si è rivolta anche alle istituzioni di questa città per essere aiutata ma,
    nulla di fatto, io pensionato, cerco di aiutarli con quel poco che posso.
    DOMANDA:
    mia figlia può chiedere un risarcimento danni ai responsabili dell’ inquinamento da arsenico?
    salute a tutti.


  • svolta

    Se la memoria non mi è fallace la sollecitazione ad una nuova fase di resoconto della ricerca epidemiebiologica fu avanzata e solelcitata da un cittadino che mise in evidenza che il tutto era fermo a quella fatta dall’allora sindaco G. Prencipe. E fu proprio grazie a tale insistente richiesta che ci siè attivato per fare un aggiornamento alla data più recente.
    La redazione potrebbe verificare quanto detto, in quanto ricordo bene che furono fatti diversi interventi per sollecitare chi di dovere a questo nuovo “rendiconto” dello stato di salute dei cittadini di Manfredonia….. Altro che io..io…io…
    l’ io è valido solo perchè solo Lui poteva disporre nel senso di poter pagare chi di dovere (ma sempre coi soldi nostri) per un aggiornamento della situazione sanitaria. Quindi è il caso di dire: “Dare a Cesare quello che è di Cesare….”


  • Paolo

    chiacchiericcio inutile e improduttivo, da entrambe le parti. I FATTI, non le CHIACCHIERE. Quali sono i FATTI? La bonifica? Devono uscire i dati! Devono essere pubblici! Qual è lo stato della Bonifica? E le discariche sequestrate all’ASE l’altro giorno? E i rifiuti pericolosissimi con campi ionizzanti sequestrati all’inceneritore ETA Marcegaglia di Borgo Mezzanone? E questi stanno a chiacchierare…ma per piacere! Vogliamo SAPERE la VERITA’…e le RESPONSABILITA’.


  • Zuzzurellone Sipontino

    Non centra niente, a tutti i cittadini di buona volontà, salviamo la nostra Cappella della Maddalena e la Biblioteca Magna Capitanata.


  • Pescatore

    Salviamo anche il mercato ittico.Ma questi sono insensibili a tutto ciò che a Manfredonia é istituzione.


  • Paolo

    è evidente che c’è qualcuno che vuole distrarre l’attenzione con commenti fuori luogo. Perché? Si ha paura della verità? Una intera comunità avvelenata dalla mala politica che dagli anni ’60 avvelena Manfredonia. Fuori i responsabili! Fuori i dati della Bonifica! Vogliamo sapere la verità sulle discariche sequestrate all’ASE giorni fa e sui rifiuti pericolosissimi sequestrati all’inceneritore ETA MArcegaglia. FUORI LA VERITA’! FUORI I RESPONSABILI!


  • Manfredonia è letteralme piena di TESTE DI LEGNO

    Grazie Prof. Magno!


  • Bulbo

    Il bello è ora, un po di grammatica in più non farebbe male?


  • pd pentito

    Questo è riccardi adesso sta venendo fuori per quello che è Manfredonia è morta.


  • Il giullare sipontino

    Ma è bonificata o no l’area ex Enichem?


  • laila

    Ma che dici bulbo non è il momento di pensare all’ italiano sgrammaticale del nostro primo cittadino, è più importante la salvaguardia della nostra salute con chiarezza dei dati epimediologici e la loro conoscenza a tutti affinchè non abbia a verificarsi più una catastrofe simile all’ambiente e all’uomo.


  • dino giordano

    Da quello che dice il “nostro amato sindaco” è tutto a posto.
    L’unico problema è che , Italo Magno, amando il paese in cui vive “può “permettersi il lusso di criticare” con cognizione di causa. La mia speranza è che a 40 anni dal disastro ambientale si metta la parola fine al discorso BONIFICA.
    Buona Pasqua a tutte/i


  • Antonio

    Cara laila,dal nome si direbbe un cane, ma hai mai sentito parlare il tuo amato professore. Credimi tutte le volte ……. Un consiglio invece di un corso di sartoria fareste bene a fare un corso di italiano e dizione . Mi raccomando un occhio di riguardo per Antonella” piazza d’uomo ” …


  • Michela

    Altro che io,io,io..il professore ha fatto la figura dello scolaretto impacciato, impreparato e sconclusionato ! Bene ha fatto il sindaco a sculacciarlo.


  • Giorgio

    Svolta un ID– fallace !!!!!


  • antonella

    Antonio o Michele, come Giorgio, guarda avrei preferito un commento diverso da persona responsabile ed intelligente vista la serietà del tema trattato, e non è il caso di mettersi ad apostrofare nessuno, non su questo articolo ne si deve mettere sempre nel mucchio il consigliere Magno per ogni commento avverso, io per prima
    ho scritto di mettere da parte determinate
    sfumature, perché possiamo continuare
    ad insultarci quando e come, su altri temi
    meno importanti però , su questo nello
    specifico, bisogna dare risposte complete
    e più esaustive di quelle date fin qui. Cortesemente almeno su questioni serie, bisogna esserlo di conseguenza, e non scrivo queste cose perché non avrei di ché divertirmi, anzi!


  • Michela

    Antonella ,Michela e non Michele. Non c’è articolo che non intervieni , sempre e solo contro il sindaco, spuntando tu e altri tre ID- ,tra cui svolta quello per eccellenza,veleno a non finire. E se qualcuno interviene per difendere il sindaco, non manca la tua razzione di invettive. Ora scrivi che bisogna smettere di scrivere insulti e cavolate , perché non ti riferisci pure alla sig.ra Laila o chiunque esso sia ed


  • Michela

    Comunque Antonella sono d’accordo con te ,mettiamo da parte queste stupidaggini e cerchiamo di costruire qualcosa di serio. Ben vengano proposte! P.s. È la prima volta che intervengo e spero che sia la prima di una lunga collaborazione. Un saluto e Buona Pasqua .


  • antonella

    Michela chiunque tu sia, sono io a non essere d’accordo con te, è inutile che ti dica che l’ idiozia, da te citata, è una patologia diffusa, molto diffusa, comunque, io non scrivo arabo, scrivo italiano, visto che fai le veci del sindaco, da questa parte e la cittadinanza, attende risposte concrete sulla questione.


  • Uomo Ragno

    Chi Vivrà vedrà il bello viene ora!(illusioni)


  • clero&politica

    quanti belli esempi che ci forniscono…dalla vita sociale ai funerali.


  • Giorgio

    Antonellona piazza d’uomo, magari scrivessi arabo scriveresti meglio, purtroppo non conosci neanche le vocali della lingua italiana. Hai bisogno di tanto amore e affetto. Cara Michela lavare la testa alla ciuccia si perde acqua e sapone.


  • antonella

    Giorgia in occasione della pasqua ti faro la cortesia di non scrivere quello che penso della tua povera “persona” e dei tuoi ovviamente, ma in compenso devo chiederti una cortesia, cerca di fare la
    ” persona seria” ammesso che tu sappia cosa intende il termine, comunque: visto che tu sei uno molto vicino e lo conosci benissimo, il tuo sindaco, dovresti chiedergli se casomai ha letto la notizia sul sequestro giudiziario e relativi deferimenti, di due siti, per violazione delle norme sul rispetto e igiene ambientale, appartenenti all’ ase SPA, società partecipata
    dal comune di manfredonia, allora
    Giorgia,ecco le domande da girare al tuo
    sindaco, come mai la giudiziaria ha
    sequestrato questi due siti, cosa è
    successo nello specifico? Ci sono
    Responsabilità? chi sono i responsabili
    di tali violazioni?
    Visto che si fa tanta pubblicità sulla
    differenziata che ci si appresta a
    svolgere, come può una cittadinanza affidare un servizio cosi importante ad
    aziende che subiscono a loro volta
    sequestri giudiziari per violazione delle
    norme in materia di igiene? Per quale
    motivo il sindaco non interviene sulla questione? Perché non si danno spiegazione alla cittadinanza su un fatto di perse grave? Come è potuta accadere una cosa simile? Quali azioni si intende intraprendere affinché queste situazioni non si ripetano in futuro?Giorgia, ripeto servono risposte concrete e serie su i due argomenti, non commenti
    idioti, se devi ricommentare
    stupidamente, cortesemente,
    risparmiaci.


  • Michela

    Cara Antonella o Antonellona piazza d’uomo,come ti chiama Giorgio, avresti almeno potuto ringraziare per gli auguri che ti ho posto. Evidentemente sei così accecata dall’odio che fai fatica a distinguere ciò che una persona vuole comunicare. Rilassati andando avanti in questo modo …. Ricordati chi semina vento raccoglie tempesta. Stai serena fra poco parteciperà al corso di sartoria …..


  • antonella

    Michela, ora ti Nikki cosi, sta bene, le tue provocazioni sono inutili, le tue comunicazioni con auguri annessi sono
    Falsi come lo era giuda iscariota a tavola con Cristo durante l’ultima cena, se si trattava di comunicazione sincera non avresti dovuto postare il primo commento, allora forse, avrei valutato per
    buono i tuoi auguri, io so leggere le
    sfumature piu e meglio di te dopo aver letto tra le riga, percui
    Abbi rispetto almeno di te stesso
    evita ipocrisie di sorta, ” chi semina
    vento raccoglie tempesta?” Come ho già
    scritto sopra, in questa frase si raccoglie
    il succo del tuo essere, altro che auguri,
    Ricordati che puoi fingere di essere
    migliore di altri, ” fingere” !


  • Giorgio

    Gentilmente abbiamo qualcuno che ci aiuti a capire ciò che scrive Antonellona piazza d’uomo? Restiamo in attesa di un aiuto. Grazie.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi