EditorialiRegione-Territorio
Che cosa è il radon? Un gas radioattivo naturale le cui radiazioni sono pericolose per l’organismo umano, e possono provocare,in caso di esposizione, danni alla salute

Regione Puglia, quale mappatura delle zone a rischio radon

Il Decreto Legge n.241/2000 ha introdotto la valutazione e il controllo dell’esposizione al radon nei luoghi di lavoro,scuole incluse

Di:

Bari. Che cosa è il radon? Un gas radioattivo naturale le cui radiazioni sono pericolose per l’organismo umano, e possono provocare,in caso di esposizione, danni alla salute. La concentrazione di radon dipende da molti fattori. Ad esempio, presenza di uranio e radio nel suolo e nei materiali da costruzione. In Italia si stima che da 1500 a 6 mila casi all’anno di tumore polmonare,su un totale di 30 mila,potrebbero essere dovuti all’esposizione al radon. Dall’ultimo “Report Ambiente e Salute in provincia di Lecce” emerge un “… rischio sanitario per i cittadini salentini”.

Il Decreto Legge n.241/2000 ha introdotto la valutazione e il controllo dell’esposizione al radon nei luoghi di lavoro,scuole incluse. Inoltre fissa un livello di riferimento di 500 Bg/m3,oltre il quale il datore di lavoro deve intervenire con più approfondite valutazioni ed eventuali bonifiche. La normativa attribuisce alle Regioni la competenza per l’individuazione delle zone e i luoghi di lavoro a elevata concentrazione di radon. Il consigliere regionale pugliese del Pd,Ernesto Abaterusso, sull’argomento “radon” chiede delucidazioni al presidente della Giunta regionale nonchè assessore regionale alla Salute,Michele Emiliano,e all’assessore alla Qualità dell’Ambiente Domenico Santorsola. Secondo Abaterusso “ ad oggi si rileva un gravissimo ritardo da parte della Regione in termini di mappatura delle zone a rischio radon”. Pertanto interroga Emiliano e Santorsola per conoscere se la Regione ha ottemperato a quanto stabilito dalla Legge in materia. In caso positivo se è possibile avere contezza dei risultati emerso dalle indagini svolte,in caso negativo quali misure intendono mettere in atto per affrontare il problema.

(A cura di Nino Sangerardi, autore del testo ‘Quello che i pugliesi non sanno’)



Vota questo articolo:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi