ManfredoniaRicordi di storia
A cura di Pasquale Ognissanti - (Archivio Storico Sipontino)

Ll’Infèrne nn’èsiste?

Altro punto di usurpata giurisdizione intrapreso dall’Arcivescovo Francone in quest’ anno medesimo 1788 si fù quello di voler essere Egli il Padrone

Di:

Me dice: ll’Infèrne nn’èsiste,
llu Paradise nvece sì.
De sti fatte ije so’ gnurande
e quanne te sènde u prèvete
p’u stracurse de lla mundagne,
stéc’a vocc’apèrte, me ngande.

“U Paradise ji de tutt’i soffèrènde,
de tutta quande lla povera ggènde”.
E allore…e allore, aspitte, auande
na magghje, s’a soffèrènze
mo cj’accrèsce sop’a lla tèrre
ll’Infèrne u tenime proprje denande?…

Pascalonia

L’Inferno non esiste?
Mi dici: l’Inferno non esiste,/ il Paradiso invece sì/ Di questi argomenti sono ignorante/ e quando ascolto il prete/ (che narra circa) sul discorso della Montagna,/ sto a bocca aperta, mi incanto.// “Il Paradiso è di tutti i sofferenti/ di tutta quanta la povera gente”./ E allora…e allora, aspetta, prendi/ una maglia, se la sofferenza/ mo si consuma (sviluppa) sulla terra/ l’Inferno lo teniamo proprio davanti (lo viviamo).



Vota questo articolo:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi