PoliticaStato news

Mazzei: per parlare con Vendola parteciperò al Puglia Pride

Di:

Taranto – “SE per incontrare finalmente il Presidente della Regione Puglia, Nichi Vendola, bisognerà aspettare il Puglia Pride di sabato prossimo, vuol dire allora che parteciperò alla manifestazione per poter interloquire con il Governatore. Diversamente, correrei il rischio, quand’anche consigliere regionale, di non poter mai parlare con lui che in tre mesi dalla data del mio insediamento in Via Capruzzi non ho mai avuto il piacere di vedere in Aula”. Lo dice in una nota il Consigliere regionale del PdL-FI, Luigi Mazzei.

“Non volendo pensare che il Presidente Vendola disdegni l’Assemblea Consiliare, che in democrazia è il momento di più alto confronto istituzionale, sono portato a pensare, invece, che evidentemente le battaglie di carattere politico a livello nazionale e le questioni interne a Sel che va via via assottigliandosi, lo impegnino a tal punto che sono ben pochi gli spazi attivi che riesce a riservare all’amministrazione della nostra regione. Non è possibile che non si riesca ad interloquire con il Governatore a causa delle sue continue assenze che lo portano a non frequentare il Consiglio regionale per rispondere alle tante domande che i cittadini pugliesi, attraverso i loro rappresentanti istituzionali, provano a rivolgergli senza fortuna”.

Ho appreso dagli organi di informazione che invece, nel pomeriggio del 28 giugno è prevista la presenza del Presidente Vendola al Puglia Pride. Sarà l’occasione, allora, per potergli parlare e per provare a spiegargli i disagi di un territorio che si sente fortemente penalizzato sia dalla sua scarsa voglia di incidere amministrativamente sulle sorti delle nostre comunità in affanno che dall’ormai imperante e debordante ‘baricentrismo’ che sembra essere diventato la regola attraverso la quale il centrosinistra pugliese declina la propria politica dalla sanità ai trasporti, dal turismo all’economia. Ci auguriamo la presenza di Vendola almeno in quella occasione per poter confrontarci, a margine della manifestazione alla quale parteciperà, sui veri problemi del Salento e della Puglia e magari invitarlo ad un tour insieme per mostrare le reali problematicità e metterlo al corrente dei problemi della nostra terra di cui non ha contezza: l’erosione costiera, la fogna bianca, la chiusura di centro sanitari di eccellenza come l’Imid a Campi Salentina, il taglio del budget alla sanità del territorio, le assunzioni di personale sociosanitario destinato al Salento (solo 29 su 1400), lo strabismo nei trasporti tra il nord Puglia ed il Salento, la diversità di trattamento tra la cittadella della Musica di Bari inondata di quattrini e la Casa della Musica di Lecce a firma Siza per la quale la Giunta, a giorni alterni, dichiara di non avere denari da investire, ecc..”

Redazione Stato



Vota questo articolo:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi