CapitanataStato news

Dalle indagini sul Mose al trasferimento a San Severo: S.Bolis

Di:

San Severo – DALLO scandalo Mose all’Operazione “Zero in condotta”, a distanza di quasi tre anni, San Severo rilegge sotto una ipotetica nuova luce il trasferimento del capitano Samuel Bolis, dal nucleo della Guardia di Finanza di Padova a quello del comune celestino. Quello di Bolis, 35 anni figlio di imprenditori veneti, è un nome noto in ambienti investigativi, ed accademici universitari. Ha collaborato in prima linea all’individuazione di un giro di docenti farlocchi, che vantavano tanto di titoli – falsi, va da se – per poter scalare le vette nelle graduatorie scolastiche.

E’ passato invece un anno dall’incontro educativo in tema di legalità tenuto da Bolis presso il polo tecnologico “Minuziano–Di Sangro–Alberti” su iniziativa del dirigente scolastico, Giuseppe De Cato. Ma solo oggi, da un servizio di stampa pubblicato su “Il Fatto quotidiano” a firma della giornalista capitolina, Sandra Amurri, trapelano indiscrezioni sulle presunte ragioni del trasferimento dell’allora “Maggiore Bolis”, per quattro anni in servizio nel padovano.

Secondo quanto riportato dal popolare giornale, l’attuale capitano sarebbe stato “esiliato” perchè stava conducendo indagini sullo scandalo Mose. Dai verbali – riporta ‘Il Fatto’ – la colpa del finanziere sarebbe stata “lo zelo nella verifica fiscale.” A riferirlo sarebbe stato Piergiorgio Baita, ex amministratore delegato della Mantovani, nell’interrogatorio del 28 maggio 2013 parlando di Roberto Meneguzzo, amministratore di Palladio Finanziaria, che avrebbe riferito a Mazzacurati di essere riuscito a far trasferire il maggiore della Finanza.

Il nome di Bolis, in seguito sarebbe stato comunicato ai Pubblici Ministero di riferimento tramite il faccendiere di Baita, Mirco Voltazza. Ma dai verbali dell’interrogatorio di Baita non emergono i nomi di chi ha ordinato di fatto, e reso esecutivo l’ordine di trasferimento a carico dell’attuale capitano della Guardia i Finanza di San Severo.

(fonte image: archivio, non riferita al testo, ‘Conferenza stampa su Mose’ in Procura)

(a cura di Ines Maccharola – inesmacchiarola1977@gmail.com)



Vota questo articolo:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi