Manfredonia
A cura di Pascalonia

Mosche, muschigghje e muscagghjune

Di:

Arrive ll’èstéte, ji ssèmbe nu cummatte,
danne fastidje, ce ficchene a tutte vanne:
mmocche, nd’u nése, nda ll’ucchje, nd’i rècchje
ne nge lassene ninde, manghe na ndècchje.
Me dice: “te laminde pe chessì poche,
che so’? nzo’ ninde, so’ cose naturéle,
c’u fé? So’ mosche, muschigghje e muscagghjune,
mbrima matine, arrivene a qquà da lli scéle,
po’ ce ne vanne, a ll’arje, a nn’atu scole.
Stanne ll’ate, nvece, e stanne sèmb’a qquà,
Nn’i pute proprje caccé, ji na parole…
Quiddi a llu mene lli scisce p’a méne
Quiste fisse, mbupéte, sop’a lli sègge,
ce sté chi pe ndèrèsse, fisse, lli règge”.

(A cura di Pascalonia)

Mosche, moscerini e mosconi
Arriva l’estate, è sempre un andazzo,/ danno fastidio, si infilano in tutte le parti:/ in bocca, nel naso, negli occhi, negli orecchi,/ non trascurano niente, manco le minutaglie./ Mi dici: “Ti lamenti per così poco/ Che cosa sono? Non sono niente, son cose naturali,/ che vuoi farci? Son mosche, moscerini e mosconi,/ in prima mattina arrivano dagli sciali,/ poi se ne vanno, in aria, per un altro scolo (sito)/ Ci sono altri, invece, e stanno sempre qui./ Non li puoi cacciare, è una parola…/Quelli, almeno, li scuoti con la mano./ Questi, invece, impupazzati, sopra le sedie (poltrone)/ ci sta chi, per interesse, fissi, li sorregge”.



Vota questo articolo:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati