Manfredonia
"Nel bilancio c’è dentro tutto: lettura dei bisogni, attese di una comunità, attenzione a far quadrare il cerchio"

Sorella crisi, fratello piano (di rientro)… papà bilancio (e programma)

"Sul fronte delle attività produttive, della coesione sociale, della cultura… occorre coinvolgere la città, le sue articolazioni"

Di:

Manfredonia. Il piano di rientro non è una operazione contabile. Si tratta di riscrivere il programma elettorale e c’è bisogno di una nuova “legittimazione democratica”. Non è nemmeno qualcosa di rivoluzionario. Indipendentemente dai “Piani di rientro” in Italia e nel mondo vi sono esperienze di verifica, riesame, rimodulazione attraverso organismi di consultazione. Tra il programma votato dagli elettori (per 5 anni) e le scelte di politica amministrativa c’è spesso una sfasatura evidente, cambiano gli scenari, perché nel frattempo accadono tante cose che obbligano a rivedere impostazioni e priorità. Muta velocemente il paesaggio sociale, economico, culturale. Insomma ci sono comuni che predispongono periodicamente o a metà mandato momenti di dibattito, non solo all’interno del consiglio comunale. Qui a Manfredonia c’è abitudine al rimpasto (una parola bruttina: impastare di nuovo). E non alla verifica. Che è una bella parola: vedere se un fatto è vero; accertare l’autenticità di un atto, in questo caso del programma elettorale (il padre della Pubblica Amministrazione).

Si continua a citare spesso l’espressione “amministrare come il buon padre di famiglia. Ne ha parlato tra altri Antonio Genovesi (prima cattedra di economia in Europa nel 1754). “Usano i prudenti padri di famiglia, i quali vegliano all’economia della casa, scrivere partitamente gli introiti, e gli esiti, e infine di ciaschedun anno pareggiare gli uni con gli altri… ogni Stato è, a certi riguardi, una grande famiglia… un bilancio generale è l’operazione politica la più importante per ogni nazione prudentemente governata”.

Nel bilancio c’è dentro tutto: lettura dei bisogni, attese di una comunità, attenzione a far quadrare il cerchio (tra promesse da mantenere, le tante liste da accontentare…). E sullo sfondo il programma elettorale. Ci sono due fatti nuovi: bilancio “armonizzato” e tagli dei trasferimenti. Le nuove norme richiedono un bilancio “vero” per i crediti e i debiti, i residui attivi e passivi, tempi certi per pagamenti… Insomma trasparenza, per far sì che il bilancio non sia la Kabbala. Nonostante ciò ancora nel bilancio si possono nascondere trappole. La seconda questione sono i tagli. La crisi (lunga) è stata affrontata soprattutto con la riduzione della spesa pubblica che ha prodotto nel Sud conseguenze non solo economiche, ma anche politiche e sociali. Sono state fortemente ridotte le risorse che nel passato alimentavano il consenso, “gonfiando” alcuni servizi per soddisfare la catena clientelare, e in tal modo alleggerire la pressione sociale.

A Foggia vi era un debito enorme e vi è stata un’opera straordinaria dell’ex sindaco Gianni Mongelli, che poi non è nemmeno stato ricandidato. Il PD lo ha costretto alle primarie. Ed ha perso. Sono più popolari coloro che spendono senza misura, e non chi risana il bilancio! Il sindaco Landella a Foggia è in difficoltà: ci sono oltre 4 milioni di debiti fuori bilancio, che risalgono a molti anni fa.

ph raffaele salvemini

ph raffaele salvemini

A Manfredonia, un piano di rientro di questa portata è rifare il programma. Ci si avvicina in modo confuso tra richieste di commissariamento, dimissioni, delibere che revocano provvedimenti, documenti che riportano sigle e numeri… Si tratta di stare nel presente. Si deve ancora giustificare il debito con le opere fatte? Cose di 10-15 anni fa, per le quali si è stati apprezzati e ripagati a livello elettorale? La situazione critica del bilancio è piovuta improvvisamente? Le difficoltà partono dal 2011, ma sicuramente sono state poste nelle primarie e nella competizione amministrativa. Due lunghe campagne elettorali! Il ruolo dei dirigenti. Ora ci si accorge di una loro corresponsabilità?

Torniamo sulla terra. Le linee strategiche del Piano di rientro dovrebbero essere condivise. Si tratta di vedere cosa tagliare e cosa conservare e cosa rilanciare perché strategico. Sul fronte delle attività produttive, della coesione sociale, della cultura… occorre coinvolgere la città, le sue articolazioni. Può essere un lavoro utile per colmare un deficit e di conoscenza e di partecipazione.

(A cura di Paolo Cascavilla, fonte www.futuriparalleli.it)

Sorella crisi, fratello piano (di rientro)… papà bilancio (e programma) ultima modifica: 2017-06-23T12:06:27+00:00 da Redazione



Vota questo articolo:
8

Commenti


  • MARIO

    MA PERCHE’ COSTUI PARLA? VISTO CHE E’ STATO UNO DEGLI ARTEFICI DI QUESTO BUCO A PARTIRE DALLA GIUNTA CAMPO?
    MA DICO IO CI VUOLE UNA FACCIA TOSTA A SCRIVERE QUESTE COSE


  • OCCHIO

    appena si cerca di dare un parere..vi è colui che scaglia la pietra….

  • POVERA MANFREDONIA MANCANZA DI LAVORO -CUMULI D IMMONDIZIA AL TORRIONE SANTA MARIA COME ANCHE VICINO AL CASTELLO- IL VERDE CHE MANCA E SI VEDE ANCHE TERRA ARIDA -OSPEDALE IN FASE DI CHIUSURA- LO SPORTELLO DELL ACQUEDOTTO PUGLIESE CHE ORMAI NON CE PIU’ – I VANDALI CHE AUMENTANO SEMPRE DI PIU’ -CONTROLLI CHE SI FANNO DESIDERARE-STRADE TUTTE PIENE DI BUCHE ED INFINE PER NON PARLARE DELLA RATA DELL IMMONDIZIA CHE CON LA DIFFERENZIATA E RIMASTA SEMPRE CON IMPORTI SEMPRE ALTI PER LE NOSTRE FAMIGLIE . TUTTO QUESTO GRAZIE AI NOSTRI POLITICI .GRAZIE PER TUTTO IL LAVORO CHE STATE SVOLGENDO PER IL BENE DELLA NOSTRA CITTA’


  • Giulia

    Professore che noia ,che barba.


  • INORRIDITO

    SIAMO AD UN PASSO DALL’EMERGENZA SANITARIA RIFIUTI.

  • Da che pulpito viene la predica

  • Scagli la prima pietra chi è senza peccato questo cosiddetto professore scaglia le pietre pur essendo lui pieno di peccati


  • Mi vergogno di come ho votato in.passato

    Tutti siamo peccatori! Tutti per un certo verso. Sia chi nel ventennio ha retto le sorti di questa cittadina praticamente distrutta, sia i vari personaggi politici che hanno retto assessorati oppure anche da semplici consiglieri. Chiarito ciò che è in premesso, i principali peccatori siamo noi elettori e i caporali portatori di acqua o di voti, nel 2005, 2010,2015 tre plebisciti, nonostante la città venisse indebitata sino al collaborazione, depredata di bellezze naturali, violata e offesa con piste ciclabili praticamente fantasme, barriere frangiflutti crea paludi, biciclette abbandonate, incuria totale, evasori fiscale e tasse capestro. Altri plebisciti alle regionali e provinciali..l’incipit con concerti e fuochi di artificio, calcio magico, cemento, patti d’area super fallimentari e mo m si rott i pall poi la grande sorpresa di un progetto gasifero di dimensioni spaventose che avanzava a nostra insaputa..ma i voti ai nostri valenti amministratori me ca gli hanno danno i cinesi o gli africani, li abbiamo forniti noi!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi