ManfredoniaRicordi di storia
A cura di Pascalonia

Mo me squagghje pure ije

Di:

Cudde, ze prèvete, ll’ aveva dice
sèmbe nd’u mode suve, virne e stéte.
E sènza scanze e sèmbe p’a radice,
a ffé ll’èsembje, spècje p’u pecchéte.

“U pecchéte ji accum’e llu geléte,
ll’adda zuché subbete, ca nge squagghje,
te mbratte u méle quann’ji llunghe e léte
e tutte ngudde po’ te fé llu nguagghje”.

Steve na bbezzoche, a llà, na pescone,
ca suffreve, u sudore… cosse cosse,
bbasteve poche c’avèssa na mosse.

E ze prèvete, sèmbe u paragone.
“E bbaste, falle pe Gesù Marije”,
quèdde ò ditte, “ca me squagghje pure ije”
.

Pascalonia

Mo mi sciolgo pure io
Quello, signor prete, lo doveva dire/sempre a modo suo, inverno ed estate/ E senza scampo e sempre con la radice (essenza)/ a fare l’esempio, specie con il peccato./”Il peccato è come il gelato,/ lo devi succhiare (eliminare) subito, se no si scioglie/ ti sporca il male, così come sei, lungo e largo.”/ C’era una bigotta (donna pia), una grassona,/ che soffriva, il sudore… cosce cosce/ bastava poco che avesse uno svenimento,/ E signor prete, sempre il paragone,/”E basta, fallo per Gesù e Maria”,/ disse quella, “che mi sto sciogliendo pure io!”



Vota questo articolo:
1

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati