Manfredonia

Manfredonia, Comune continua con gestione Mercato Ittico

Di:

Mercato Ittico Manfredonia (STATO-CM)

Manfredonia – COME previsto, mentre si attende ancora chiarezza sulle motivazioni alla base della precedente gestione fallimentare, il Comune di Manfredonia – nelle more dell’approvazione di un nuovo bando pubblico per l’affidamento del servizio di gestione – ha assunto un atto di indirizzo per la prosecuzione della gestione diretta del mercato ittico all’ingrosso di Manfredonia per le attività che si svolgeranno dal 16 settembre fino al 31 dicembre del corrente anno, “salvo che prima di tale data non si addivenga alla individuazione di un differente assetto definitivo della gestione del mercato“, come finora non avvenuto.

Confermato, per l’affidamento dei servizi, quanto stabilito nelle precedenti deliberazioni di G.C. n. 131/2012, n. 174/2012 e n. 341/2012.

I servizi svolti da Soc. Coop. Adriatica comprendono anche gli adempimenti connessi alla tracciabilità e registrazione del pescato conferito e venduto per il tramite del mercato ittico.

Si ricorda come la prima gestione dell’Ente – del mercato ittico all’ingrosso – era stata stabilita con con deliberazione n. 131 del 17/05/2012 la Giunta comunale.

Redazione Stato@riproduzioneriservata

Manfredonia, Comune continua con gestione Mercato Ittico ultima modifica: 2013-08-23T16:07:27+00:00 da Redazione



Vota questo articolo:
11

Commenti


  • pescatore

    Penso sia la gestione più appropriata,perchè solo il comune può gestire quella struttura,una mano però dobbiamo darla noi con i nostri conferimenti.Il comune di Manfredonia ha dimostrato di avere naso per i mercati,mettendo a posto il mercatino rionale di monticchio,il mercato settimanale,il mercato ortofrutticolo e sicuramente con il tempo metterà a posto anche il nostro caro mercato ittico.A un invito a tutti gli amici pescatori,vi prego di non parlarne male,perchè ricordate che chi parla male del mercato,parla male della categoria,non permettiamolo a nessuno.Poi inutile commentare le voci che vogliono il mercato nelle mani di squattrinati forestieri coinvolgento anche coop. e nostri amici,vi prego il mercato rappresenta la nostra identità e soprattutto quella dei nostri avi defunti.


  • Matteo

    Mercato ittico mai reso efficiente le aste elettroniche più volte pagate mai andate in funzione troppi sprechi il custode entrato senza alcuna gara di bando il ghiaccio prodotto nel mercato viene fatto con macchine e acqua a spese del comune ma i soldi della vendita vanno in tasca a tutt altra persona per non parlare del bar all interno Dell mercato se avete modo di andare vedete e poi ditemi se è un bar o tutt altro anche questo dato in gestione senza alcuna gara di appalto dovete anche sapere che quando viene effettuata l asta del pesce li astatori che vengono pagati dai pescatori prendo nelle casette dei pesci il milior pesce “polipi seppie orate ” il pesce al meglio meglio tanto che neanche i proprietari di barche si portano quei pesci per non parlare anche di gio che succede quando si pesa il pesce dovete sapere che tolgo più Dell 10%del peso se una cassa pesa 12 kg all netto viene 8 e i pescatori non possono neanche aprire la bocca devono solo subire tutto questo più volte ripeto più volte e stato portato il caso al direttore del mercato ma senza mai un solo risultato poi ditemi come non fa a falire una struttura del genere


  • Matteo

    C’è un asta elletronica che le casse del pesce dovrebbe essere messa su dei nastri o carrelli viene pesata c’è una tribuna dove dovrebbero sedersi i Comerciandi e con un pulsate partecipare all asta senza sapere chi è l altro che alza il prezzo e senza sapere chi la comprato alla fine il pesce ma questa asta elletronica non è andata mai in funzione perché i Comerciandi non la vogliono venite a vedere a settembre nell mercato quando si fa l asta e una barzelletta o Comerciandi comprano i pesci e davandi al pescatore all astatore al direttore li rivendé subito ad un prezzo più alto basta che li altri non partecipano all asta c’è gende che viene a giocare sull lavoro del pescatore


  • anonimomanf

    Come si prevedeva: E così sia …. per sempre!!!
    Tanto alla fine paga, sempre, “Pantalone”, consulenze comprese.


  • Pesce fresco forse

    Se non si si chiede alla GDF di pattugliare i moli x vietare gli scarichi in nero il mercato sarà sempre fallimentare..


  • Matteo

    Se il mercato sarebbe efficiente non ce bisogno di vendere in nero sarebbero i pescatori stessi a portare il prodotto al mercato


  • il fatto

    W L’Euro,w L’Europa,W la Politica Italiana.


  • anonima

    Sono la moglie di un pescatore e tutti i giorni al rientro mio marito dice sempre le stesse parole,e cioè la colpa è nostra i commercianti già sono sazi e noi che andiamo al mercato siamo cavie,o meglio vittime predestinate,però esiste anche un’altra realtà,il commerciante non regala niente a nessuno e sicuramente i prezzi piu alti si realizzano al mercato questo è sicuro,infatti chi conferisce nei magazzini molto spesso è costretto a lavorare più ore e sotto comando del commerciante,questa è la realtà,quindi qual’è la morale? Lamorale è che chi non permette al mercato di funzionare sono i pescatori stessi infatti ad alcuni fa comodo dare il pesce al commerciante perchè così riesce a nascondere il guadagno sia al fisco sia al personale che lavora a bordo.OK?Le altre diciture sono tutte chiacchiere.Vai avanti così sig.sindaco e tra qualche anno la gestione comunale risulterà vincente. AUGURONI.


  • ubanaiul

    Per anonima non hai sbagliato una parola,complimenti.Evviva la sincerità.


  • Matteo

    Venite a settembre a vedere un asta e dite se sono chiacchiere o la situazione e molto più grave di quando pensate


  • anonima

    Io ho assistito alle aste con la mia classe e ho visto con occhio attento (essendo la moglie di un pescatore)e posso dirti solo questo la folcloristica delle nostre aste e l’efficacia diesse è unica e bellissima,e per favore Matteo fai anche tu un mia culpa come fa mio marito (giustamente)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi