CulturaManfredonia
Con la versione originale

La Divina Commedia in dialetto sipontino – Purgatorio (Canto I)

L’Archivio Storico Sipontino, per onorare anche a Manfredonia il 750° anniversario della nascita di Dante Alighieri, ha creduto opportuno pubblicare la versione dialettale sipontina, curata da Pasquale Ognissanti

Di:

Manfredonia – L’Archivio Storico Sipontino, per onorare anche a Manfredonia il 750° anniversario della nascita di Dante Alighieri, ha creduto opportuno pubblicare la versione dialettale sipontina, curata da Pasquale Ognissanti, di alcuni canti più noti della Divina Commedia.

Purgatorio – Canto I
Pp’ji a cchjù mègghje assogghje i vele
orméje lla néve de custu ngègne,
ca ce lasse addrete u mere crudele,
jà dice de cudde seconde règne
addu llu spirete umène ce léve
e d’anghjané ngile devènde dègne.
M’a qquà lla pojesija morte sbéve,
sande muse, ca vustre ije mo sone
e a qquà Galljope tutte ce sgréve,
jà cundunué tutt’u cande p’u tone,
ca lli Piche ce so’ misse a mmesure
pe llu colpe c’anne pèrse u perdone.
Chelore dolce d’orjende bbèlle zaffire,
ca ce cugghjeve nda llu bbèlle acchitte
de ll’arja pure fin’u prime ggire,
a ll’ucchje mije c’ji stéte delitte
doppe ca ce n’assì da ll’arja morte
e ca m’ò ndrestite tutte, ucchje e pitte.
Llu stellone ca ll’amore conforte,
ce faceve rire tutte ll’orjènde
danne jombre a lli pisce apprisse, a lla scorte.
Mme vuleté a dritte, è puste a mmènde
a ll’atu punde, è viste quatte stèlle
méje viste, schjitte d’a prima ggènde.
Llu cile gudeve a quiddi fjammèlle,
o settundrjunéle d’u scarse site,
ca te manghe a guardé appriss’a quèlle,
cume d’u sguarde lore so’ partite,
mettènne lla chépe nda ll’atu pole,
llà, addu llu carre jeve ggjà sparite; 30
vecine mm’è viste u vècchje Fajole,
dègne e mmeretèvele, e dègne a vviste,
cchjù c’ a llu pèdre lli dé lla figghjole.
Varva longhe e de pile bbjanghe miste
jeve, e lli capille i stèsse sembjande
d’addu cadeve mbitte doppja liste.
Lli ragge de lli quatte luce sande
dèvene frège sop’a faccj’a llume
cume se u sole me fosse denande.
“Cche site, ca da llu cechéte fjume
site scappéte, d’a pregjone etèrne?”
decètte jisse, muvènne i bbèlle pjume.
“Chi v’ò purtéte? Chi porte à lucèrne
p’assì fore da quèdd’ètèrna notte
ca sèmbe nèrje fè lla valle nfèrne?
Lli lègge de ll’abbisse ce so’ rotte?
C’ji cangéte ngile tutt’u cunziglje
ca pure i dannéte stann’ a sti grotte?”
Llu duche mije, tanne, fé repigjle
p’i parole, p’i méne e pe lli cènne
a rrevèrènze mm’ò fatte jamme e ciglje.
Po’ ò respuste: “Da mè ne nge vènne,
donna scennì da ngile, ca p’i prece
me purté nzimbre a custe e llu suvvènne.
Ma giacché voglje tine ca t’alloce
d’a condiziona nostre, cum’ji vvere
a ttè ne nde mbozze fé manghe voce.
Custe nn’ò viste méje ll’ulma sere,
lla scjocchetudene ll’ji stéte apprisse,
ca pe ppoche ll’ji manghéte a bbrutt’ore. 60
Cum’è ditte, mannéte so’ da jisse
pe ffarle cambé, e nge steve ata vije
ca pe qquèste, p’addica me so’ misse.
Ll’è mustréte tutte lla ggènda rije
e mo lli vogghje mustrè lli spirete
ca ce purjene sott’a lla bbalije,
ca ‘l cume è purtéte ji llunghe a direte:
da ngile scinnì vertù ca mm’ajute
a purtarle pe vedì e sendirete.
Te pjacèsse a vedì quèsta venute:
lebertà cercanne vé, tande chére,
cum’u se’ chi p’jèsse a vite lla spute.
Tu llu se’, ne nd’ji stéte tand’amére
a Uteche lla morte, addu lassaste
lla vèste c’a ll’appundamènde ji chjére.
Pe nnuje ll’èditte ètèrne nzò uaste,
pecché custe vive ji, Mino’ nn’u leghe,
songhe de llu circhje de ll’ucchje caste
de Marzja tove, c’angore te preghe,
o sande pitte, ca sì llu cundègne;
pe quèdd’amore allore fa la chjeghe.
Facce ji a nnuje pe lli sètte règne,
a jèsse agghja purté lli grazje toje
se nnummenéte jèsse vù, ca sì ddègne”.
“Marzje piacètte tande a faccia meje
quanne steve a llà”, jisse ò ditte allore,
“ca quanda grazje asseve, jève lla soje.
Da ll’ata vanne a foce cj’addemore,
nge pote cchjù move pe quèdda lègge
ca fu fatte quanne me n’assì fore. 90
Ma se fèmmene te move e te règge,
cume dice, ne nge stanne parole:
te sté bbone ca p’jèsse nfazze schègge.
Va, allore, e a custe fall’ a scole
da nu scjonghe stritte, e léve llu vise
ca tutt’u lurde d’jisse ce ne cole
ca nde cunvine ca pe ll’ucchje ndrise
da llu caluche a scì nnanze llu prime
menistre, ch’ji de quidde u Paravise.
E custu scugghje atturne, a jime a jime,
abbascj’a llà, addich’i bbatte ll’onne
porte lli scjunghe sop’a llote e lime.
E nescjuna chjande ca fé lli fronne
o ca ce ndoste, pot’avì lla vite
però a lli mazzéte ngj’asseconne.
Da qquà nn’uà jèsse pe vvuje a rennite
llu sole v’uà mustré ca sorge orméje
pe pigghjé d’u monde a mègghja salite”.
Acchessì sparì, e ije me javezèje,
sènza parlé, tutte fatte darasse,
p’u duche mije ll’ucchje ll’addrezzèje.
O ccumenzéte: “Figghje, purt’u passe.
jémmecinne ndrete, c’a qquà ce scrine
custu parche e lli cunfine a rebbasse.”
All’albe avanzeve ll’ora mattutine
ca sceve nnanze, tande ca lundéne
canuscètte u tremelizze a marine.
Ce n’ jèmme pe llu suletarje chjéne,
cum’ome ca trove lla pèrsa stréde,
ca fin’a jèsse ce nn’ji scite nvéne. 120
Quanne fumme a llà addic’ a ruggéde
cummatte p’u sole, e p’jisse, po’, nguarte,
addu ll’addore poche ce deréde:
tutt’ e deje lli méne a ll’èrve sparte
pe grazje, u majèstre nn’ò fatte appose
e ije ch’jeve accorte pe quèdd’arte,
ll’è déte a jisse i guange lagremose:
e tutte quande jisse mme ll’ò scupèrte
cudde chelore c’u nfirne mm’offese.
Rrevamme, po’, a llu lide dèsèrte
ca méje ò viste naveghé nda ll’acque
ome c’ a turné uà jèsse n’èspèrte.
Po’, a qquà, mm’ò puste lla cind’a stracque:
O meraviglie! Ca cume capéje
lla chjande umele, fece u stèsse scjacque,
subbete subbete, a llà ddu luvéje. 136

TRADUZIONE
Per meglio andare a sciogliere le vele/ ormai la nave di questo ingegno/ che si lascia indietro il mare crudele/ devo dire di quel secondo giro/ dove lo spirito umano si lava/ e si fa degno di salire in cielo./ Ma qui la poesia morta sbava,/ (o) sante muse, che ora sono vostro,/ e qui Galliope tutta si sgrava,/ devo continuare il canto con il tono,/ che le Piche si son messe a misura,/ per il colpo che ànno perso il perdono./ Colore dolce d’oriente bel zaffiro,/ che ci coglieva nel bel sito/ dell’aria pura fino al primo giro,/ agli occhi miei ci è stato diletto/ che da poco ero uscito dall’aria morta/ che mi à intristito (tutto), occhi e petto./ La grande stella (Venere) che all’amore dà conforto/ faceva sorridere tutto l’oriente/ dando ombra ai pesci che le stavano appresso (come) scorta./ Mi voltai a (verso) destra, ed ò posto mente / all’altro punto (polo), ò visto quattro stelle,/ mai viste, (viste) solo dalle prime genti./ Il cielo (se la) godeva per quelle fiammelle,/ al settentrionale senza sito,/ che ti manca (non puoi) di guardare dopo di quelle/ come dello sguardo loro son partite/ mettendo la testa nell’altro polo,/ lì dove il carro era già scomparso./(30) Vicino mi son visto il vecchio Raffaele (attempato)/ degno e meritevole, degno alla vista,/ che meglio non dà il padre alla figlia./Barba lunga, mista di peli bianchi/ era, e i capelli delle stesse sembianze,/ da dove cadeva una doppia lista (treccia)./ I raggi delle quattro luci sante/ davano pregio (splendore) sul viso illuminato,/ come se il sole gli fosse davanti./ “Chi siete, che dal fiume cieco/ siete fuggiti (e) dalla prigione eterna?”/ Disse egli, muovendo i bei capelli,/ “Chi vi à portati? Chi vi dà la lucerna (luce)/ per uscire da questa notte eterna,/ che sempre nera fa la valle infernale?/ Le leggi dell’abisso si son rotte?/Si è cambiato nel cielo tutto il consiglio,/ che pure i dannati devono stare in queste (mie) grotte?”/ Il mio duca, allora, di rimando,/ con le parole, con le mani, e con i cenni,/ mi fa fare riverenza (piegare) le gambe e gli occhi./ Poi à risposto: “Per conto mio non son venuto,/ Donna scese dal cielo, con le preghiere,/ mi portai assieme a questo e lo aiutai./ Ma giacché ài voglia che ti spieghi/ della nostra condizione, come è vero/ che a te non posso far mancare verità./ Questo non à mai visto l’ultima sera (morte),/ la stoltezza gli è stata appresso,/ tanto, che per poco non à passato una brutta ora (60)./ Come ò detto, sono stato mandato da lui/ per farlo vivere, e non c’era altra via/ che questa per la quale mi son messo./ Gli ò mostrato tutta la gente cattiva,/ ed ora gli voglio mostrare gli spiriti/ che si purgano sotto la balia,/ che come l’ò portato è lungo a dirsi,/ dal Cielo scese (la) virtù che mi aiuta,/ per portarlo, vedere e sentirti,/ ora ti piaccia (pure) vedere di questo arrivo./ Libertà va cercando, tanto cara,/ come lo sa chi per lei la vita sputa (ricusa)./ Tu lo sai, non ti è stata tanto amara/ ad Utica la morte, dove lasciaste / la veste (forma umana), che all’appuntamento (giudizio) è chiara (netta)./ Per noi gli editti (leggi) eterni non sono guasti,/ perché questo è vivo, Minosse non lo trattiene,/ sono del cerchio degli occhi casti,/ di Marzia tua che ancor ti prega/ o santo petto che sei il contegno/ per quell’amor che allor fece la piega,/ lasciaci andare per i sette regni/ a lei devo portare le tue grazie/ se vuoi esser ricordato, che ne sei degno”./ ” (A) Marzia piacque molto il mio viso/ mentre stavo lì (vivevo)”, lui à detto/ “che quanta grazia usciva era sua./ Dall’altra parte della foce (fiume) si addimora (intrattiene)/ non si può più muovere per quella legge/ che fu fatta quando me ne uscì fuori (90)./ Ma se femmina ti spinge e ti regge (protegge),/ come dici, non ci sono parole,/ ti sta bene che per lei non faccio eccezione./ Vai, allora, e a questo fai da scuola/ che un giunco stretto gli lavi il viso,/ che tutto lo sporco da lui gli coli/ perché non conviene, che per gli occhi bagnati/ dalla nebbia, andare avanti, il primo/ ministro che è di quelli del Paradiso./ E questo scoglio attorno, sotto per sotto/lì dove batte l’onda,/ porta il giunco sopra il loto e il limo./ E nessuna pianta che fa le foglie/ o che si indurisce può aver la vita,/ ma alle botte non si assecondi (consenta)./ Di qua non deve esserci la resa/ il sole vi mostra che sorge ormai/ per prendere la migliore ascesa del monte.”/ Così scomparve, ed io mi alzai,/ senza parlare, posto a distanza/ verso il mio duca spostai gli occhi./ E cominciò: “ O figlio, porti il passo (seguimi), /andiamo indietro, da qui si scrina (cala)/ questo piano ed i confini sono bassi.”/ L’alba faceva avanzare l’ora mattutina,/ che andava avanti, tanto che lontano/riconobbi il temolìo della marina./ Ce ne andammo per il piano solitario/ come un uomo che ritrova la strada perduta/ che fino a lei non è andato invano.(120)/ Quando fummo là dove la rugiada/ combatte con il sole ed un po’ si dissolve/ dove l’odore poco si dirada/ tutte e due le mani poste sull’erba/ per grazia, il maestro mi à fatto noto/ ed io che ero accorto per quell’arte/ gli ò dato le mie guance (gote) piene di lacrime/ e tutte lui me l’à scoperte (lavate)/ da quel colore che nell’inferno mi à offeso./ Arrivammo poi al lido deserto/ che mai à visto navigare nell’acqua/ uomo che nel ritornare deve essere un esperto./ Poi qui mi à posto la cinghia (cinto) strana./O meraviglia, che come scelsi/ l’umile pianta, (si) fece lo stesso sciacquìo (rinascita)/ subito subito, da dove la tolsi.



Vota questo articolo:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi