Manfredonia
La richiesta del CSN ONLUS al Presidente dell'Ente Parco Nazionale del Gargano

Oasi Lago Salso, “Pecorella rimuova i consiglieri in conflitto d’interessi”

La conseguenza di questa gestione è che la forzata immissione d'acqua in primavera ha penalizzato la riproduzione degli uccelli acquatici

Di:

Foggia. ”Che l’Oasi Lago Salso di Manfredonia sia uno scrigno di biodiversità ed una delle più importanti aree umide d’Italia, anche grazie alle grandi opere di rinaturalizzazione realizzate negli ultimi anni (90 ettari di nuove zone umide, 300 ettari di nuovi pascoli naturali, chilometri di nuovi canali, 11 ettari di nuovi chiari aperti nei canneti) con il contributo fondamentale del Centro Studi Naturalistici ONLUS e senza che Parco del Gargano e comune di Manfredonia abbiano speso un solo euro, è cosa risaputa da tempo. Stupisce invece che l’Ente Parco nazionale del Gargano, che è stato sempre rappresentato nel CdA della società di gestione nominandone il vicepresidente, se ne accorga solo ora che è diventato socio di maggioranza grazie alle quote regalate dal comune di Manfredonia.

La costosa campagna di marketing per l’oasi (6000 euro stanziati dal Parco solo per l’open day del 10 agosto), organizzata in questi giorni dal presidente Pecorella ed utilizzata come arma di distrazione di massa, non cancella le pesanti responsabilità nella vicenda dei prelievi idrici, in favore degli agricoltori delle aree limitrofe e a danno della zona umida, che nei giorni scorsi è stata denunciata dal CSN. Anzi, le ultime dichiarazioni alla stampa fatte dal vicepresidente della società di gestione dell’Oasi Matteo Totaro, che in sostanza ha ammesso di essere direttamente interessato ai prelievi idrici, gettano nuove ombre e rilanciano inquietanti interrogativi.

Per inquadrare correttamente la vicenda è bene fornire una ricostruzione dei fatti perché i fatti, come insegnava il giornalista Giuseppe D’Avanzo, non sono mai al sicuro nelle mani del potere. Con una nota del 20 maggio scorso, indirizzata al presidente della società Oasi Lago Salso SpA Pietro Salcuni e al presidente dell’Ente parco Stefano Pecorella, il CSN segnalava un anomalo elevato livello idrico nelle paludi dell’Oasi causato dalla forzata immissione di acque dal torrente Cervaro, suggerendo nel contempo la regolazione dei sistemi di paratoie presenti nell’oasi al fine di risolvere il problema evidenziato. Circa un mese dopo, il 15 giugno, Pecorella esprimeva a Salcuni la propria ”preoccupazione circa la condizione di scompenso dei livelli idrici dell’area, dovuta, quasi certamente, alla mancanza di gestione delle paratie”, circostanza dallo stesso Pecorella evidenziata come ”critica per la prosecuzione di ogni progetto nell’oasi’ e pertanto ”da affrontare immediatamente”.

Con successiva nota del 21 luglio il CSN segnalava la presenza di stazioni mobili di pompaggio dell’acqua all’interno del perimetro dell’Oasi Lago Salso con tubazioni che conducevano ai terreni agricoli che si trovano all’esterno del perimetro aziendale. Con la stessa segnalazione si evidenziava la dannosità di tali prelievi idrici, soprattutto nel periodo estivo, per il mantenimento in uno stato adeguato di conservazione dei delicati habitat della zona umida, ricordando che , ai sensi dell’art. 27 del regolamento del SIC “Zone Umide della Capitanata” e ZPS “Paludi presso il Golfo di Manfredonia”, ”è fatto divieto di utilizzo dell’acqua di Lago Salso a fini agricoli e produttivi ad esclusione delle esigenze aziendali dell’Oasi”.

A tali segnalazioni non veniva dato alcun riscontro, né venivano adottate misure per risolvere tali problematiche, nonostante la presenza di un comando stazione della Forestale proprio all’interno dell’Oasi, funzionalmente dipendente dall’Ente parco.

È evidente che i due episodi erano strettamente collegati: in primavera sono stati immagazzinati grandi quantitativi d’acqua che poi sono stati utilizzati durante l’estate per irrigare i campi esterni all’oasi. In pratica le paludi di Lago Salso sono state gestite in questi mesi come un enorme vascone d’irrigazione. È utile qui evidenziare che l’attuale consiglio di amministrazione, nominato dall’Ente Parco che detiene il 96% delle quote azionarie della società, è composto dal presidente Salcuni, dal vicepresidente Totaro (entrambi allevatori ed esponenti del mondo agricolo, quest’ultimo con interessi sui terreni limitrofi all’oasi) e dallo stesso Pecorella in qualità di consigliere.

Dopo la denuncia pubblica della vicenda, è emerso che il prelievo sarebbe stato autorizzato direttamente dal presidente Salcuni che non aveva alcun titolo a farlo, trattandosi di acque pubbliche, né avrebbe potuto farlo, considerato l’espresso divieto contenuto nel regolamento del SIC.

La conseguenza di questa gestione è che la forzata immissione d’acqua in primavera ha penalizzato la riproduzione degli uccelli acquatici, i cui nidi sono stati sommersi a causa dell’aumento dei livelli idrici, mentre il prelievo estivo ha ridotto drasticamente le superfici allagate, riducendo le aree idonee per l’avifauna.

Sono, queste, problematiche ben note al Consiglio d’Amministrazione, considerato che il progetto LIFE “Avifauna del Lago Salso”, finanziato dalla Commissione europea e gestito direttamente dall’Oasi, aveva proprio lo scopo di risolverle, grazie alla realizzazione di un nuovo sistema di paratoie che consentisse di regolare i livelli idrici in base alle esigenze ecologiche delle specie di avifauna. Lo scorso anno, poi, grazie a fondi regionali per la conservazione della natura, era stata riparata anche la paratoia principale del Cervaro che consente l’immissione delle acque nell’oasi. I lavori realizzati vengono invece utilizzati per soddisfare le esigenze degli agricoltori della zona che sono stati invogliati a programmare colture ad elevato fabbisogno idrico proprio con la promessa della futura disponibilità d’acqua nel periodo estivo.

Come contropartita è stato richiesto a questi stessi agricoltori di dare una ripulita alle aree limitrofe al centro aziendale, giusto in tempo per l’open day del 10 agosto scorso organizzato dall’Ente parco. Contro il CSN, invece, che da vent’anni si spende per la tutela dell’area e che detiene il 4% delle quote azionarie della SpA, sono state avviate, peraltro senza successo, azioni volte ad estrometterlo dall’oasi e a zittirlo.

A questo punto qualche domanda è d’obbligo: il presidente dell’Ente parco Pecorella, che in ogni occasione professa legalità ed intransigenza, perché con il suo silenzio ha tollerato ed avallato tutto questo, pur essendo pienamente a conoscenza di quanto stava accadendo? E perché non ritiene di sostituire i due consiglieri agricoltori da lui nominati, che hanno dimostrato di avere un palese conflitto d’interessi tra quelli della propria categoria di appartenenza e le esigenze di conservazione dell’area?

Attendiamo fiduciosi una risposta”.

FOTO



Vota questo articolo:
10

Commenti


  • IL GRANDISSIMO INCUBO DI MANFREDONIA CON LO SPAVENTOSO DEPOSITO DI GPL

    Nessuno parla del grande incendio del 22 agosto u.s.?


  • pentastellato

    OGNI ANNO C’E SISTEMATICAMENTE UN GRANDE INCENDIO, PERCHE’ QUELLE AREE SONO A SERVIZIO DI PRIVATI CHE ANDREBBERO CACCIATI A CALCI NEL CULO FUORI DELLA EX DAUNIA RISI. CENTINAI DI ANIMALI OGNI ANNO ABBRUSTOLISCONO NEL FUOCO, CONTRO LA INSENSIBILITA’ DI TUTTI. SE ANDIAMO A VEDERE, I PERSONAGGI PUBBLICI CITATI SOPRA SONO ANCHE OCCUPATORI ABUSIVI DI TERRENI DEL COMUNE DI MANFREDONIA. PENSARE CHE IN QUEL POSTO C’E’ ANCHE UNA STAZIONE DELLA GUARDIA FORESTALE CHE NON VEDE E NON SENTE. SI SPENDONO MIGLIAIA DI EURO PUBBLICI PER MANTENERE TALE PARCO PER POI VEDERE ARROSTIRE MIGLIAIA DI ANIMALI VIVI DI TUTTE LE SPECIE. MANFREDONIA SVEGLIA, CACCIAMO A CALCI NEL SEDERE GLI SQUALLIDI PERSONAGGI CHE AMMINISTRANO TALE PATRIMONIO DI DIO E DELL’ UMANITA’. ANCHE L’AMMINISTRAZIONE COMUNALE DI MANFREDONIA HA UNA PARTE DI RESPONSABILITA’ NELL’AVERE AVUTO L’ARDIRE DI REGALARE TALE RICCHEZZA A UN ENTE SPENDACCIONE, INUTILE E CARROZZONE POLITICO, QUAL E’ IL PARCO DEL GARGANO. VOGLIAMO SCOMMETTERE CHE L’ ANNO PROSSIMO SI CONSUMERANNO GLI STESSI REATI CONTRO LA NATURA E L’UMANITA’ ?


  • Matteo

    Ma vi sembra normale che chi detiene il 4% possa spendere 5 MILIONI attraverso i finanziamenti che il parco vi ha recuperato, attraverso progetti gallina prataiola, gobbo rugginoso, fondi lavoratori socialmente utili ecc? Vi siete ingrassati alla grande e adesso che non esce più latte da succhiare date calci “alla Mul ciuccigne” (come il mulo afflitto da muparia). Vogliamo dirle queste cose o dovete sempre dare colpe agli altri. Signori come definireste 4 persone (di numero) che hanno speso tutti questi soldi riducendo l’Oasi in uno stato pietoso, senza che vi sia un animale da reintrodurre vivo? Dovete andare a lavorare è ora che vi troviate un lavoro!!!!


  • Uno di Voi

    Ottimo articolo: squarcia su una realtà che non conoscevo!

    Ottima denuncia: circoscritta, motivata e mirata.

    Ottima denuncia, che fa capire come il forte interesse privato da queste parti scavalca alla grande e senza ostacoli il debolissimo interesse generale che è senza protezione se non c’è informazione ed indignazione fattiva.

    Scarsissimo nelle scelte Pecorella (ma non è una novità) visto che è costretto a farle non seguendo le competenze, ma gli amici (destra e sinistra) di mille battaglie perse, non per loro, ma per la collettività!

    Addirittura affida, nominandolo, la presidenza del Lago Salso nientepopodimeno che a Pietro Salcuni!

    Pecorella, certo che lo sa, dà un incarico pubblico a colui che in potenza potrebbe avere enormi conflitti d’interesse sia perchè notissimo allevatore in una terra arida e desertica qual è il Tavoliere (e l’acqua serve sempre), ma anche per i suoi precedenti ruoli pubblici ricoperti:

    1. fino a ieri, era Presidente della Coldiretti, cioè dei coltivatori del Tavoliere a cui serve l’acqua,

    2. l’altro ieri, era Presidente del Consorzio di Bonifica della Capitanata, cioè l’ente che si occupa di far scorrere l’acqua!

    Per completare il quadretto ci mancava solo una vasca ed ecco a disposizione addirittura L’Oasi Lago Salso in una terra desertica: un miraggio divenuto realtà!

    C’est plus facile!

    Ora, però, vallo a spiegare a degli imprenditori privati catapultati in ruoli pubblici prestigiosi (e fondamentali per l’economia del Tavoliere) cosa significa “proteggere” e “rivalorizzare” “promuovere” L’Oasi Lago Salso attraverso una società per Azioni in mano ad un ente pubblico!

    Se questi sono i nostri Presidenti di punta e queste sono le loro scelte mi pare ovvio che Manfredonia – solo dal punto di vista statistico, cioè in chiaro – venga definita “un’area economicamente depressa”, pronta, pertanto, ad accettare tutti gli abusi possibili e immaginabili!

    CON IL RIEMPIMENTO E POI IL PRELIEVO DELL’ACQUA RACCOLTA NELL’OASI LAGO SALSO PER IRRIGARE I CAMPI E DARE DA BERE AI BESTIAMI DEI PRIVATI, SI E’ ARRIVATI ALL’IMMAGINABILE REALIZZATO!

    IN UNA TERRA DI MIRACOLI, UN ULTERIORE MIRACOLO SIPONTINO!!!!!


  • aiace

    x uno di voi :pietro salcuni era già presidente prima di pecorella, informati meglio perchè la sua presenza ha assicurato legalità ed onestà (oltre ad aver tolto qualsiasi emolumento a dirigenti e consiglieri) anche andando contro tanti! e di certo le scelte impopolari creano gossip distruttivo! per il resto credimi apprezzo i tuoi interventi ma stavolta sono in disaccordo con te….


  • San Gennaro nuovo patrono di Manfredonia


  • Uno di Voi

    x Aiace

    Solo per spiegare le mie ragioni…..

    tratto da questo articolo, se contiene verità dimostrabili,

    “….il prelievo (dell’acqua immessa in modo artificiale nel Lago Salso in primavera) sarebbe stato autorizzato direttamente dal presidente Salcuni che non aveva alcun titolo a farlo, trattandosi di acque pubbliche, né avrebbe potuto farlo, considerato l’espresso divieto contenuto nel regolamento del SIC”.

    “….le ultime dichiarazioni alla stampa fatte dal vicepresidente della società di gestione dell’Oasi Matteo Totaro, che in sostanza ha ammesso di essere direttamente interessato ai prelievi idrici…”

    Uno scandalo e un miracolo….. con tanto di causa ed effetto!!!!!

    Più chiaro di così!

    Potranno pure avere i superpoteri o essere degli eroi Pietro Salcuni, Matteo Totaro o Stefano pecorella, ma io mi fermo a giudicarli per questa storia denunciata che è veramente scandalosa se ci si fermasse a riflettere!

    Se un Ente pubblico come il Parco è responsabile di un’area naturalistica ed ha al proprio interno addirittura un Comando della Forestale al è proprio interno tutta l’area dovrebbe essere monitorata, sorvegliata e controllata periodicamente e continuamente.

    Qui invece c’è stato un riempimento del Lago mediante una paratoia non chiusa per diversi giorni e settimane per far innalzare il livello dell’acqua del Lago con conseguente poi si sono poste delle idrovore in estate per svuotare il Lago e portare l’acqua nei terreni!!!!

    Secondo te si possono sorvolare su queste cose?

    Chi sono i responsabili?

    Chi li ha scelti?

    I responsabili pubblici vanno assolti perchè in passato sono state persone oneste e ligie o inchiodati alla loro attuale e circoscritta responsabilità per l’inefficienza pubblica, ma grande efficacia privata?


  • animali


  • aiace

    privata? a me non risulta che salcuni abbia terreni in zona….affermazioni pesanti le tue….informiamoci per cortesia….il senso del mio discorso era cmq un’altro….e ti chiedo gentilmente di illuminarmi con prove che salcuni abbia interessi privati ( terreni) in zona oasi…..


  • gli uccelli migratori ( paculi)

    pecorella la smetta di dare i soldi agli ambientalisti e al centro studi dei loro interessi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati