Cronaca

Cerignola, fermati a bordo di una moto oppongono resistenza: due arresti

Di:

Volanti della Polizia in azione (immagine d'archivio)

Volanti del Commissariato in azione (immagine d'archivio)

Cerignola – FORSE erano intenzionati a commettere una rapina nel centro foggiano, ma fermati per un controllo dagli agenti del Commissariato di Cerignola, congiuntamente con personale della PRC polizia di Stato di Bari, hanno reagito in malo modo, opponendo infatti resistenza e violenza a Pubblico Ufficiale.

I FATTI – Mercoledì mattina, pieno centro di Cerignola, nei pressi della villa comunale. La pattuglia di servizio vede arrivare una motocicletta modello Kawasaky Ninja e intima l’alt con la paletta di servizio. Il conducente accelera dirigendosi verso la circonvallazione: ne nasce un lungo inseguimento prima sulla circonvallazione in direzione Bari alla velocità di 200 Km/h, successivamente il motociclo imbocca lo svincolo di via Trinitapoli rientrando in città, dove, nei pressi del Tribunale, veniva intercettata da una Volante del Commissariato di Polizia di Cerignola. L’inseguimento proseguiva su via Borsellino dove il motociclo veniva intercettato anche da una pattuglia del Nucleo Radiomobile dei Carabinieri della locale Compagnia di Cerignola che si accodava all’inseguimento.

La moto veniva seguita su via Milano dove effettuava una serie di manovre pericolose salendo sul marciapiede malgrado la presenza di numerose persone. Scesi dal marciapiedi i due conducenti imboccavano via XX settembre dove la Volante della Polizia di Stato riusciva a sbarrargli la strada costringendo il conducente del motociclo a dirigersi verso il marciapiede tentando di salirlo per disimpegnarsi dall’autovettura della Polizia, manovra che non riusciva in quanto i due individui cadevano rovinosamente al suolo. I due si rialzavano e cercavano di darsi alla fuga a piedi ma venivano immediatamente inseguiti e bloccati. Durante l’inseguimento a piedi l’individuo che sulla moto occupava il sediolino posteriore, avrebbe cercato di liberarsi di un passamontagna gettandolo oltre la recinzione della villa comunale.

Per riuscire a bloccare i due individui gli agenti e i carabinieri sarebbero stati costretti ad una violenta colluttazione, fino a dichiarare in arresto i due uomini. Lesioni per i due Carabinieri durante la colluttazione, lesioni giudicate guaribili dal locale Pronto Soccoroso in una decina di giorni salvo complicazioni.

I due arrestati ieri a Cerignola

I due arrestati ieri a Cerignola, G. Carosiello e P. Monopoli (St)

GLI ARRESTATI – Si tratta di Giovanni Carosiello, di anni 27, conducente della motociclo e Pasquale Monopoli, di anni 30, passeggero, volti noti alle forze dell’ordine per i numerosi precedenti a loro carico. Sono in corso indagini per riuscire a comprendere la reazione dei due fuggiaschi considerato che il motociclo non risultava rubato, la targa era stata piegata verso l’alto in modo da non poterla leggere e soprattutto per riuscire a capire a cosa servisse il passamontagna che Monopoli ha tentato di buttare via.


Redazione Stato



Vota questo articolo:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi