FoggiaManfredonia
"Per assumere a Roma un prestigioso incarico alla Direzione Investigativa Antimafia"

Il Colonnello Basilicata lascia, dopo 4 anni intensi, il Comando Provinciale CC di Foggia

Particolare attenzione è stata posta anche al contrasto del fenomeno dell’assenteismo nella pubblica amministrazione

Di:

Foggia. Il Comandante Provinciale dei Carabinieri, Colonnello Antonio Basilicata, il prossimo 26 settembre, lascerà il Comando a Foggia per assumere a Roma un prestigioso incarico alla Direzione Investigativa Antimafia. Notevole è stato l’impegno dell’Arma dei Carabinieri negli ultimi quattro anni sia sul fronte preventivo, sia su quello repressivo.

Al fine di rendere più efficace l’azione di contrasto al crimine in una provincia così vasta come è quella di Foggia, sono stati perseguiti obiettivi strategici in materia di criminalità organizzata e tutela della circolazione stradale e con il compito di assicurare un adeguato e capillare controllo sulle principali arterie d’ingresso alle città, finalizzato ovviamente anche alla prevenzione e repressione di comportamenti illeciti sotto il profilo penale, sono stati disposti innumerevoli servizi a largo raggio.

L’attenzione dell’Arma è sempre stata rivolta a tutti i settori di competenza, con particolare riferimento alla prevenzione e repressione dei reati predatori, a quelli derivanti dall’uso e lo spaccio di sostanze stupefacenti ed all’ingerenza della criminalità nella pubblica amministrazione. Il particolare impegno nell’attività di prevenzione si è concretizzato in un aumento costante della proiezione esterna dei Carabinieri in termini di pattuglie e perlustrazioni con il risultato di aumentare il controllo del territorio, l’attività informativa e la percezione della sicurezza.

Prioritario è stato poi, sul fronte repressivo, il contrasto alla criminalità organizzata, attraverso la disarticolazione dei sodalizi, la cattura dei latitanti e la sottrazione dei patrimoni illecitamente accumulati.

In merito si segnalano le seguenti operazioni di servizio:
– l’operazione “BABELE” del gennaio 2015, contro i gruppi criminali emergenti di Trinitapoli dediti al traffico di sostanze stupefacenti ed estorsioni aggravate dalla metodologia mafiosa;
– l’operazione “PECUNIA” dell’ottobre 2014, contro il clan Masciavè di Stornara;
– le operazioni contro la società foggiana “GOOD FELLAS”, “GOTHA 2013” e, in collaborazione con il ROS di Bari “CORONA”, tutte della seconda metà del 2013;
– l’operazione BLACK LAND dell’aprile 2014, in collaborazione con il NOE di Bari, che ha smantellato un’organizzazione dedita al traffico illecito di rifiuti che da alcune zone della Campania sono stati “tombati” in cave dismesse nell’agro di Ordona e in altri terreni della provincia di Foggia.

Conferenza stampa CC, 15 gennaio 2015, Colonnello Basilicata e Comandante dei carabinieri di Manfredonia Cap. Miggiano (ph: V.MAIZZI)

Conferenza stampa CC, 15 gennaio 2015, Colonnello Basilicata e Comandante dei carabinieri di Manfredonia Cap. Miggiano (ph: V.MAIZZI)

Particolare attenzione è stata posta anche al contrasto del fenomeno dell’assenteismo nella pubblica amministrazione che si è concretizzato nell’esecuzione, in due distinte operazioni, di ordinanze di misura cautelare nei confronti di impiegati della Provincia (aprile 2015) e del Comune di Foggia (maggio 2016). Numerose sono state poi le operazioni portate a termine contro autori di reati predatori ed in particolare si ricordano quelle di Vico del Gargano, operazione BANDA BASSOTTI dell’aprile 2015, che ha smantellato un’organizzazione composta da 12 persone dedita ai furti in abitazione, STOP AND GO del gennaio 2015 che ha portato all’arresto di soggetti cerignolani specializzati nelle rapine ai distributori di benzina e PREDATOR, dell’ottobre 2014, che ha portato all’arresto di un gruppo di cerignolani dediti agli assalti ai TIR.

Sono stati risolti anche importanti casi di omicidio, che hanno destato particolare impressione nell’opinione pubblica ed in particolare le indagini dei Carabinieri di Foggia hanno permesso di identificare gli autori dell’omicidio di Angelo Radatti ad Apricena del dicembre 2013, di Pasquale Del Grosso ad Ascoli Satriano del gennaio 2014 e dei due casi di rapina tragicamente degenerata nell’uccisione della vittima: l’omicidio di Antonio Carafa a San Severo nel febbraio 2016 e quello di Giuseppe Ciuffreda lo scorso maggio.

Per ultimo, in ordine di tempo, il contrasto al caporalato, grazie ad una task force interforze che, nei giorni scorsi, ha effettuato una serie di mirati controlli nelle campagne della provincia al fine di attuare una decisa azione di contrasto a tale fenomeno criminale, identificando e denunciando sei cittadini stranieri per esercizio abusivo dell’attività di intermediazione di manodopera.

Al Colonnello Antonio Basilicata subentrerà il Colonnello Marco Aquilio, 45 anni, che ha avuto quale ultimo incarico il Comando del Nucleo Investigativo del Gruppo CC di Roma – Frascati.

FOTOGALLERY

REDAZIONE STATO QUOTIDIANO.IT – RIPRODUZIONE RISERVATA



Vota questo articolo:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati