FoggiaManfredonia
"Ma per la Provincia non utili al tavolo di concertazione per le infrastrutture"

Damiano Gelsomino: noi in prima linea per il Gino Lisa

Di:

Foggia. Dopo l’ennesima convocazione di una riunione a Palazzo Dogana sul tema infrastrutture – in programma per martedì prossimo – che esclude le associazioni di categoria di agricoltura, commercio, turismo e artigianato, la Confcommercio provinciale di Foggia, con il suo presidente Damiano Gelsomino prende posizione e rivendica il ruolo attivo messo in campo in questi mesi e concretizzatosi con la nomina di un proprio esperto a supporto del gruppo di lavoro per la notifica all’Ue per il Gino Lisa.

Un approccio maturo e responsabile all’annosa carenza di infrastrutture in provincia di Foggia, necessita di impegni concreti e propositivi

Un approccio maturo e responsabile all’annosa carenza di infrastrutture in provincia di Foggia, necessita di impegni concreti e propositivi. Ciascun soggetto, sia pubblico che privato, deve fare la propria parte, cercando di superare gli individualismi, andando oltre le recriminazioni che, pur se in alcuni casi sacrosante, non permettono di raggiungere l’obiettivo. Obiettivo che deve essere quello di dare alle imprese ed ai cittadini di questa parte di Puglia, una dotazione di infrastrutture di servizio in grado di accompagnare lo sviluppo. Per fare questo serve un lavoro di squadra funzionale a dare alle richieste del territorio basi solide su cui poggiare. Con questo spirito Confcommercio, si è fatta carico a proprie spese di mettere a disposizione di Aeroporti di Puglia, per il gruppo di lavoro che deve redigere la nuova notifica alla DG Concorrenza della Commissione Europea per l’allungamento della pista del Gino Lisa, una professionalità esperta quale quella di Benedetto Fanelli, in affiancamento al prof. Oliviero Baccelli e all’avvocato Vania Romano nominati dalla Regione.

Gino Lisa (statoquotidiano)

Gino Lisa (statoquotidiano)

Un modo concreto, in questa delicata fase per le prospettive di sviluppo dell’aeroporto foggiano, per dimostrare la volontà e l’impegno delle imprese del territorio, insieme alla Camera di Commercio e al Comune di Foggia, di essere parte attiva di un nuovo modo di procedere. Con lo stesso spirito propositivo, pur non essendo stati direttamente coinvolti, abbiamo inteso esprimere il nostro apprezzamento per l’obiettivo raggiunto in materia di infrastrutture con la firma del Patto per la Puglia. Quello che però constatiamo con rammarico è che, pur a fronte di un atteggiamento responsabile e propositivo, non tutti gli Enti del territorio dimostrano pari attenzione e sensibilità. Nonostante le rimostranze, le lettere le richieste più o meno formali di coinvolgimento, la Provincia di Foggia continua a ritenere il partenariato socio-economico per la nuova programmazione, organizzato velocemente nei mesi scorsi proprio in vista della firma del Patto per la Puglia, un affare per pochi.

Ancora una volta ci è giunta notizia della convocazione di quella che qualcuno ritiene debba essere “la cabina di regia” per le progettualità future senza alcuna attenzione per le organizzazioni di categoria dell’agricoltura, del commercio, del turismo e dell’artigianato. Onestamente ci sfuggono le ragioni di tale perseveranza. Noi ribadiamo, e lo abbiamo dimostrato con i fatti, che le polemiche non ci interessano e sulle infrastrutture – su tutte le infrastrutture utili per il territorio – siamo sempre favorevoli e pronti a collaborare con chiunque. Non vorremmo che qualcuno pensasse che ci sono battaglie politiche, dai risultati incerti come quella sull’aeroporto, in cui siamo utili; altre, più semplici da gestire, in cui selezionarsi gli interlocutori!

REDAZIONE STATO QUOTIDIANO.IT – riproduzione riservata



Vota questo articolo:
1

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati