GarganoManfredonia
Fonte letteremeridiane

Il modello Briatore si addice al Gargano (di Rosa Totaro)

Il suo lavoro consiste nel "tradurre" e dar concretezza ai sogni dei ricchi

Di:

Rosa Totaro è un architetto. Manfredoniana (“ed orgogliosissima di esserlo”, precisa), vive e lavora in Toscana, occupandosi di progettazione ed allestimento degli interni dei mega yacht. È un’esperta del settore del lusso che vive professionalmente, e da più di dieci anni. In un certo senso, il suo lavoro consiste nel “tradurre” e dar concretezza ai sogni dei ricchi.
Uno yacht è quanto di più superfluo ci possa essere: è un sogno, una sfida, a volte una sorta di competizione.

fonte, articolo completo leggilo su letteremeridiane.blogspot.it



Vota questo articolo:
5

Commenti


  • Antonello Scarlatella

    Nel pieno rispetto per la Dott.essa Totaro e per Briatore il nostro territorio ha una vocazione differente dalla costa tirrenica o Sardegna.
    Il turismo di lusso è un turismo altamente stereotipato l offerta turistica della nostra regione Gargano compreso è tutt’altra come un po in tutta la costa adriatica.
    Creare strutture per ricchi sarebbe inutile e dispendioso, inoltre riempiremmo ancora di più le nostre coste di inutile cemento armato.
    Chi viene nella nostra regione anche il ricco vuole proprio le masserie, quelle che masserie che Briatore dando una sua errata chiave di lettura sono meta di vacanzieri e matrimoni del jet set internazionale, da sceicchi a paperoni italiani.
    Il riscontro lo abbiamo già avuto con i porti turistici.
    Sia quello di Rodi che quello di Manfredonia. Un flop assoluto.
    Ma perché? Perché noi non siamo il mar tirreno. Noi siamo il Mar Adriatico. L adriatico è un mare con poche isole e poche mete. Quindi un mare a diversa vocazione.
    Inoltre ricordiamoci che la Puglia negli ultimi anni come ricezione è al top delle classifiche internazionali.
    Quindi perché cambiare modello di business? Miglioriamo a limite quello in essere.


  • Antonino

    Caro BRIATORE, se tu ami far le vacanze da ricco miliardario, valle a fare in Costa azzurra e non venire in Puglia, perché certi tipi non li vogliamo, e non meritano di calpestare la nostra terra.
    Ricordati di pagare le tasse e non fare l’ EVASORE, come fanno la maggior parte dei miliardari italiani.
    C’e’ un detto popolare che dice: ” Au purk, quando u grass e’ arrivt n’ ghann, volesse skannt.


  • Marilena

    Se non galleggiasse la cacca sull’acqua a Vignanotica sarebbe meglio


  • Lelio

    Come facciamo a fare un turismo x ricchi quando non abbiamo strade idonee x raggiungere località come vieste. Ma voi sapete x i settentrionali che escono a Poggio Imperiale, dopo aver percorso il tratto di superstrada che finisce a vico del Gargano x arrivare a Vieste km.34 ,impiegano quasi 2 H. e non ci sono altre strade di collegamento. Chi x circa 30 anni ha voluto questo? Cerco una risposta adeguata grazie.


  • Antonello Scarlatella

    Lelio il turismo si fa con il cervello non con le strade. Fatti un viaggio in Trentino o in Umbria. C’e’ sempre qualcosa che ci manca per fare una cosa. Una volta è l aeroporto, poi le strade, poi i porti..ma l unica cosa che manca è la VOLONTA’ e lo spirito di abmegazione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati