BATEditoriali

Parco Alta Murgia,aspettando la fine lavori della “Masseria Filieri”

L’Amministrazione comunale sollecitata dal Parco invia gli elaboratori progettuali e quelli inerenti la sicurezza

Di:

Bari. Nessun segno di vita umana, il giorno 23 settembre 2016, fuori e dentro l’edificio denominato Maseria Filieri. Si trova in territorio di Poggiorsini, nei dintorni dell’ipotetico tracciato della Via Appia Antica,a un chilometro dalla Stazione dismessa e abbandonata da Ferrovie dello Stato spa.

A metà aprile scorso i vertici del Parco dell’Alta Murgia assegnano 250 mila euro al Comune di Poggiorsini.E’ il pagamento delle spese di gara e acconto lavori “… a tutto il 4° e ultimo S.A.L.”. Per fare? Recupero funzionale della Masseria Filieri e creazione di un centro prima accoglienza e ospitalità dei visitatori del Parco.

Risale al 6 aprile 2010 il contratto firmato tra Ente Parco e Comune. L’opera finanziata dal Parco con un milione e 200 mila euro. Il Comune,essendo proprietario dell’immobile, mette a disposizione la masseria e svolge la gara d’appalto. Quest’ultima e relativa progettazione aggiudicata il 12.11.2012 all’impresa Apulia srl di Fatigati Salvatore,sede legale Gravina in Puglia.
La Soprintendenza Beni architettonici e paesaggistici, nel 2013, dà il via libera all’iniziativa a condizione che “gli spazi non vengano pavimentati con betonelle,bensì con materiale in pietra calcarea”. L’Amministrazione comunale sollecitata dal Parco invia gli elaboratori progettuali e quelli inerenti la sicurezza.

Dopo aver esaminato i documenti i responsabili del Parco evidenziano “ rilevanti criticità negli elaborati forniti dalla ditta vincitrice dell’appalto”, e avviano la procedura di contestazione.
In data 7 aprile 2013 il sindaco poggiorsinese chiede all’Ente Parco di fare una riunione sulla questione “Masseria Filieri”. I dirigenti del Parco al termine dell’incontro decidono di annullare la convenzione sottoscritta il 6 aprile 2010. A questo punto il Comune ricorre al Tar,che rigetta la domanda tramite ordinanza n.00468/2013.

Sindaco e assessori interpellano il Consiglio di Stato. I giudici recepiscono la richiesta “… ai soli ed esclusivi fini della sollecita trattazione della causa nel merito da parte del primo giudice(Tar,ndr),ferma restando l’efficacia della determinazione amministrativa oggetto di controversia”. Nelle more dell’udienza davanti al Tar la dirigenza del Parco e il Comune stipulano una “definizione bonaria del contenzioso”. Di qui scaturisce un addendum–stante il protocollo dell’anno 2010–concordato tra le parti a metà maggio 2014.

I lavori dentro e fuori Masseria Filieri iniziano il 22 luglio dello stesso anno.

Quando avverrà la consegna del manufatto riammodernato? Non è dato apere.

(A cura di Nino Sangerardi, autore del testo ‘Quello che i pugliesi non sanno’)



Vota questo articolo:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati