GarganoManfredonia
"Da opposizione che ha a cuore il destino della Puglia ed il servizio offerto ai cittadini"

Riordino, Gatta e Caroppo “Stralci il piano e apra al confronto”

"È un passo -aggiungono- che Emiliano deve ai pugliesi che lo hanno votato non per ratificare gli indirizzi del governo nazionale, ma per amministrare la Regione"

Di:

Foggia. “La credibilità di questo governo regionale sta scricchiolando dietro le polemiche su un atto fondamentale come il Piano di Riordino ospedaliero. Da opposizione che ha a cuore il destino della Puglia ed il servizio offerto ai cittadini, invitiamo Emiliano a fare mea culpa e ad azzerare il lavoro fatto fino ad oggi: stralci il suo piano e cominci a condividere da zero scelte e prospettive con il Consiglio regionale, i medici, gli operatori, i sindacati, i comitati e gli amministratori locali”. Lo dichiarano il presidente del Gruppo consiliare di Forza Italia, Andrea Caroppo, ed il vicepresidente del Consiglio regionale, Giandiego Gatta.

“È un passo -aggiungono- che Emiliano deve ai pugliesi che lo hanno votato non per ratificare gli indirizzi del governo nazionale, ma per amministrare la Regione. Una Regione -e lo dicono oggi anche i sindacati- che resta fanalino di coda nell’erogazione di servizi sanitari efficienti. I cittadini sono stanchi di manovre e mal di pancia nel centrosinistra e sono stufi di pagare le tasse per vedere chiudere reparti ed ospedali in perfetta continuità col governo Vendola. Abbiamo chiesto le dimissioni da assessore di Emiliano, ma il presidente continua a custodire gelosamente la delega senza passi in avanti. Per questo, chiediamo l’azzeramento del Piano e la sua completa riscrittura, seguendo un iter procedimentale corretto e partecipato. Del resto -concludono Caroppo e Gatta- Emiliano sbandiera spesso la sua disponibilità alla partecipazione: bene, ora passi dalle parole ai fatti”.

REDAZIONE STATO QUOTIDIANO.IT



Vota questo articolo:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati