FoggiaGarganoManfredonia
Nel pomeriggio i funerali di Nicolina Pacini

Quindicenne uccisa a Ischitella, Grasso: “Scusa a nome di noi uomini”

“Di Paola non aveva accettato la volontà manifestata dalla donna di porre fine alla loro relazione sentimentale e, con folle lucidità, ha deciso di vendicarsi nei suoi confronti, tentando di uccidere la figlia“


Di:

Roma. “Scusateci tutte, è colpa nostra, è colpa degli uomini. Non abbiamo ancora imparato che siamo noi, noi uomini, a dover evitare queste tragedie, a dover sempre rispettarvi, a dover sradicare quel diffuso sentire che vi costringe a stare attente a come vestite o a non poter tornare a casa da sole la sera. È un problema che parte dagli uomini e solo noi uomini possiamo porvi rimedio”. Lo ha detto al Tg1 il presidente del Senato, Piero Grasso.

“A quindici anni si ha il diritto di andare a scuola con la testa piena di sogni. Avevi tutta una vita davanti, ma un uomo ha scelto di spezzarla con una violenza inaudita. Purtroppo non sei la sola ad aver avuto questo terribile destino: tante, troppe donne sono morte o sono rimaste profondamente segnate da violenze, discriminazioni, molestie, stupri”, ha evidenziato Grasso.

Nel pomeriggio i funerali della giovane

Intanto, si svolgeranno nel pomeriggio, alle ore 15.30 nella Chiesa Madre ad Ischitella, i funerali di Nicolina Pacini, la 15enne morta dopo un colpo di pistola sparatole al volto dall’ex compagno della mamma. Il sindaco del Comune garganico, Carlo Guerra, ha preannunciato per domani una giornata di lutto cittadino.

La mamma accusa

“Sapevo che aveva una pistola e l’ho anche detto ai carabinieri quando ho presentato le denunce perché mi minacciava: ho ancora i messaggi conservati sul telefono. Era un violento, sapevo che c’era pericolo per i miei figli“. Così all’Ansa Donatella Rago, mamma di Nicolina, riferendosi all’ex compagno Antonio Di Paola, pregiudicato 36enne del luogo, suicidatosi con un colpo di pistola, una semiautomatica cal. 22, probabilmente utilizzata dallo stesso contro la ragazza.

“Andrò a Foggia e comprerò a mia figlia il vestito più bello che c’è, perché me l’hanno lasciata nuda, non mi hanno fatto neppure trovare i suoi vestiti“. Accuse della donna verso alcuni familiari.

Come riferito dagli inquirenti, in passato vi erano stati già dei violenti litigi tra la mamma di Nicolina e Di Paola, a seguito dei quali la donna aveva deciso di lasciare l’uomo, nei cui confronti i Carabinieri del posto, a seguito delle denunce presentate, erano intervenuti con mirate perquisizioni personali e domiciliari, conclusesi con esito negativo. In un caso, nel 2016, i Carabinieri erano arrivati al suo deferimento per porto illegale di un coltello a serramanico, trovatogli in una tasca dei pantaloni.
Antonio Di Paola, 36enne

“Di Paola non aveva accettato la volontà manifestata dalla donna di porre fine alla loro relazione sentimentale e, con folle lucidità, ha deciso di vendicarsi nei suoi confronti, tentando di uccidere la figlia“. Un tentativo terminato con la morte della giovane.

Redazione StatoQuotidiano.it

Quindicenne uccisa a Ischitella, Grasso: “Scusa a nome di noi uomini” ultima modifica: 2017-09-23T10:11:22+00:00 da Redazione



Vota questo articolo:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Share This