Manfredonia

Nigro: “verso chiusura tratta FS Foggia-Manfredonia “


Di:

Esterno Stazione di Manfredonia (Ph: Marcello Castigliego)

Foggia – ALL’INDOMANI dello sciopero, indetto dalle maggiori sigle sindacali, che ha interessato il personale tutto di Trenitalia, il Partito dell’Italia dei Valori solidarizza con i tanti che hanno manifestato il proprio dissenso scioperando, esprime il responsabile del dipartimento tematico “trasporto e viabilità” Idv Puglia Pasquale Nigro.

“Una protesta, ricordiamo, contro le scellerate scelte dei vertici aziendali, ma soprattutto contro i tagli (il 70% al Trasporto Pubblico Locale) che questo governo di centro destra ha inserito nell’ultima manovra finanziaria di agosto”. In Capitanata le maggiori ripercussioni: “si va dal ridimensionamento degli uffici (Impianti di riferimento personale di bordo e macchina, Ufficio Gestione Merci FFSS Cargo, chiusura dell’Ufficio Sanitario FFSS) al depotenziamento dell’OGR di viale Fortore, senza contare le soppressioni prima di semplici fermate e successivamente di intere linee. Sono stati cancellati i treni Eurostar da e per Roma, il “baffo” operato a Foggia e al Nord Tavoliere sull’alta capacità Bari-Napoli-Roma, per poi passare al famoso raddoppio ancora da effettuare sulla Lesina-Termoli, chiusura della linea Rocchetta-Gioia del Colle e della Barletta-Spinazzola. “Ma non è tutto, già si parla di nuovi tagli in vigore dal 31 dicembre prossimo. Da indiscrezioni i treni intercity notte Milano e Bolzano saranno accorpati e le carrozze del “servizio notte” soppresse, ripercussioni sul personale in esubero, 800 lavoratori di cui una cinquantina nostri conterranei”.

Lo stesso dicasi della linea ferroviaria “a spola” Foggia-Manfredonia, da voci, anch’essa chiuderà e sarà sostituita da corse delle Ferrovie del Gargano. Questo il quadro del trasporto su ferro nella nostra provincia, ricordiamolo di nuovo, un trasporto sottoposto a continui tagli non può che non portare al deraglio il nostro già precario sviluppo economico, servono provvedimenti volti al potenziamento delle linee e al miglioramento dei servizi”, conclude dal Partito dell’Italia dei Valori Pasquale Nigro.


Redazione Stato@riproduzione riservata

Nigro: “verso chiusura tratta FS Foggia-Manfredonia “ ultima modifica: 2011-10-23T16:26:22+00:00 da Redazione



Vota questo articolo:
13

Commenti


  • soldatindipiombo

    Voci insistenti danno per scontato che tra qualche anno anche il mare verra’ portato via da Manfredonia.


  • puffetta 79

    e no,almeno quello lasciatecelo………………!!!!


  • U Baluard

    ma perché questa classe politica di Manfredonia non si esprime unitariamente a favore del nostro paese. Eppure vedo il nostro Bordo al fianco di bersani, il nostro Leone addirittura in prima fila con Berlusconi e Napolitano. Non credo che loro stessi vogliamo tutto questo. Attenzione non vorrei che il posto turistico sia un flop. Si perché se non si ampliano le strutture di collegamento il rischio è quello. In non credo che noi Manfredoniani ai andremo a mettere le nostre barche. Concludo facendo un’ppello sve0gliat


  • michele

    ……..quel treno è perennemente vuoto. Per due tre persone che ci salgono, un fiume di macchine rimane ferma al passaggio a livello collocato sulla strada per Zapponeta. Se levano la tratta, il trasporto (e quindi l’economia) senz’altro migliorerebbe in quell’arteria stradale, così importante x il nostro territorio.


  • Anonimo

    Salve, rispondo a U BALUARD, il porto turistico non è un flop, forse non saremo solo noi amanfredoniani a mettere le nostre barche, ma anche turisti provenienti da varie località…ricorda dove c’è turismo c’è$$$$$$$!


  • Paolo Ottavio

    rispondo a @michele
    egregio come fa lei a dire che quel treno è perennemente vuoto????
    io sono uno studente pendolare e vedo ogni volta che prendo il treno (a qualsiasi orario) almeno la metà dei posti disponibili pieni (a volte è capitato anche di non trovare posto)
    Ora secondo lei togliendo il treno come faranno i LAVORATORI e gli STUDENTI pendolari a raggiungere foggia????
    devono adeguarsi con i pulmann (dove capita spesso che si è costretti a rimanere in piedi) o devono adeguarsi con le proprie macchine???sig. michele è questo il vero problema da porsi no delle macchine che si fermano al passaggio a livello anche xk non stanno ferme + di 5 minuti

    Con rispetto


  • Mimosa

    Cari amministratori c iricorderemo anche di questo. I pullman fanno schifo: sono vecchi, puzzano e la gente in piedi è stipata non oltre il limite legale ma bensì oltre il senso di ogni buon senso: signore di 50 anni e 90 km che si reggono con una mano, donne in attesa che non vengono o non possono passare per sedersi e le Ferrovie e Sita gongolano perchè non faranno niente e guadagneranno il quadruplo. Cari amministratori anche di questo ci ricorderemo ad aprile 2012


  • Mimosa

    x Michele: si vede che ha fatto delle scuole grosse di economia

    La nuova onda del turismo, del porto e poi al posto di fare un treno metropolitano fino a mattinata, chiudete tomabalmente tutto il Gargano ( ah no: S.Severo la conserva la ferrovia verso la costa…chissà perchè )


  • michele

    X Ottavio: è sempre un piacere incontrare persone educate come te. Il numero dei passeggeri è diminuito e ciò lo dimostra il fatto che dalle due carrozze, ora ne è rimasta una. Rispetto a tanti anni fa, personalmente ho notato pochi passeggeri. Questa è ovviamente solo la mia impressione. Un saluto.


  • Paolo Ottavio

    x michele
    Grazie per l’educato….comunque anche se il numero dei passeggeri è minore rispetto a qualche anno fa non si può dire che il treno non sia funzionale….anzi personalmente preferisco il treno al pulman xk x quest’ultimo c’è sempre bagarre per i posti e spesso si vede gente in piedi x 50 minuti e credimi a volte è capitato a donne incinta…..dispiace che il treno non sia sempre stra pieno ma è funzionale x tutti i pendolari
    Un saluto.


  • michele

    X Mimosa: sono dell’avviso di potenziare il trasporto su gomme in modo da eliminare un binario che di per sè, separa una parte della città dal mare. Manfredonia città turistica? Politici e speculatori dal ’60 ad oggi hanno fatto di tutto per non rendere Manfredonia una città turistica. Con la scusa di dare il lavoro ai giovani, Manfredonia è’ stata circondata da n.2 zone industriali (a Macchia e in zona PIP…verso la chiesa di S.Leonardo), e stata privata del suo bene principale qual’è la costa, cementandola quasi totalmente con la realizzazione di n.5 porti (porto in costruzione dell’Inside in zona ex Enichem, porto industriale, porto Cala delle sirene presso acqua di Cristo, porto commerciale dove sono ormeggiati i pescherecci e l'”ECOporto” turistico). Inquinamento del mare attraverso gli scarichi nel fiume Candelaro. Distruzione del centro storico. In fine, il Comune, pare che abbia intenzione di concedere il cambio di destinazione d’uso, a tutti gli alberghi(hanno già iniziato con l’Hotel Riviera). Risultato? I giovani hanno continuato e continuano ad emigrare e di contro abbiamo una città sfregiata. Concludo; la presenza della ferrovia, secondo me, avrebbe un senso solo se la nostra Città fosse realmente una meta turistica. Se fosse così…bè…sarei veramente felice.


  • toto'

    E’ UNA VERGOGNA UNO SCANDALO MA PER NOI PENDOLARI NON C’è RISPETTO ORMAI ANDARE A LAVORARE è UNA CORSA AD OSTACOLI ANZICHE’ POTENZIARE QUI CANCELLANO…..E VAI NELLO SPROFONDO SUD…EVVIVA I POLITICI E TUTTI I SOLDI CHE SI FREGANO!!!! MA UN TAGLIO AL LORO BIVACCO NOOOOO?????


  • toto'

    PER FORTUNA CHE HANNO FATTO IL PORTO….MI E’ VENUTA UNA’IDEA MA UN MOTOSCAFO CHE COLLEGA FOGGIA VIA CANDELARO?….MA JIETVINN!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Share This