Stato prima
Lo si legge nel testo del decreto fiscale

Dal primo luglio 2017 addio Equitalia

Presidente dell'ente sarà il direttore dell'Agenzia delle Entrate

Di:

(ANSA) – ROMA, 22 OTT – Equitalia sarà sciolta e a partire dal primo luglio 2017 al suo posto sarà istituito un ente pubblico economico, denominato “Agenzia delle Entrate-Riscossione”, sottoposto all’indirizzo e alla vigilanza del Mef. Lo si legge nel testo del decreto fiscale, bollinato dalla Ragioneria e datato 21 ottobre. Presidente dell’ente sarà il direttore dell’Agenzia delle Entrate.

Da multe a Iva, ecco come si rottama la cartella

(wikipedia) Equitalia S.p.A. è una società italiana a totale controllo pubblico, incaricata della riscossione dei tributi su tutto il territorio, con l’eccezione della Sicilia. È partecipata al 51% dall’Agenzia delle Entrate e al 49% dall’INPS.

Cenni storici. Fino al 1990 in Italia la riscossione era affidata a una pluralità di soggetti privati, che operavano in ambiti molto piccoli, a volte anche più di uno all’interno di un territorio provinciale. A far tempo dal 1990, con l’entrata in vigore del D.P.R. n. 43/1988, furono istituiti concessionari a livello provinciale e infra provinciale che avrebbero dovuto unificarsi, al solo livello provinciale, entro il 1995.

La riforma della riscossione è avvenuta con l’entrata in vigore dell’art. 3 del D.L. 30 settembre 2005, n. 203 deliberato dal Governo Berlusconi III, convertito con modificazioni nella legge 2 dicembre 2005, n. 248. con la costituzione di Riscossione S.p.A., che il 12 marzo 2007 ha preso come nome Equitalia S.p.A.

Fino al 30 settembre 2006 la riscossione era affidata in concessione a privati (prevalentemente banche), in numero di circa 40. Con il D.L. 4 luglio 2006, n. 223 il Governo Prodi II autorizza Riscossione S.p.A. a utilizzare i dati in possesso dell’Agenzia delle Entrate. Equitalia dalla sua costituzione, con una campagna di acquisizioni e fusioni, ha ridotto a tre il numero degli agenti della riscossione. In particolare, nell’aprile 2009 l’ambito di Genova passa da Equitalia Polis S.p.A a Equitalia Sestri S.p.A. e l’ambito di Salerno passa da Equitalia Etr S.p.A. a Equitalia Polis S.p.A. A maggio Equitalia Gerit S.p.A. acquista Equitalia Frosinone S.p.A., a giugno, Equitalia Etr S.p.A. incorpora Equitalia Foggia S.p.A., mentre l’ambito di Lucca passa da Equitalia SRT S.p.A. a Equitalia Cerit S.p.A. A gennaio 2010 Equitalia Perugia S.p.A. ed Equitalia Terni S.p.A. si fondono, dando luogo a Equitalia Umbria S.p.A.

A gennaio 2011 Equitalia Etr S.p.A. incorpora Equitalia Lecce S.p.A. Con le operazioni societarie del 1º luglio e del 1º ottobre 2011 e la messa in liquidazione di Equitalia Basilicata S.p.A partecipata da privati, al 31 dicembre 2011 sono operative:
Equitalia Nord S.p.A.
Equitalia Centro S.p.A.
Equitalia Sud S.p.A.
Equitalia Giustizia S.p.A.
Equitalia Servizi S.p.A. incorporata nella capogruppo il 1º luglio 2013

L’efficacia nella riscossione da parte di Equitalia ovviamente si scontra con il fatto, già presente in passato, che la maggior parte delle somme da riscuotere si riferisce a società fallite con pochi o nulli beni ovvero a persone diventate nel frattempo del tutto nullatenenti o defunte (per es. le sanzioni amministrative non sono trasmissibili agli eredi). Comunque, al fine di cercare di agevolare i pagamenti, nel 2013 si è ampliata la possibilità di rateazione, ulteriormente ampliata nel 2014, quando si è anche concesso uno sconto di aggi, interessi e sanzioni (cosiddetto “condono”) per coloro che hanno provveduto al saldo.

Nel 2014, dopo Attilio Befera viene nominato presidente Vincenzo Busa fino al 24 agosto 2016, quando si dimette per entrare alla Corte dei Conti.



Vota questo articolo:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati