CronacaStato news

Parco regionale del fiume Ofanto , presentazione guida

Di:

Il fiume, il territorio, l’habitat, la storia, la cultura, l’enogastronomia sono le gemme rinchiuse in uno scrigno qual è il Parco regionale del fiume Ofanto ancora oggi poco conosciuto. Il fiume, per secoli, ha accompagnato la presenza delle popolazioni nella valle, è stato il collegamento tra l’Adriatico e l’Appennino, ha rappresentato la base di approdo per traffici e commerci provenienti dall’Oriente e animato la cultura espressa nei monumenti diffusi nel territorio. Il fiume, inoltre, è stato testimone di scenari bellici cruenti, ha offerto rifugio, ospitalità e prosperità alle genti d’Apulia. La guida rappresenta per il turista e l’escursionista uno strumento fondamentale per visitare l’habitat, percorrere i suoi sentieri e osservare la flora e la fauna portando alla conoscenza integrale del territorio.

——————————————————————————
Ruggiero Maria Dellisanti: geologo, docente di Geografia economica, vive e lavora a Barletta. La sua professione lo ha condotto ad occuparsi della tutela del territorio e dell’ambiente; i suoi studi e le sue ricerche hanno rappresentato sin dagli anni Ottanta la base per la riscoperta geologica, ambientale e culturale del fiume Ofanto, portandolo a pubblicare saggi sull’importanza ambientale dell’unico fiume della regione Puglia.

Graziana Antolino: laureata in scienze naturali e Guida Ambientale Escursionistica dal 2010. Svolge la propria attività di guida escursionistica e di educazione ambientale nel territorio del Parco Nazionale dell’Alta Murgia dal 2007 collaborando con il Centro di Educazione Ambientale “Ophrys” di Ruvo di Puglia e con l’Ente Parco. Si occupa anche di ricerca in ambito botanico in collaborazione con L’università degli Studi di Bari.



Vota questo articolo:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati